Twitter ancora nel mirino degli hacker

Twitter ancora nel mirino degli hacker

L’hackeraggio non conosce più confini. Grandi o piccole realtà sono prese d’assalto ogni giorno al fine di ottenere guadagni economici o arrecare perdite materiali ai danni dei siti colpiti. Dopo il New York Times e il Washington Post un’altra vittima celebre sarebbe caduta sotto i colpi di hacker cinesi: Twitter. A darne notizia lo stesso social network con un post in cui si spiega come sia stato arrestato un attacco dopo aver notato attività “insolite”. “Soltanto” 250.000 gli account colpiti secondo le stime di Twitter a cui sono stati sottratti username, email e password.
A questi è giunta una mail da “@postmaster.twitter.com” con cui il microblog li avvertiva che il loro account era stato violato da criminali informatici con testo: “Twitter ha reimpostato la password del tuo account” e un numero chiave, chiaramente modificabile.

La vicenda è stata inserita tra le azioni ostili perpetrate contro i media statunitensi. Il responsabile della sicurezza, Bob Lord, ritiene che ad operare non siano stati dei principianti alle prime armi. Non è la prima volta che il social finisce nel mirino degli hacker; nel 2010 dovette acconsentire a sottoporsi per dieci anni a sistematiche revisioni dei suoi sistemi di tutela della privacy operate governo degli Stati Uniti, proprio per non aver saputo salvaguardare le informazioni personali degli iscritti.

Il social network è stato fondato nel 2006, ed ha da poco raggiunto i 400 milioni di utenti mondiali, 200 milioni dei quali attivi almeno una volta al mese. Tra gli utenti presi di mira dai pirati informatici ci sarebbero soprattutto quelli utenti statunitensi iscrittisi prima del 2007. Sempre direttore per la sicurezza di Twitter nel blog ha anche aggiunto l’invito agli utenti a disabilitare Java nei browser dei loro computer facendo eco all’appello diffuso recentemente dal Dipartimento per la Homeland Security in merito alla presenza di `bachi´ nel software, sfruttati dai criminali informatici.

Violazioni di dati sono all’ordine del giorno e nelle piccole realtà i principianti non hanno bisogno di grandi attrezzature, ma sfruttano validi sistemi in commercio. Come piccoli dispositivi che registrano i caratteri digitati sulla tastiera o ancora rubano, nel giro di qualche secondo, tutte le informazioni contenute in un pc. Per questo i titolari di aziende di ogni tipo dovrebbero guardarsi bene ed effettuare bonifiche ambientali almeno una volta al mese. Per questo in molti hanno scelto l’acquisto di strumenti che consentono di scovare in sicurezza microspie e attrezzature simili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.