Multi-Catcher: un dispositivo universale per intercettare i cellulari

Tra tutti i sistemi IMSI catcher utilizzabili da forze dell’ordine o enti governativi per intercettare cellulari, smartphone o altri dispositivi mobili, il Multi-Catcher è forse il sistema che più si presta a un utilizzo dinamico su larga scala. Difatti, oltre al tracciamento simultaneo dei codici identificativi IMSI, IMEI e TMSI …

Rapporto Clusit 2018: pericolosa impennata di attacchi informatici in tutto il mondo

Dal Rapporto 2018 della Clusit, l’Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica, emerge tra gli altri un dato davvero preoccupante: nel periodo tra il 2011 e il 2017 si sono registrati a livello mondiale quasi 7.000 attacchi informatici gravi, di cui 1.100 solo nell’anno scorso. Non solo. Nel 2017 si è …

Quanto è utile un’app di criptaggio dati? Ce lo svela una ricerca americana

Per quanto la validità dei programmi di protezione per smartphone possa apparire scontata nonché largamente condivisa, c’è ancora chi si ostina a eludere la loro efficacia, soprattutto per quanto concerne le app di criptaggio messaggi. Sono in tanti, infatti, a disconoscere tuttora il contributo preventivo di questi validi strumenti di …

Come scegliere le migliori microspie senza farsi abbindolare

Ultimamente approdare a un prodotto valido cercandolo su un motore di ricerca sta diventando un’impresa decisamente ardua. Prendete, ad esempio, il caso delle microspie o di altri dispositivi elettronici comunemente utilizzati in ambito investigativo: vedrete che a parte quelle poche aziende serie presenti sul mercato da decenni, vi toccherà imbattervi …

Articoli recenti

13enne scappa con l’auto di famiglia: ritrovato dopo 24h

E’ successo a Treviso, pochi giorni fa. Un ragazzino di 13 anni è riuscito a far perdere le sue tracce per quasi 24 ore. Era fuggito dalla casa della famiglia adottiva con l’auto del padre e ha guidato per tutta la notte giungendo nei pressi di Lipsia. E’ stata la polizia tedesca ad individuarlo attraverso le telecamere di sicurezza delle autostrade, segnalandolo all’Interpol. Così i genitori adottivi si sono messi in auto e sono andati a riprenderselo.

Pare che, dopo aver preso soldi e documenti, il ragazzino avesse deciso di tornare a casa, in Polonia, sentiva la mancanza della sorella e degli amici che sentiva tramite internet. A suscitare la reazione improvvisa sarebbe stata una discussione avvenuta con la madre ed il fratello adottivo. Il ragazzo era inoltre appassionato di motori ed esperto guidatore di go-kart e questo gli ha permesso di guidare l’auto del padre per diversi chilometri.

Grande è stata l’ansia della famiglia italiana rimasta un’intera notte in attesa fino alla telefonata dell’Interpol. La corsa del ragazzo è stata interrotta grazie all’identificazione della Mercedes di famiglia. Mancavano circa 200km al confine con la sua meta, la Polonia. Il giovane, molto intelligente per la sua età, non aveva intenzione di tornare in Italia: aveva lasciato il cellulare a casa e aveva disattivato il suo profilo Facebook proprio per rendere più arduo il ritrovamento.

Questi episodi non sono rari, anzi le fughe di ragazzi con le auto di famiglia sono diffusissime. Incomprensioni, discussioni e avversità tipiche dell’età adolescenziale fanno venir voglia di mollare tutto e partire spesso senza una meta ben precisa. Molte famiglie hanno posizionato nel cruscotto o in altri posti dell’auto non in vista un piccolo localizzatore satellitare GPS/GPRS. Questo strumento, di facile utilizzo, consente di conoscere in diretta o in differita l’esatta collocazione dell’auto osservata. La posizione GPS è indicata attraverso un SMS sul cellulare pilota contenente il link Google Maps. Lo stesso sistema è utilizzato per il controllo dei neopatentati. Infatti oltre a permettere di conoscere la collocazione dell’auto, consente di tenere sotto controllo anche la velocità del veicolo. Impostati i parametri (es. limite di velocità), l’apparecchio invierà un messaggio qualora i limiti vengano oltrepassati. Per un controllo più accurato l’utente potrà inserire un allarme di movimento “Geofence” che prevede l’invio automatico di un SMS qualora il micro GPS/GPRS esca da un’area preimpostata. All’occorrenza lo stesso prodotto funziona anche da vera e propria microspia ambientale. La numerosità delle sue funzioni fa sì che questo localizzatore satellitare sia tra i prodotti più scelti nel campo della sicurezza e della sorveglianza.

Come si combatte l’assenteismo

Uno dei mali della nostra società in ambito lavorativo ed in particolare della pubblica amministrazione è l’assenteismo. Con questo termine si fa riferimento al fenomeno della sistematica assenza di un impiegato o dipendente dal suo posto di lavoro durante l’orario lavorativo. Molto spesso c’è da aggiungere che l’assenza non è dichiarata, cioè il dipendente non è sul posto di lavoro nonostante risulti esserlo.

Un fenomeno purtroppo dilagante che mette e a repentaglio non solo la salute delle aziende compromesse, ma anche il futuro, peraltro poco florido, del lavoro in Italia. L’originalità e la creatività tipicamente italiane sono applicate anche nelle numerose attività assenteiste.
Ne è un esempio l’accaduto a Reggio Calabria. Ben 17 impiegati assenteisti del Comune di Reggio Calabria sono finiti in manette con l’accusa di truffa. Altri 78 sono stati sono stati denunciati dalla Guardia di Finanza. Altri 42, invece, saranno ascoltati dal Gip che deciderà se applicare nei loro confronti l’interdittiva dai pubblici uffici. I primi avrebbero truffato il Comune di Reggio Calabria “con artifizi e raggiri, consistiti nell’attestare la propria presenza sul luogo di lavoro tramite la timbratura del proprio cartellino marcatempo, poi allontanandosi senza giustificato motivo”. In ogni caso hanno percepito “un ingiusto profitto, consistito nella retribuzione ricevuta nelle giornate di assenza ingiustificata, con pari danno per l’ente locale”. Il misfatto, perpetrato nel tempo, è stato attestato dalle microcamere piazzate dalla Guardia di Finanza che avrebbero ripreso i dipendenti del Comune che la mattina timbravano il badge e poi si allontanavano dall’ufficio. Ma anche altri dipendenti che avrebbero timbrato per conto di colleghi assenteisti come dimostra il video.

Come dimostra questa vicenda è necessario, sia per la pubblica amministrazione che per le aziende, già colpite dalla feroce crisi, prendere delle valide precauzioni contro i dipendenti truffatori. Innanzi tutto perché i danni recati alle imprese potrebbero divenire irreparabili e inoltre perché l’integrità di una azienda o di un ufficio pubblico si misura anche dai propri impiegati. Sempre più spesso le microcamere sono utilizzare per sorvegliare ingressi ed uscite, orari e comportamenti durante il lavoro. Ciò che altrettanto spesso accade è che ci si riduce all’ultimo momento, adottando questo genere di precauzioni solo quando si hanno dei forti dubbi e quindi una volta che il danno sia stato già arrecato.

Linguaggio colto per i concorsi universitari pilotati

Attraverso professionali software spia i finanzieri del nucleo di polizia tributaria hanno fatto emergere l’ennesimo concorso per “pochi eletti” presso l’Università di Bari.

Queste intercettazioni si sono rivelate particolarmente ostiche dal momento che le informazioni tra gli interlocutori erano trasferite utilizzando un “codice segreto” difficilmente decifrabile. Una citazione colta dopo l’altra, contenuti altamente culturali tra studenti e docenti universitari. Un linguaggio sapientemente studiato per coprire le informazioni riguardanti presunti concorsi universitari pilotati al vaglio degli inquirenti della Procura di Bari. Le indagini hanno portato ad una trentina di persone accusate di corruzione, falso e abuso d’ufficio.

«Ciao, sono l’ombra di Banco», dice, ad esempio, un professore universitario ad un suo collega, citando il Macbeth di Shakespeare. Il sospetto è che quel riferimento letterario, generalmente inteso come simbolo del ricordo ossessivo di una cattiva azione, potesse significare qualcosa del tipo: «Sono la tua coscienza, mi raccomando!». Un interessamento con chi magari era commissario di un concorso, oppure, semplicemente un modo colto di conversare tra docenti e amici? E l’ombra di Banco è solo un esempio. Le citazioni sarebbero davvero numerose e non si limiterebbero alla sola letteratura.

Queste telefonate sono state ascoltate ed analizzate, ma molte altre in Italia e nel mondo restano criptate, ritenute di poco conto. Fortunatamente esistono numerosi strumenti che permettono di ascoltare in maniera professionale le telefonate “sospette”. Si tratta dei software spia Endoacustica che oltre a permettere l’ascolto in diretta delle chiamate e la lettura degli sms, consentono di sapere dove si trova l’apparecchio (e quindi la persona osservata) e di ascoltare tutto ciò che avviene intorno permettendo un ascolto ambientale. Strumenti preziosi che quotidianamente lavorano al fianco delle forze dell’ordine e dei cittadini attivi per combattere la criminalità.

Dipendenti controllati anche fuori dall’ufficio

I controlli all’interno delle aziende sono sempre più stringenti per quanto riguarda i dipendenti. Email, computer aziendali, messaggistica, post e tweet vengono continuamente monitorati all’interno delle compagnie. I numerosi casi di infedeltà aziendale spingono ogni giorno centinaia di imprenditori a far ricorso a strumenti per il controllo dei pc per tenere costantemente sott’occhio ciò che avviene all’interno delle aziende e arrestare l’eventuale fuoriuscita di informazioni riservate. Sempre più spesso non ci si limita più al controllo del comportamento strettamente lavorativo, ma si sta diffondendo l’abitudine di analizzare il comportamento fisico dei dipendenti anche all’esterno. Cellulari con software per il controllo GPS, micro camere invisibili sparpagliate su scrivanie e scaffali, badge con microchip che misurano persino la durata delle soste in bagno.

Viene chiamato “analizzare” e non “controllare”, ma in realtà poco cambia. Si tratta di tenere sotto controllo non solo la produttività, ma più che altro il comportamento. La crisi spesso spinge i dipendenti anche più fedeli a vendersi al miglior offerente.

Pochi giorni fa un’azienda inglese ha raccontato la sua esperienza. Nell’ambiente di lavoro erano stati nascosti diversi microregistratori audio e video Endoacustica installati in prese per la corrente, orologi da scrivania e lampade. Si lavorava su un progetto molto particolare e la fuga di informazioni avrebbe potuto far perdere importanti fonti di guadagno. In breve tempo è stato verificato che tre impiegati tra i più produttivi si trattenevano davanti ai pc anche nell’ora di pausa e nei coffee break. Questo tipo di comportamento, apparso in un primo momento stacanovista, ha incuriosito l’amministratore che ha voluto andare in fondo alla questione. Ha fatto inserire nei pc degli impiegati delle keyrecord, dispositivi che in breve tempo registrano i dati digitali. Ha scoperto che i tre dedicavano i momenti di pausa per inviare i file elaborati a dei pericolosi concorrenti. Questo ha permesso di fermare il traffico e salvare il progetto a cui stavano lavorando.

In molti luoghi di lavoro i dipendenti hanno già espresso il loro disappunto, sentendosi spiati. Ma la tendenza è destinata a diffondersi per almeno due ordini di ragioni: la necessità delle aziende di recuperare efficienza e la disponibilità di sistemi di sorveglianza professionali a costi irrisori. Per sorvegliare non c’è più bisogno di assumere un investigatore privato: basta affidarsi all’azienda esperta di sorveglianza per eccellenza, Endoacustica.

I sistemi di localizzazione collaboratori delle forze dell’ordine

Sgominata una truffa che prevedeva la vendita di tablet a prezzi stracciati. I prodotti erano messi in vendita su un noto sito di annunci a soli 200 euro Una volta che l’acquirente inviava l’importo richiesto, il venditore spariva nel nulla.

Un errore però gli è stato fatale. Una persona ha chiesto l’invio di una foto per poter valutare il colore del tablet. L’immagine è stata ricevuta sullo smartphone della vittima su cui era installata l’applicazione tag-gps che permette di localizzare sulla mappa di Google le coordinate del luogo in cui la foto è stata scattata, in questo caso si trattava proprio della casa del truffatore.
I Carabinieri di una cittadina vicino a Reggio Emilia hanno così denunciato per truffa un 35enne catanese.

Nel corso di numerose indagini, l’utilizzo di sistemi di localizzazione si rivela focale per dare una svolta a casi irrisolvibili. Ad esempio, le auto rubate che posseggono al loro interno un localizzatore GPS vengono sempre più spesso ritrovate. Proprio la scorsa settimana il sistema di localizzazione satellitare, installato a bordo di un’auto aziendale, ha permesso l’individuazione alla società che la gestisce che ha denunciato l’accaduto al 113. Coordinate alla mano, gli agenti, recandosi nel luogo indicato, hanno rinvenuto in un box privato un auto dello stesso modello di quella segnalata, ma con una targa diversa.

Nell’attesa di risalire al proprietario del box, la Polizia, è entrata nel garage, notando una lamiera con un numero di telaio “pulito”. Questo ha fatto pensare che l’auto era proprio quella cercata, ma aveva già subito un cambio di targa ed era pronta ad essere “ripulita” del tutto. Il proprietario del box, un 53enne romano, è stato denunciato all’autorità giudiziaria con l’accusa di riciclaggio di autovettura.

Questa vicenda ci dimostra come i localizzatori GPS come il micro GPS/GPRS di Endoacustica siano entrati appieno nel nostro quotidiano agevolando la nostra sicurezza.

Skype e il controllo cinese

Un ricercatore dell’Università del New Mexico è riuscito a decifrare il sistema di sorveglianza del governo cinese incluso in Skype. Si tratta di una lista completa di termini (qualche migliaio), che, se utilizzati all’interno delle chat, innescano automaticamente il controllo da parte del governo di Pechino.
In pratica Skype invia una copia del messaggio ai propri server, insieme al nome utente del mittente, la data e l’ora della conversazione. Tra le parole che balzano all’occhio ci sono “Medici senza Frontiere”, “Amnesty International”, “Tienanmen” e “BBC News”. In ogni caso la lista, contenuta in Skype, si arricchisce ogni giorno di nuovi termini giorno dopo giorno, in modo che il governo cinese tenga sempre sotto controllo i temi più caldi.

In realtà si tratta di TOM-Skype, una versione modificata di Skype diversa da quella usata nella maggior parte del mondo. Il “TOM” aggiunto davanti al nome della chat rappresenta un operatore mobile di Hong Kong a cui Microsoft ha concesso, in maniera discutibile, di modificare il programma. In tutta risposta l’azienda di Redmond ha dichiarato che “TOM Online ha stabilito le procedure necessarie conformi agli obblighi stabiliti dalle leggi locali” riconoscendo solo in seguito la propria responsabilità e promettendo di aumentare la trasparenza del servizio.

Come è chiaro, TOM-Skype non si limita ad inviare informazioni relative ai propri utilizzatori, ma anche quelle di tutti coloro che entrano in contatto attraverso il servizio. Chiunque potrebbe già essere su server cinesi, attentamente controllato dal governo di Pechino. Al momento pare che ne resterebbero fuori le conversazioni a voce. In ogni caso non si può dire di essere al sicuro.
Basti pensare che gli strumenti di controllo sono utilizzati quotidianamente da individui comuni. A casa, a lavoro, per strada sono numerosissime le persone che scelgono di tutelarsi attraverso dispositivi come micro camere, micro registratori e strumenti di controllo per il pc che consentono di monitorare tutte le attività di un computer.

Diverse organizzazioni hanno chiesto a Microsoft, come ad altri colossi, la pubblicazione regolare di un “Transparency Report”, un documento che fornisca una visione completa della gestione dei dati e delle conversazioni e possa far chiarezza sulle ipotesi di spionaggio e censura. Al momento non c’è stata nessuna risposta da parte dell’azienda.

Un cittadino ferma un pusher con un micro videoregistratore

Riportiamo il racconto di un nostro cliente. “Il retro di casa mia da proprio sulla villa comunale. Da circa 2 mesi una panchina si era trasformata in una vera e propria bottega per un pusher che adescava gente di ogni età e vendeva droga. I primi tempi guardavo incredulo queste piccole bustine contenenti polvere bianca, scambiate con denaro; poi ho cominciato a vedere ragazzi molto piccoli acquistare sostanze e la cosa ha cominciato ad infastidirmi. Le “vendite” avvenivano principalmente in serata e si protraevano anche per 4-5 ore.

Ho contattato diverse volte il comando della polizia del paese, ma senza successo; mi comunicavano puntualmente che sarebbero stati effettuati dei controlli, ma la situazione non cambiava ed era diventata per me una vera e propria preoccupazione. D’altra parte avevo paura ad intervenire in prima persona, non avrei saputo cosa fare e soprattutto temevo che il delinquente fosse armato.

Così parlando con un mio collega, ci è balzata l’idea di utilizzare un micro videoregistratore e riprendere le scene ormai quotidiane. Ho navigato un po’ su internet e sul sito di Endoacustica Europe ho trovato molti dispositivi, tra cui ciò che faceva al caso mio: il DVR All in One. Un videoregistratore molto piccolo e di facile utilizzo che consente di registrare file audio e video e anche di scattare delle fotografie di altissima qualità. L’ho acquistato e ricevuto in breve tempo, così mi sono messo all’opera. Per giorni ho ripreso il pusher in azione e i suoi numerosi clienti che si avvicendavano. Poi ho trasferito i file sul mio pc e ho inviato il tutto a diverse Procure in modo da farmi ascoltare.

Fortunatamente dopo circa una settimana c’è stato l’intervento della polizia e il pusher è stato portato via. Non ho ricevuto medaglie o onorificenze, ma mi sono sentito davvero orgoglioso del mio contributo di cittadino alla giustizia e la situazione è decisamente migliorata, almeno attorno a casa mia”.

Attraverso gli sms, sgominata una setta a sfondo sessuale

Tutto ruotava attorno al sesso. Pozioni magiche, riti esoterici, satanismo. Le vittime predilette erano persone che si trovavano in un momento di disperazione o di disagio, sole, depresse, disabili, con problemi di alcolismo, insomma gente debole e facilmente persuasibile.

A capo della setta «Agates» c’era il mago Sal (Salvatore Maraglino) e una volta dentro, uscirne era un’impresa quasi impossibile. Scattavano pressioni, minacce, violenze. Ricatti come nel caso di una donna minacciata con una fotografia che la ritraeva nuda e che poi sarebbe stata mostrata al suo compagno e ai suoi familiari nel tentativo di farle cambiare idea sulla decisione di lasciare la setta.

Altro elemento che ha alimentato il quadro di degrado, la partecipazione di un bambino di 5 anni come spettatore delle orgie. Il bimbo, risulta essere figlio di uno degli adepti e non lo si fa allontanare perché “da solo in un’altra stanza piangerebbe. Tanto non capisce nulla e poi è abituato”. Parole pronunciate dalla madre del piccolo prima di un rito sessuale

Alcune immagini ritraggono Sal che insulta una donna alcolizzata in pieno centro a Matera. Il “mago” minaccia di violenze la vittima accusata di aver fatto trapelare informazioni segrete e di aver fatto il suo nome e la invita, in maniera poco gentile, a rientrare nel gruppo.
Un uomo le dice di avere una bottiglia di vino buono, per riuscire ad addescarla nuovamente e ci riesce, facendola salire su un’auto. Poi viene spinta dal lato economico “l’hai sempre fatto, quanto c… devi stare e ti guadagni qualcosa anche tu”. La donna cede e ha un rapporto con il cliente che le consegna 10 euro, mentre altri 50 li dà al mago. 
A questo, sono seguiti altri tentativi della donna di uscire dalla setta e per questo sarebbe stata anche picchiata violentemente con fratture al volto e contusioni alla testa.

Ed è proprio dal cellulare di questa donna che gli investigatori sono riusciti ad estrapolare alcuni sms dal contenuto inequivocabile: «Stati attenta alla tua famiglia, sono gelosa che stai con…», «Stai attenta dove abiti», «La sorpresa non finisce mi sto servendo di chi sai, bastarda”, “Non stare tranquilla, presto avrai sorprese”, “Occhio alle spalle”. Inoltre avrebbe dovuto lasciare il suo compagno, “una donna sola è molto più manipolabile”.

L’uso di sofisticati software spia per cellulari e di strumenti per estrarre sms cancellati ha consentito alla polizia investigativa di arrestare sette persone, due delle quali ai domiciliari. L’intera cittadina materana è sotto choc. 

Prof ubriacone cacciato dall’università

E’ successo a Pavia. Nei giorni scorsi, un docente del corso di inglese del corso di laurea in Scienze della comunicazione dell’università, Anthony Baldry, si è visto revocare il contratto ed è stato costretto ad abbandonare tutti i corsi a lui affidati.
Tra le motivazioni “gravi violazioni accertate” che includono l’acquisto obbligatorio, come spesso avviene, dei suoi libri (pena l’esclusione dalla frequenza del corso e quindi l’impossibilità di sostenere l’esame), l’utilizzo continuo di un linguaggio inappropriato, volgare, spesso offensivo nei confronti degli studenti e essersi presentato in aula completamente ubriaco.

Tre accuse a dir poco gravi che hanno trovato fondamento in alcuni filmati amatoriali girati con gli smartphone degli studenti e postati in alcuni siti di studenti come scuolazoo.com. Questi strumenti possono rivelarsi decisivi in casi simili, come anche lo sono stati, in un’ottica più valida, le DVR pen delle normali penne scriventi dotate di microfono e videocamera ad alta risoluzione che, oltre ad essere utilizzate per registrare le normali lezioni, si sono spesso rivelate complici della Giustizia in quanto hanno consentito di raccogliere prove senza destare sospetti.

Pare che per ottenere una qualità di insegnamento maggiore, gli studenti avevano in precedenza raccolto firme e inoltrato numerose segnalazioni, al fine di cacciare il professor Baldry dall’Università di Pavia. Ovviamente queste richieste non sono state prese in seria considerazione. Spesso bisogna far affidamento sui propri mezzi per essere ascoltati!

Scattano le manette anche nel web

Realo o virtuale? Questo è il problema anche sul tema dei reati che si consumano online. Difficile arginare la diffusione di informazioni che circolano sul web e, ancora più difficile, venire a conoscenza del contenuto delle stesse. In molte aziende o ambienti privati sono utilizzati strumenti di controllo a distanza per pc che, attraverso un costante monitoraggio, consentono di evitare la fuoriuscita di informazioni importanti e di tenere sotto controllo dipendenti, figli in un periodo “particolare”o ancora partner poco affidabili.

Nonostante le forze dell’ordine utilizzino molto spesso questo tipo di strumenti, i tempi richiesti per intercettare traffici illegali estesi su tutto il web sono sicuramente più ampi, ma non per questo l’impresa è impossibile. Lo dimostra l’arresto di uno spacciatore «virtuale», Paul Leslie Howard, cittadino australiano, accusato di aver venduto droga attraverso Silk Road, un vero e proprio business online delle droghe.

Il sito rientra in quella parte di web nascosto, definito “deep web”, e vende praticamente tutto dalle droghe alle armi, ai farmaci illegali, per finire agli esseri umani. Per accedere al sito è necessario un Tor, cioè un sistema di comunicazione anonima per Internet che “protegge” gli utenti dall’analisi del traffico attraverso una rete di onion router, e i pagamenti avvengono tramite bitcoin, moneta virtuale con cui si aggirano controlli e tracciamenti.

Si stima che la vendita attraverso il sito frutti circa 2 milioni di dollari al mese. Questo ha messo in allerta la polizia australiana che ha assistito alle compravendite di Howard in ben 11 occasioni. Ecstasy, cocaina, armi e altri arnesi necessari per il suo lavoro, quello dello spacciatore. Howard, ammessa la pena, rischia fino a 25 anni di carcere. Prima di lui, otto americani sono finiti in manette per vendite illecite online. Le forze dell’ordine australiane hanno giurato guerra a chi esercita questo tipo di traffici online.

Il numero di venditori sul sito cresce in maniera esponenziale. La sostanza più venduta è la marijuana, seguita da altre droghe, farmaci con prescrizione, cocaina, eroina e anfetamine. Per quanto riguarda la nazionalità dei rivenditori, quasi la metà proviene dagli Stati Uniti, seguono gli inglesi, poi gli olandesi e i canadesi. Gli italiani sono l’1.02% del totale.

Hackerata anche la Microsoft

Qualche tempo fa avevamo parlato dei numerosi colossi della tecnologia colpiti da attacchi informatici. Tra questi si annoveravano Twitter, Facebook, ma anche banche e fonti di informazione. In questi giorni l’elenco è stato ampliato con l’aggiunta di altri due big: la Microsoft e la rete australiana Abc.

Java si è rivelato ancora complice degli hacker favorendo la loro entrata nei pc di Microsoft. Non risulterebbero però fuoriuscite di dati appartenenti agli utenti dell’azienda informatica. Il responsabile della sicurezza, Matt Thomlinson, ha parlato di “un ristretto numero di computer” infettati da un software nocivo che ha usato tecniche simili a quanto documentato da altre organizzazioni.

Anche questa volta si è fatto riferimento ad attacchi riconducibili al governo cinese, in particolare ad un’unità di hacker di alto profilo localizzati nell’area di Shanghai. Pechino ha nuovamente negato il suo coinvolgimento.

Diversa è stata la questione riguardante il sito web dell’Abc che è stato hackerato da un attivista, che si firma PhrOzenMyst, per protesta contro un’intervista, trasmessa dalla rete, al leader olandese anti-islamista Geert Wilders. In questo caso, l’hacker non si è limitato ad accedere ai pc, ma ha anche pubblicato su Twitter i dati personali di decine di migliaia di telespettatori. Indirizzi email, postali, nomi e password di utenti registrati al sito internet. Il sito è stato tempestivamente chiuso e l’attivista ne ha direttamente rivendicato la responsabilità.

Gli attacchi informatici sono all’ordine del giorno e sono sempre più senza scrupoli. Per questo numerose aziende grandi o piccole utilizzano validi sistemi di sicurezza su pc e cellulari e effettuano periodiche bonifiche ambientali per verificare l’eventuale presenza di cimici o altri sistemi di hackeraggio e di controllo.

Elezioni ai tempi di smartphone e social network

E’ tempo di elezioni e numerosissimi sono i votanti che esprimono il proprio parere e contribuiscono alle campagne elettorali tramite social network e siti di condivisione. Accesi dibattiti e consigli sottobanco sono veicolati a tutte le ore del giorno e della notte. C’è addirittura chi, non soddisfatto del proprio apporto politico, decide di testimoniare il proprio voto con foto scattate da cellulari o con micro sistemi video.

Secondo il decreto legge del 1° aprile 2008 n.48 è severamente vietato fotografare o riprendere la scheda, pena l’arresto da tre a sei mesi e un’ammenda da 300 a 1000 euro. Il personale preposto all’interno dei seggi è tenuto a vigilare il corretto svolgimento della votazione invitando i votanti a lasciare in custodia il proprio cellulare e affiggendo molti cartelli all’interno dei seggi. I presidenti non sono altresì autorizzati a perquisire i votanti o ad entrare nella cabina di voto.

Lo scopo del divieto è chiaramente quello di evitare il voto di scambio. Non sono inusuali infatti gli scambi di denaro in cambio di foto nelle cabine elettorali. In queste ore sono davvero numerose questo tipo di immagini che circolano su Facebook e su Twitter che ritraggono elettori mentre barrano il simbolo del partito scelto.
Eclatante è stato il caso di un imprenditore della provincia di Genova, il quale, sorpreso a riprendere con il telefono cellulare le operazioni di voto, ha dato in escandescenze minacciando di portarsi via scheda elettorale e matita. Per questo l’uomo di 44 anni è stato denunciato per turbativa delle operazioni di voto. I carabinieri sono intervenuti in seguito alla segnalazione dello stesso presidente di seggio allarmato per quanto stava accadendo.

Appare inarrestabile questo fenomeno e desta molta preoccupazione l’aspetto strettamente legale. Spesso sono gli stessi politici in candidatura a sovvenzionare questo tipo di atti illegali e quindi sarebbe valido un intervento mirato ad eliminare il problema alla base. Non mancano le intercettazioni telefoniche, condotte con validi strumenti, che attestano compromessi e baratti di ogni genere.

Governi e social network: continue richieste di dati personali

I nostri profili online dicono molto di noi: chi siamo, dove abitiamo, cosa facciamo, chi sono i nostri amici, quali sono i nostri gusti e le nostre preferenze. Social network, chat, indirizzi mail, blog e siti internet sono ogni giorno destinatari di un’immensa quantità di informazioni personali che messe insieme forniscono spesso un quadro completo di un individuo. Su questo tipo di dati sensibili è spesso puntata l’attenzione delle forze dell’ordine e dei governi che, sempre più spesso, chiedono di poter usufruire di queste informazioni in cerca di soggetti pericolosi e attività nascoste.

Dall’altra parte non ci sono sempre risposte positive. Mentre Google e Twitter hanno deciso di pubblicare report periodici sulla trasparenza, Skype e Facebook sembrano non voler ascoltare al momento questo tipo di richieste.
Nel dettaglio Google pubblica dal 2010 il “Trasparency Report” distinguendosi da sempre sul fronte della sicurezza. Secondo i suoi dati aggiornati, le richieste di utilizzo dei dati da parte di forze pubbliche sono aumentate in maniera esponenziale (in Italia sono passate da 550 nel 2009 a 850 nel 2012). Di queste richieste però Google ne ha approvato solo 1/3 richiedendo maggiore privacy.

Dati sicuramente più esigui, ma allo stesso modo significativi per quanto concerne Twitter. Il blog invia costantemente i suoi report sulla sicurezza e ha dato seguito a oltre la metà dei casi nonostante nel 2012 nessuna autorità italiana abbia mai ottenuto i dati richiesti.

Come già accennato, mancano all’appello due big: Facebook e Skype che contano circa 2 miliardi di utenti totali. Nessun report emesso dalle due aziende, Zuckerberg si è limitato ad informare la presenza di un form attraverso il quale gli utenti possono chiedere informazioni. Nessuna risposta da Skype, strumento di chiamate voip e chat utilizzato in tutto il mondo e, a quanto pare, anche da numerosi attivisti che evitano così di essere intercettati dalle autorità.

La crescente preoccupazione per la privacy e la continua fuga di dati ha messo in allarme anche numerose aziende private. L’utilizzo di chiavette per carpire dati dai pc o per registrare i caratteri che vengono digitati sulla tastiera (password comprese) è ormai molto diffuso. Dipendenti, persone di passaggio o rivali possono accedere ai pc e inserire strumenti di controllo che possono portare l’azienda sull’orlo del fallimento, apportando vantaggi ai concorrenti o facendo fuoriuscire notizie riservate. È consigliabile oggigiorno l’utilizzo di prodotti per la bonifica ambientale almeno ogni quindici giorni, in modo da verificare velocemente e in maniera sicura l’assenza di strumenti per lo spionaggio.

Guida al controspionaggio

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 2)

LEGGI LA PRIMA PARTE… – La scatola di una presa elettrica sembra essere stata spostata. Le prese elettriche sono tra i punti dove più frequentemente vengono nascosti dispositivi di intercettazione, così come lo sono i rilevatori di fumo, le lampade o gli interruttori. Se notate della sporcizia (tipo segatura o …

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 1)

A casa, in ufficio ed in qualsiasi posto vi troviate potreste essere spiati. Chiunque voi siate, e qualsiasi cosa facciate, vi può capitare di incontrare persone che, per interesse o per avidità di potere, desiderano di venire in possesso di vostre informazioni riservate, sia per danneggiarvi che per ottenere un …

Il fisco controllerà anche i telefoni

Tra le grandi manovre di controllo che si stanno operando per monitorare i contribuenti, pare che gli agenti 007 dell’Agenzia delle Entrate si stiano concentrando sulle intercettazioni del nostro cellulare. Iphone, Samsung o qualsiasi altra marca sia, il fisco non si pone limiti. Non si tratta di spiare il contenuto …

Guide alla videosorveglianza

Come arrestare il key bumbing, il furto senza traccia

La nuova frontiera dei furti, per ladri in continuo aggiornamento, è il “key bumping”. Si tratta dell’arte di aprire le porte delle abitazioni senza lasciare segni di effrazione. A Roma, i Carabinieri hanno arrestato una banda di georgiani, ben 37 persone, specializzate in furti in appartamenti nella città e in provincia. L’organizzazione criminale è risultata responsabile di decine di colpi in appartamenti, e in particolare, è specializzata nella tecnica consente …

I consigli del ladro per una difesa ottimale contro i furti in estate.

furti in appartamento

Le vacanze, per molte famiglie italiane, sono già iniziate. Le città si svuotano e le case rimangono sempre più isolate, soprattutto se i vicini decidono di partire nello stesso periodo. Quella delle vacanze estive, quindi, diventa un’occasione per ladri, professionisti e no, per entrare in azione, in quanto hanno meno possibilità di essere visti e acciuffati e possono, così, agire con più calma. Il giornale napoletano “Il Mattino” proprio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 4 – Visione filmati e integrazione

Passiamo alla quarta ed ultima parte della nostra guida, rispondendo a domande su come visualizzare i video di sorveglianza e come integrare le proprie apparecchiature di sorveglianza con altri sistemi video. 6. Visualizzare i video La maggior parte dei video di sorveglianza non viene mai vista da esseri umani, se non per indagini storiche. Alcuni sistemi a circuito chiuso consentono la visione in diretta, ad esempio come sistemi antitaccheggio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 3 – Salvataggio filmati e analisi video

Proseguiamo con le nostre 7 domande, con la parte dedicata ai supporti di salvataggio dei filmati video, e all’analisi dei filmati registrati. 4. Salvataggio I video di sorveglianza sono quasi sempre salvati per recupero e revisione. La durata media dello stoccaggio è tra i 30 e i 90 giorni, anche se in alcuni casi il periodo può essere più breve, o durare anche per qualche anno. I due elementi più …

Contattaci


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

CONTATTACI SU SKYPE

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Intercettazioni.eu

Un aggregatore di articoli e guide online, su argomenti legati allo spionaggio, contro spionaggio, controllo accessi, intercettazioni, Sicurezza personale, protezione dei propri beni e dei vostri affetti.

Ricerca intestatario numero di cellulare

Vuoi sapere il titolare di un numero di telefono cellulare? o viceversa vuoi conoscere il numero di telefono partendo dall'intestatario? I numeri esteri non sono un problema! Chiamaci: 0803026530

Fornitura di sim card anonime

In abbinamento con i nostri telefoni cellulari Stealth Phone, per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza alle vostre conversazioni telefoniche, da oggi possiamo offrirvi anche una serie di schede SIM anonime, per ottenere le quali non c’è bisogno di alcuna registrazione.
Chiamaci per saperne di piu' allo 0803026530!

Recupero sms cancellati

Recuperiamo sms, dati cancellati da sim card e telefoni cellulari. Devi inviarci la sim card e/o il telefono cellulare. In meno di una settimana riceverai i dati estratti per e-mail o per posta. Chiamaci per ulteriori informazioni: 0803026530

Come localizzare un cellulare

Come si fà a localizzare un cellulare?. Tutti i telefoni cellulari una volta accesi e collegati alla rete dei provider telefonici mobili sono rintracciabili geograficamente. Chiamaci per saperne di piu': 0803026530

Sblocco codici autoradio

Il codice di un autoradio è unico, per ogni radio associata ad ogni telaio, in genere si trova scritto a penna in qualche libretto di garanzia o manutenzione dalla concessionaria. Se è impossibile ritrovarlo, chiamaci: 0803026530

Recupero password perse

Hai dimenticato la tua password per Excel, word, myspace, aol, facebook, yahoo, msn, hotmail, live, gmail, libero, aim, aol....etc? Possiamo aiutarti, chiamaci: 0803026530