Multi-Catcher: un dispositivo universale per intercettare i cellulari

Tra tutti i sistemi IMSI catcher utilizzabili da forze dell’ordine o enti governativi per intercettare cellulari, smartphone o altri dispositivi mobili, il Multi-Catcher è forse il sistema che più si presta a un utilizzo dinamico su larga scala. Difatti, oltre al tracciamento simultaneo dei codici identificativi IMSI, IMEI e TMSI …

Rapporto Clusit 2018: pericolosa impennata di attacchi informatici in tutto il mondo

Dal Rapporto 2018 della Clusit, l’Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica, emerge tra gli altri un dato davvero preoccupante: nel periodo tra il 2011 e il 2017 si sono registrati a livello mondiale quasi 7.000 attacchi informatici gravi, di cui 1.100 solo nell’anno scorso. Non solo. Nel 2017 si è …

Quanto è utile un’app di criptaggio dati? Ce lo svela una ricerca americana

Per quanto la validità dei programmi di protezione per smartphone possa apparire scontata nonché largamente condivisa, c’è ancora chi si ostina a eludere la loro efficacia, soprattutto per quanto concerne le app di criptaggio messaggi. Sono in tanti, infatti, a disconoscere tuttora il contributo preventivo di questi validi strumenti di …

Come scegliere le migliori microspie senza farsi abbindolare

Ultimamente approdare a un prodotto valido cercandolo su un motore di ricerca sta diventando un’impresa decisamente ardua. Prendete, ad esempio, il caso delle microspie o di altri dispositivi elettronici comunemente utilizzati in ambito investigativo: vedrete che a parte quelle poche aziende serie presenti sul mercato da decenni, vi toccherà imbattervi …

Articoli recenti

Palamara (Anm) sulle intercettazioni: basta strumentalizzazioni. Papa verso l’espulsione della Magistratura

giugno 28, 2011 Intercettazioni No Comments

Basta con le strumentalizzazioni che si stanno facendo sull’inchiesta P4, è «inaccettabile» sostenere che un intervento sulla disciplina delle intercettazioni sia «la priorità». Lo ha detto il presidente dell’Anm, Luca Palamara, nel corso del suo intervento al comitato direttivo centrale dell’Associazione nazionale magistrati.

Avviata la procedura di espulsione
L’Anm ha anche avviato la procedura che potrebbe concludersi con l’espulsione dal sindacato delle toghe di Alfonso Papa, magistrato in aspettativa perchè deputato Pdl, su cui pende una richiesta di arresto nell’ambito dell’inchiesta sulla cosiddetta P4. Il “parlamentino” dell’associazione ha deciso infatti di chiamare in causa il collegio dei probiviri, affinchè decida se Papa può restare iscritto all’Anm o se i suoi comportamenti non suggeriscano di considerarlo fuori. La decisione è stata presa all’unanimità, con solo due astensioni. Una delle quali è venuta «per ragioni di opportunità» dal procuratore aggiunto di Napoli Francesco Greco, che coordina proprio l’inchiesta sulla P4 dei pm Woodcock e

I«Non vorrei ci occupassimo della pagliuzza, anziché della trave»
«Dobbiamo dire in maniera chiara ancora una volta, con riferimento ai fatti che stanno emergendo a seguito dell’inchiesta della Procura di Napoli – ha detto Palamara – che non si possono accettare le strumentalizzazioni dei politici». Non vorrei, ha sottolineato Palamara, «che ci preoccupassimo della pagliuzza anzichè considerare la trave».

Cascini (Anm): no a interventi che limitino la libertà di stampa
Palamara ha ricordato che l’Anm «ha espresso in più occasioni la necessità di selezionare e stralciare il materiale irrilevante, ma in questo momento penso che debba prevalere tutto quello che sta emergendo la cui valutazione deve essere stabilita da un giudice e non dalla politica o da un ministro». Il segretario dell’Anm, Giuseppe Cascini, si è detto favorevole «a un intervento che regoli le modalità di diffusione di intercettazioni non rilevanti». Ma ha aggiunto che l’associazione ritiene «in contrasto con il diritto di informazione qualunque intervento che limiti la libertà di stampa».

Inaccettabile dire che l’emergenza giustizia sono le intercettazioni
«Non possiamo accettare – ha sottolineato Palamara – che anzichè intervenire con urgenza in situazioni drammatiche che più tribunali denunciano in tutta Italia, ancora una volta l’emergenza della giustizia sono le intercettazioni. Di riforma epocale non si parlerà più ma solo perchè molti uffici giudiziari chiuderanno per la difficile situazione nella quale versano».

Si rilanciano temi lontani dalla riforma della giustizia
«I fatti che stanno emergendo sono gravi – ha detto ancora il presidente dell’Anm – ma mi sembra singolare che si rilancino temi che poco hanno a che vedere con le riforme urgenti della giustizia. Invece di preoccuparsi di ciò che sta emergendo, la politica si preoccupa di modificare la disciplina delle intercettazioni».

Schifani: troppi veleni e troppe divisioni
Da Lecce il presidente del Senato, Renato Schifani, ha lanciato un monito: «troppe divisioni, troppi veleni, stanno inquinando i posti della buona politica. Chi ha la responsabilità di governare, lo faccia con sempre maggiore determinazione. Bisogna avere il coraggio e la forza di fare le riforme che servono alla nazione. Soltanto così sarà possibile continuare il percorso virtuoso della modernizzazione: alleggerire il fisco, combattere con giustizia le evasioni, ma senza provvedimenti che possono apparire ingiusti e mortificanti; dare nuovo ossigeno alle piccole e medie imprese e a tutti i centri produttivi, tutelare e dare nuova occupazione». Sulle intercettazioni: «Ormai la misura è colma e credo che con un grande gesto di volontà da parte di tutte le forze politiche si possa trovare una mediazione sulle intercettazioni senza che si gridi alla legge bavaglio». (N.Co.)

Intercettazioni: un decreto del governo?

giugno 24, 2011 Intercettazioni No Comments

Non e’ solo la manovra economica ad assorbire l’attenzione del governo dopo l’esito positivo della verifica parlamentare. Potrebbe tenersi all’inizio della prossima settimana un vertice di maggioranza sul tema intercettazioni per decidere un intervento legislativo mediante decreto legge che ne limiti il ricorso da parte della magistratura.

Precisa Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Pdl alla Camera: ”Il problema c’e’. Lo scandalo e’ la pubblicazione di intercettazioni che attengono perlopiu’ alla vita politica e privata di singoli individui. E’ un gioco al massacro che va fermato”.

Era stato Angelino Alfano, ministro della Giustizia, a sollevare il problema ritenendo ”penalmente irrilevanti” e ”non gratis” le intercettazioni pubblicate in questi giorni relative allo scandalo della P4. Il guardasigilli aveva poi aggiunto che secondo le ultime stime il debito accertato nei confronti degli operatori telefonici si aggira intorno a un miliardo di euro.

Alfano ha inoltre ricordato che nell’ottobre del 2008, pochi mesi dopo l’inizio del suo mandato come ministro, le ditte che fornivano il materiale per le intercettazioni avevano minacciato di bloccare il servizio perche’ non pagate. Grazie al suo intervento, i costi delle intercettazioni sarebbero diminuiti nel loro importo complessivo di un terzo.

Henry John Woodcock, il pm titolare dell’inchiesta sulla P4 insieme al giudice Francesco Curcio, difende la scelta delle intercettazioni perche’ ”gli atti processuali sono stati gia’ esaminati da un giudice e saranno esaminati da altri giudici” che hanno condiviso l’uso delle registrazioni dei colloqui telefonici come strumento d’indagine.

L’opinione di Woodcock e’ condivisa da Giovandomenico Lepore, procuratore capo di Napoli: ”La rilevanza o meno delle intercettazioni va valutata dal magistrato requirente e dal giudice giudicante, cosa che e’ regolarmente avvenuta.

Eravamo obbligati a depositare le intercettazioni per metterle a disposizione della difesa”. Sul costo precisa: ”Se il governo pensa che gravino troppo sul bilancio, le vieti. La crisi economica non puo’ bloccare il lavoro dei magistrati”.

Il guardasigilli replica: ”Quando i pm di Napoli affermano che e’ l’autorita’ giudiziaria a dover valutare la rilevanza di un’intercettazione dicono una ovvieta’. Conoscere i particolari della vita privata di alcuni degli intercettati, ne’ indagati ne’ coinvolti nell’indagine ma solo casualmente ascoltati doveva imporre pero’ ben altra prudenza nella selezione del materiale da depositare”.

Maurizio Gasparri, capogruppo del Pdl al Senato, pur condividendo la necessita’ di un intervento per meglio disciplinare le intercettazioni, segnala che ”da quelle pubblicate in questi giorni si colgono, soprattutto in personaggi non politici, atteggiamenti poco nobili”.

Contro un intervento legislativo prende posizione Massimo D’Alema, Pd, presidente del Copasir, il Comitato parlamentare per la sicurezza: ”Mi sembrerebbe del tutto inopportuno intervenire per decreto. Il governo Prodi aveva presentato un disegno di legge. Il governo Berlusconi lo ha scartato, puntando su una proposta che anziche’ proteggere, come giusto, la privacy, puntava a limitare l’uso delle intercettazioni come strumento d’indagine”.

Netto anche il no di Pier Ferdinando Casini, leader dell’Udc: ”Una legge sulle intercettazioni in questa fase sarebbe intempestiva e sbagliata”. ”Come sempre, quando le intercettazioni permettono di fare emergere il marcio che spesso unisce politica e malaffare, la maggioranza grida alla lesa maesta”’, dice Felice Belisario, capogruppo dell’Idv al Senato.

Intervistato nella trasmissione ”Otto e mezzo” su La7, prende posizione il presidente della Camera Gianfranco Fini: ”Mi auguro che da parte del governo si riponga nel cassetto l’idea di intervenire con un decreto. Vorrei trovare un solo studente di diritto costituzionale, non un docente, che sia pronto a dire che sia rispettato il requisito costituzionale di necessita’ e urgenza”.

Sul tema intercettazioni interviene pure Giulia Bongiorno, Fli, presidente della commissione Giustizia di Montecitorio: ”Esiste un testo sulle intercettazioni sul quale era stato trovato un accordo con il ministro Alfano. Era arrivato in Aula ed era un testo abbastanza equilibrato. Non riesco a capire perche’ sia stato bloccato dalla maggioranza”.

Fonte: www.asca.it

Spionaggio industriale di un calzaturificio

giugno 24, 2011 Intercettazioni No Comments

Un caso di spionaggio industriale, da parte di un calzaturiero civitanovese ai danni di Prada, è stato oggetto di un processo celebrato ieri a Civitanova. Accusato di rivelazione di segreti industriali è Enrico Lorenzetti, titolare dell’omonimo calzaturificio. Il fatto di cui deve rispondere sarebbe avvenuto nel 2009. A far scattare le indagini fu Giorgio Boccedi, direttore della fabbrica di forme per calzature ‘Ifaba’ di Porto Sant’Elpidio.

Boccedi, a gennaio del 2009, sarebbe stato contattato dal calzaturificio Lorenzetti per la realizzazione di alcuni modelli portati in fotografia. L’elpidiense però avrebbe riconosciuto le scarpe ‘Miu Miu’ (del gruppo Prada), e visto che lui lavorava anche per Prada, avrebbe contattato la direzione del marchio, informandoli dell’accaduto, e mostrando le foto avute dal civitanovese. A quel punto sarebbe partita la denuncia, dopo la quale la procura dispose un sequestro a Civitanova: dai computer della ditta Lorenzetti sarebbero saltati fuori i modelli di scarpe che ‘Miu Miu’ non aveva ancora messo in vendita, e che sarebbero state pubblicizzate solamente l’inverno seguente.

Secondo quanto riferito da un dirigente del gruppo Prada, sentito ieri in tribunale a Civitanova, quelle foto sarebbero state scattate da qualcuno – rimasto sconosciuto – nello stabilimento di Montevarchi (Arezzo), e avrebbero raffigurato non solo le scarpe che ‘Miu Miu’ avrebbe proposto per la stagione successiva, ma anche i modelli ideati dai designer che poi erano stati scartati.Il Pm (l’avvocato Giuseppe Marini) ha chiamato a deporre anche altri due testimoni sempre di Prada, che hanno confermato le accuse.

Nella prossima udienza, fissata ad aprile, saranno ascoltati gli altri testimoni per ricostruire la vicenda. Lorenzetti, difeso dagli avvocati Vando Scheggia e Mariaelvia Valeri, respinge le accuse, ed è sua intenzione parlare in aula per dare la sua versione dei fatti, dalla quale emergerebbe la sua assoluta innocenza. L’imputato ritiene che non ci sia stata alcuna rivelazione di segreti industriali, e conta di dimostrarlo attraverso il suo difensore.Sarà il giudice Vittoria Lupi, alla fine, a decidere se l’imputato sia colpevole o meno.

Fonte: www.ilrestodelcarlino.it

Cocaina a minorenne: video shock delle microspie

giugno 24, 2011 Intercettazioni No Comments

Un’indagine che andava avanti dallo scorso mese di febbraio che aveva già portato a marzo scorso all’arresto in flagranza di una donna di quarant’anni, G. S. sorpresa mentre faceva assumere sostanza stupefacente ad una ragazza minorenne che viveva con lei, figlia dell’attuale compagno.

Le immagini sono state diffuse questa mattina dal comando provinciale dei carabinieri di Pescara che all’epoca riuscirono ad intervenire tempestivamente, pochi secondi dopo aver seguito su un monitor a distanza -grazie a telecamere nascoste- quello che accadeva nella casa di Cappelle sul Tavo.

Le indagini sono partite nel mese di febbraio quando i militari della stazione di Spoltore hanno scoperto, grazie ad una fonte confidenziale, che una quindicenne aveva raccontato ad alcuni compagni di classe di aver fatto uso di cocaina proprio grazie all’attuale fidanzata del padre, un autotrasportatore spesso fuori città per lavoro.

Le notizie così delicate e partite da una classe di una scuola di Spoltore sono arrivate ai militari che hanno iniziato le indagini e dopo aver effettuato i primi accertamenti sono riusciti ad individuare la donna e a seguirne alcuni movimenti per capirne le abitudini. I sospetti si sono resi immediatamente fondati e così il pm Barbara Del Bono ha chiesto ed ottenuto dal giudice per le indagini preliminari, Guido Campli, la possibilità di svolgere intercettazioni ambientali, all’interno della abitazione della donna 40enne.

Sono bastati pochi giorni di osservazione e così nel pomeriggio del 1 marzo scorso le telecamere nascoste hanno registrato chiaramente una lunga scena di alcuni minuti nella quale la donna, seduta ad un tavolo, prepara una striscia di cocaina, la seleziona, la dispone sul tavolo, la ordina e poi con la classica banconota accartocciata a mo’ di cannuccia inala.

Poi si alza dalla sedia e fa accomodare la 15enne che prova a imitare, forse un po’ emozionata e titubante, fino al suo primo contatto con la sostanza stupefacente.

Immagini che descrivono un preoccupante disagio nel quale vivono le persone protagoniste di questa storia e che sono in continuo contatto con ambienti legati allo spaccio. Secondo gli inquirenti tuttavia la minore sarebbe stata salvata in tempo.

Pochi minuti dopo l’interruzione del filmato i carabinieri hanno fatto irruzione in casa ed hanno così arrestato la donna accusata di cessione di sostanze stupefacenti, reato aggravato per la presenza della minore e di abuso della relazione domestica e parentale.

La donna insieme alla propria figlia di sette anni è stata affidata ai servizi sociali in attesa di essere giudicata. Anche la 15enne è stata affidata ai servizi sociali mentre il padre sarebbe estraneo alla vicenda e non avrebbe mai sospettato di nulla.

Proprio dalle riprese è stato possibile accertare anche la frequentazione della donna con i due spacciatori arrestati questa mattina all’alba e quindi di estendere le indagini nei confronti di coloro che erano abituali fornitori di cocaina.

In manette sono finiti Costantino Morelli e Sabina di Rocco rispettivamente di 38 e 35 anni, destinatari di una custodia cautelare in carcere per il reato di spaccio continuato di stupefacenti. Gli inquirenti hanno documentato è accertato numerose cessioni di eroina e cocaina anche ad altri tossicodipendenti.

Fonte: www.primadanoi.it

E’ caccia alle microspia da parte di De Magistris

giugno 22, 2011 Intercettazioni No Comments

In gergo tecnico si chiama «bonifica ambientale», vale a dire che specialisti delle forze dell’ordine setacceranno con speciali apparecchiature l’immenso Palazzo San Giacomo per verificare se ci sono microspie. Illegali, vale a dire che non sono giustificate da decisioni della magistratura. I lavori – secondo indiscrezioni molto ben accreditate – cominceranno in queste ore e non è certo un caso che ciò avvenga alla vigilia della prima giunta formale, quella dove si prenderanno le prime vere decisione della sindacatura targata Luigi de Magistris.

È bene sottolineare che non si tratta di una novità. Nel senso che è ordinario, in luoghi come appunto il Municipio, in relazione a cambi della guardia, che si ammettano le bonifiche. Si ricorderà che dopo ogni rimpasto del sindaco Rosa Russo Iervolino questa attività veniva regolarmente messa in campo. Gli uffici dei neoassessori – e anche quello del sindaco – per questo motivo al momento sono particolarmente spogli, non avrebbe senso mettere mobili e qualsiasi tipo di suppellettili sapendo che verranno – diciamo così – smontati. Misure precauzionali – giova ricordare – che non riguardano solo Napoli ma sono appunto di routine ovunque.

Non si trascura, nella sostanza, nessun particolare. Il lavoro vero e proprio del sindaco comincerà dunque domani. Ieri tuttavia c’è stata una pregiunta che il sindaco tratteggia così: «La prima delibera – conferma – sarà quella sui rifiuti». A lavoro anche per capire cosa cambierà con il federalismo fiscale per quello che concerne il bilancio. Ci saranno, per esempio tasse di scopo? «Ci sta lavorando con Marco Esposito, assessore comunale allo Sviluppo, che è un esperto – spiega il sindaco – Sabato parteciperò a una riunione dell’Anci a Ischia su questo tema. Diversamente da quello che ha fatto la Iervolino intendo nominare subito il membro del Copaf, dobbiamo dare peso a Napoli all’interno delle strutture che si occupano di federalismo fiscale e municipale».

Sul versante del bilancio, che va approvato entro il 30 de Magistris ha tenuto una lunga riunione finita a tarda notte con Riccardo Realfonzo assessore che ha la specifica delega. De Magistris guarda oltre la delibera dei rifiuti e sull’acqua pubblica, mette nel mirino i primi cento giorni: «Subito dopo l’estate – annuncia – ci sarà una chiusura molto rigida al traffico nel centro storico con una zona a traffico limitata che non sarà annacquata. Sarà seria e ci stanno già lavorando l’assessore alla mobilità Anna Donati e quello che ha la competenza sulla polizia municipale Giuseppe Narducci». Insomma non ci saranno vacanze per gli assessori.

Fonte: www.ilmessaggero.it

Spionaggio: Ebay accusa Google

giugno 21, 2011 Intercettazioni No Comments

Il sito d’aste fa causa al motore di ricerca: “Per sviluppare il loro sistema di pagamento con il telefonino hanno assunto due nostri ex manager. Sono stati loro a svelare i dettagli dei progetti a cui stavamo lavorando”

E’ guerra tra colossi. PayPal ed eBay hanno deciso di tirare fuori le unghie per difendersi da Google. L’accusa è pesante: spionaggio industriale. La vicenda ricalca, per certi versi, la battaglia scoppiata quattro anni fa tra Ferrari e McLaren. Nel 2007, Nigel Stepney, allora capomeccanico del Cavallino, passò i progetti della monoposto rossa alla scuderia tedesca. La spy story ad alta velocità, che si è trascinata per anni, scatenò il finimondo nella Formula Uno.Oggi, un ciclone simile rischia di abbattersi sul settore dell’informatica. PayPal (acquistata nel 2002 dal sito d’aste) ed eBay hanno infatti deciso di fare causa a Google e a due suoi dirigenti per aver rubato i segreti necessari a realizzare il nuovo sistema di pagamento che, a partire dall’estate, permetterà negli Stati Uniti di usare il cellulare al posto dei contanti. Google, che solo ieri aveva annunciato la nuova iniziativa, deve già affrontare la prima tegola. Per il momento, il motore di ricerca ha deciso di non rispondere alle accuse. “La causa – scrive la Reuters – evidenzia come sia in corso una battaglia a tutto campo per cercare di assicurarsi una posizione di vantaggio in un settore che potrebbe valere qualcosa come un miliardo di dollari”. Il telefonino, secondo gli esperti, è infatti destinato a diventare il portafoglio del futuro.

Secondo eBay, Osama Bedier e Stephanie Tilenius, due ex manager di PayPal passati poi a Google, avrebbero utilizzato le conoscenze acquisite nella loro vecchia azienda per realizzare Google Wallet, il servizio con cui Mountain View è convinta di mandare in pensione banconote e carte di credito. Tilenius ha lavorato per eBay dal 2001 al 2009 e poi è stata consulente della società fino a marzo del 2010. La dirigente è stata assunta da Google con la carica di vicepresidente per l’e-commerce. Secondo il sito d’aste, la donna avrebbe rotto una clausola contrattuale, offrendo a Bedier di passare alla concorrenza. Pochi giorni prima del cambio di casacca, Bedier avrebbe trasferito sul suo pc una serie di documenti in cui erano tracciate le strategie di PayPal per quanto riguarda i pagamenti con i telefonini.

In pochi giorni sarebbe così andato in fumo un lavoro di tre anni: PayPal dal 2008 stava cercando di raggiungere un accordo con Google per gestire le transazioni su tutti i telefonini dotati di Android, il sistema operativo sviluppato da Mountain View. In sostanza, eBay sostiene che il motore di ricerca, assumendo i due manager e rifiutandosi di concludere l’affare, avrebbe in realtà comprato la chiave per abbattere la concorrenza. Il cyber portafoglio vedrà la luce solo tra qualche mese, nel frattempo toccherà al tribunale della California stabilire se c’è già stato un tentativo di scippo.

Fonte: Qn.quotidiano.net

Cina e Giappone, spionaggio a bordo

giugno 21, 2011 Intercettazioni No Comments

Le automobili di Hong Kong sarebbero da tempo sotto il controllo diretto delle autorità di polizia, con queste ultime in grado di intercettare con estrema facilità eventuali contrabbandieri impegnati a trasportare merce oltre confine. I dispositivi per l’intercettazione sarebbero stati installati su migliaia di auto a partire dal lontano 2007. Naturalmente gratis.

Le autorità di Pechino chiamerebbero gli scatolotti radio – non più grandi di un PDA – “schede di ispezione e quarantena”, e stando alle ricerche e analisi di Zheng Liming – professore associato di Ingegneria Elettrica presso l’Università di Hong Kong – si tratterebbe proprio di dispositivi in grado di comunicare con facilità la posizione dell’auto su cui sono installati.

A confermare l’efficacia del dispositivo sarebbero soprattutto i contrabbandieri, i quali già da tempo avrebbero notato una insolita precisione della polizia cinese nell’individuare e “colpire” il bersaglio rovinando il business del bravi ragazzi asiatici. I guidatori, ovviamente, non sono molto felici della scoperta e denunciano l’ennesima violazione alla privacy del governo di Pechino.

Ma in quanto a strumenti di intercettazione o tracciamento anche il mercato non è da meno: esplode nella blogosfera la notizia secondo cui l’automobile elettrica LEAF – realizzata dalla nipponica Nissan – è in grado di comunicare ogni genere di informazioni sull’automobile, la sua posizione geografica e la direzione in cui sta andando nel caso in cui si usi la funzionalità CARWINGS per visionare i feed RSS sullo schermo integrato nel cruscotto. CARWINGS non accetta i cookie, nondimeno potrebbe rappresentare una miniera d’oro per le società alla caccia di dati di geolocalizzazione a fini commerciali.

Fonte: Punto-informatico.it

Congresso colombiano: legalizzato lo spionaggio ai danni di oppositori politici

giugno 21, 2011 Intercettazioni No Comments

Il Congresso colombiano ha approvato la “Legge su Intelligence e Controintelligence”, che secondo quanto denunciato da numerosi analisti è un bieco strumento per legalizzare lo spionaggio di oppositori politici e giornalisti.

In primo luogo, la legge non prevede un meccanismo democratico affinché tutti i mezzi di comunicazione abbiano uguale accesso alle fonti d’intelligence, riservate esclusivamente ai grandi media di proprietà dell’oligarchia al potere, che le utilizzano a proprio piacimento per scatenare montature mediatiche contro gli oppositori al regime fascista colombiano.

Inoltre, un articolo della suddetta legge stabilisce che le intercettazioni e lo spionaggio elettronico in una determinata area geografica potranno essere effettuati senza un’autorizzazione della magistratura.

Dopo lo scandalo delle intercettazioni illegali del DAS, la polizia politica agli ordini della Presidenza della Repubblica, che ha perseguitato sindacalisti, giornalisti, oppositori politici, attivisti dei diritti umani sia in Colombia che in diversi paesi europei, e persino la Sottocommissione per i Diritti Umani del Parlamento Europeo, il governo Santos ora pone le basi per poter proseguire queste attività illecite e criminali in un quadro legale di riferimento compiacente.

Fonte: www.nuovacolombia.net

Nuova svolta sul delitto di Avetrana

giugno 20, 2011 Intercettazioni No Comments

Clamorosa svolta nel delitto di Avetrana, costato la vita alla 15enne Sarah Scazzi, che sarebbe stata strangolata e gettata in un pozzo lo scorso 26 agosto dalla cugina Sabrina Misseri, con la complicità della madre Cosima: proprio la donna sarebbe stata incastrata da un’intercettazione in cui avrebbe intimato al marito Michele, in carcere fino alla fine di maggio perchè si era autoaccusato del delitto, di dire di aver violentato la nipote, pur di scagionare la figlia Sabrina, tirata in ballo proprio dal padre.

Secondo gli avvocati di Cosima, invece, la donna avrebbe solo spronato il marito a dire la verità. Nel dialogo intercettato dagli inquirenti, infatti, Cosima chiede spiegazioni al marito a proposito dei soldi che l’uomo avrebbe consegnato a Sarah (un comportamento molto strano per l’uomo che, secondo i familiari, sarebbe molto attaccato al denaro) e Michele Misseri risponderebbe: “se vuoi che dica che l’ho violentata lo dirò”.

Le intercettazioni confermerebbero l’ipotesi dell’accusa, secondo cui sarebbe stata la gelosia di Sabrina nei confronti del giovane Ivano il vero movente dell’assassinio, mentre Cosima avrebbe aiutato la figlia a strangolare la nipote, mentre Michele Misseri sarebbe intervenuto soltanto successivamente per nascondere il cadavere di Sarah nel pozzo di Contrada Mosca in cui è stato ritrovato.

Cosima sarebbe stata incastrata anche da una controperizia presentata dai Ros in risposta a una perizia della difesa, secondo cui il telefono della donna risulta agganciare la cella del garage di casa Misseri proprio in concomitanza dell’orario in cui Sarah sarebbe stata uccisa. Inoltre, il telefonino di Cosima avrebbe agganciato la cella della zonadi Contrada Mosca in cui si trova il pozzo in cui è stato rinvenuto il cadevere di Sarah.

Fonte: www.adnkronos.com

Cellulari spia: il COPASIR lancia l’allarme

giugno 13, 2011 Spyphone No Comments

In un mondo sempre più controllato da tutto e da tutti la telefonia mobile svolge un ruolo cruciale nelle pratiche più utilizzate per spiare gli altri.
Gli smartphone, lo sappiamo, hanno aperto a nuove ed interessanti possibilità tecnologiche, ma nel contempo hanno moltiplicato i problemi: virus, malware, software illegali attendono il momento ideale per poter sferrare attacchi verso i dispositivi mobili. Notizia di questi giorni è l’allarme lanciato dal COPASIR, il Comitato per la sicurezza della Repubblica, su alcune pratiche di controllo dei terminali tramite un particolare software acquistabile via Internet a basso costo, molto semplice da utilizzare.

Il programma in questione consentirebbe di monitorare costantemente i telefonini, riuscendo a raccogliere tantissime informazioni, come la rubrica, il tabulato delle chiamate, gli sms e altri contenuti. Ma non solo: attraverso questo tipo di programma è possibile è possibile avere a disposizione una vera e propria cimice che registra le telefonate e che fornisce informazioni sulla posizione precisa del cellulare: un cellulare spia.

Fonte: www.iochiamo.com

Bologna: telecamera nascosta in bagno casa studentesse, due denunce dei carabinieri

Un imprenditore edile di anni 32, originario della provincia di Sassari e titolare di una ditta di pronto intervento idraulico con sede a San Lazzaro di Savena, e un suo collaboratore elettricista, un bolognese di anni 30 gia’ noto alle forze dell’ordine, sono stati denunciati dai carabinieri di Bologna per interferenza illecita nella vita privata delle persone.

I due sono accusati di aver nascosto una microtelecamera nel bagno dell’abitazione in cui vivevano due studentesse delle province di Lecce e Varese.
Il reato e’ stato commesso durante i lavori effettuati nel bagno delle due donne che si era allagato per la rottura di una conduttura. Le vittime hanno trovato la telecamera, che era orientata verso il box doccia, nascosta in un barattolo di vernice. Immediata la denuncia e le indagini dei carabinieri che hanno scoperto che l’apparecchio, rimasto nell’abitazione per circa due settimane, poteva fare riprese audio e video ed era attivabile mediante collegamento telefonico. Quando i due sono tornati nell’appartamento per riprendere la telecamera con la scusa di dover eseguire piccoli ritocchi di tinteggiatura sono stati bloccati e denunciati dai militari. … Continue Reading

Microregistratori, scatole nere dell’uomo d’affari moderno

giugno 13, 2011 Microregistratori No Comments

Quando si verifica un disastro aereo, la cosa più importante e’ recuperare la scatola nera dell’aereo distrutto, che contiene informazioni che possono rivelare la causa dello schianto. Anche nella vita di tutti i giorni abbiamo a disposizione delle “scatole nere” sotto forma di microregistratori digitali.

Infatti, i microregistratori, grazie alle loro dimensioni ridotte e all’estrema facilità d’uso, possono essere usati sia per raccogliere appunti vocali, sia per registrare di nascosto, come fossero delle vere e proprie microspie; la differenza con queste ultime sta nella maggiore flessibilità dei microregistratori che possono essere attivati discretamente solo premendo un pulsante senza che nessuno se ne accorga.

Insomma, un microregistratore può esserci utile in qualsiasi momento della giornata: in ufficio, negli studi, in situazioni di svago, di lavoro e per operazioni professionali di investigazione, l’unico limite e’ la capacità di memoria e la nostra fantasia!

Endoacustica distribuisce le ultime novità e gli ultimi arrivi nel campo dei microregistratori, oltre ad occuparsi di sicurezza ed investigazioni, con vendita microspie ed altri accessori utilissimi in questo campo come i software spia per ascoltare un telefono cellulare da distanza illimitata.

Fonte: articlemarketing.biz

Il mercato delle microspie in evoluzione

giugno 13, 2011 Microspie No Comments

Anche le spie devono essere sempre al passo coi tempi, e le aziende leader del settore devono costantemente ampliare il loro catalogo di vendita microspie.

Recenti casi di cronaca come ad esempio l’omicidio di Avetrana hanno dimostrato l’utilità delle attrezzature per lo spionaggio: un cellulare microspia o una telecamera nascosta possono raccogliere informazioni utilissime alle indagini, ed un software per recuperare SMS cancellati può scoprire i segreti di un telefono cellulare.

Per questo ed altri motivi, la vendita microspie è un business in costante crescita, e nonostante i tentativi del governo di limitarne l’uso, le aziende più importanti del settore stanno allargando la propria offerta di vendita microspie.

Infatti, basta fare un giro online per trovare in vendita microspie di vari tipi, controllabili da qualsiasi distanza, che trasmettono via radio o via GSM come dei normali cellulari. Le microspie GSM sono controllabili via SMS, basta un semplice messaggio per attivarle o disattivarle, o possono attivarsi automaticamente ed avvisarvi non appena rilevano dei suoni.

Oltre alle GSM, esistono in vendita microspie che trasmettono via radio, o che sfruttano la corrente del cavo telefonico per autoalimentarsi.
Insomma, la scelta è ampia e si può facilmente trovare la soluzione giusta per tutte le esigenze e per tutte le tasche, basta saper cercare!

Guida al controspionaggio

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 2)

LEGGI LA PRIMA PARTE… – La scatola di una presa elettrica sembra essere stata spostata. Le prese elettriche sono tra i punti dove più frequentemente vengono nascosti dispositivi di intercettazione, così come lo sono i rilevatori di fumo, le lampade o gli interruttori. Se notate della sporcizia (tipo segatura o …

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 1)

A casa, in ufficio ed in qualsiasi posto vi troviate potreste essere spiati. Chiunque voi siate, e qualsiasi cosa facciate, vi può capitare di incontrare persone che, per interesse o per avidità di potere, desiderano di venire in possesso di vostre informazioni riservate, sia per danneggiarvi che per ottenere un …

Il fisco controllerà anche i telefoni

Tra le grandi manovre di controllo che si stanno operando per monitorare i contribuenti, pare che gli agenti 007 dell’Agenzia delle Entrate si stiano concentrando sulle intercettazioni del nostro cellulare. Iphone, Samsung o qualsiasi altra marca sia, il fisco non si pone limiti. Non si tratta di spiare il contenuto …

Guide alla videosorveglianza

Come arrestare il key bumbing, il furto senza traccia

La nuova frontiera dei furti, per ladri in continuo aggiornamento, è il “key bumping”. Si tratta dell’arte di aprire le porte delle abitazioni senza lasciare segni di effrazione. A Roma, i Carabinieri hanno arrestato una banda di georgiani, ben 37 persone, specializzate in furti in appartamenti nella città e in provincia. L’organizzazione criminale è risultata responsabile di decine di colpi in appartamenti, e in particolare, è specializzata nella tecnica consente …

I consigli del ladro per una difesa ottimale contro i furti in estate.

furti in appartamento

Le vacanze, per molte famiglie italiane, sono già iniziate. Le città si svuotano e le case rimangono sempre più isolate, soprattutto se i vicini decidono di partire nello stesso periodo. Quella delle vacanze estive, quindi, diventa un’occasione per ladri, professionisti e no, per entrare in azione, in quanto hanno meno possibilità di essere visti e acciuffati e possono, così, agire con più calma. Il giornale napoletano “Il Mattino” proprio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 4 – Visione filmati e integrazione

Passiamo alla quarta ed ultima parte della nostra guida, rispondendo a domande su come visualizzare i video di sorveglianza e come integrare le proprie apparecchiature di sorveglianza con altri sistemi video. 6. Visualizzare i video La maggior parte dei video di sorveglianza non viene mai vista da esseri umani, se non per indagini storiche. Alcuni sistemi a circuito chiuso consentono la visione in diretta, ad esempio come sistemi antitaccheggio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 3 – Salvataggio filmati e analisi video

Proseguiamo con le nostre 7 domande, con la parte dedicata ai supporti di salvataggio dei filmati video, e all’analisi dei filmati registrati. 4. Salvataggio I video di sorveglianza sono quasi sempre salvati per recupero e revisione. La durata media dello stoccaggio è tra i 30 e i 90 giorni, anche se in alcuni casi il periodo può essere più breve, o durare anche per qualche anno. I due elementi più …

Contattaci


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

CONTATTACI SU SKYPE

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Intercettazioni.eu

Un aggregatore di articoli e guide online, su argomenti legati allo spionaggio, contro spionaggio, controllo accessi, intercettazioni, Sicurezza personale, protezione dei propri beni e dei vostri affetti.

Ricerca intestatario numero di cellulare

Vuoi sapere il titolare di un numero di telefono cellulare? o viceversa vuoi conoscere il numero di telefono partendo dall'intestatario? I numeri esteri non sono un problema! Chiamaci: 0803026530

Fornitura di sim card anonime

In abbinamento con i nostri telefoni cellulari Stealth Phone, per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza alle vostre conversazioni telefoniche, da oggi possiamo offrirvi anche una serie di schede SIM anonime, per ottenere le quali non c’è bisogno di alcuna registrazione.
Chiamaci per saperne di piu' allo 0803026530!

Recupero sms cancellati

Recuperiamo sms, dati cancellati da sim card e telefoni cellulari. Devi inviarci la sim card e/o il telefono cellulare. In meno di una settimana riceverai i dati estratti per e-mail o per posta. Chiamaci per ulteriori informazioni: 0803026530

Come localizzare un cellulare

Come si fà a localizzare un cellulare?. Tutti i telefoni cellulari una volta accesi e collegati alla rete dei provider telefonici mobili sono rintracciabili geograficamente. Chiamaci per saperne di piu': 0803026530

Sblocco codici autoradio

Il codice di un autoradio è unico, per ogni radio associata ad ogni telaio, in genere si trova scritto a penna in qualche libretto di garanzia o manutenzione dalla concessionaria. Se è impossibile ritrovarlo, chiamaci: 0803026530

Recupero password perse

Hai dimenticato la tua password per Excel, word, myspace, aol, facebook, yahoo, msn, hotmail, live, gmail, libero, aim, aol....etc? Possiamo aiutarti, chiamaci: 0803026530