Lo struscio delle banconote, la chiave di volta dell’indagine

Lo struscio delle banconote, la chiave di volta dell’indagine

Non un grande boato e neppure parole compromettenti. Ma lo struscio delle banconote, captato da una potentissima microspia, ha incastrato tre persone nel foggiano, mettendo un punto ad un lavoro di indagine durato oltre due mesi.

Eccezionale la valenza indiziante delle conversazioni intercettate e dei rumori percepiti che nulla lasciano più al caso. Si tratta del settore lavori pubblici, l’aggiudicazione di appalti dietro pagamento di somme di denaro. Tangenti da versare alla pubblica amministrazione. Le richieste sarebbero state rivolte a numerosi imprenditori e le somme decisamente elevate.

L’indagine è partita dalle parole di un imprenditore locale, tra i più accreditati, che avrebbe dovuto versare una cospicua somma per l’affidamento dei lavori di ampliamento del palazzo di giustizia. Ma a dare conferma a mesi di intercettazioni è stata la conversazione tra due amministratori che contavano la mazzetta ricevuta, ben 50mila euro. Non ha lasciato dubbi il fruscio cartaceo delle banconote a cui si è aggiunto il commento di uno dei due «Uno, due, tre… sono i più belli del mondo».

Senza nulla togliere all’operato delle forze dell’ordine, in molti casi il loro lavoro resterebbe irrisolto senza l’aiuto di piccolissimi strumenti che, in maniera del tutto discreta, captano ciò che un umano non potrebbe fisicamente scoprire. E come è noto, le micro spie ed i micro sistemi, corrono in aiuto, non solo degli operatori professionali di sicurezza, ma anche di chiunque desideri uscire da questioni irrisolte: tangenti, estorsioni, tradimenti, infedeltà, trovano spesso una risposta attraverso l’impiego di affidabili prodotti di ascolto a distanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.