Oltre 36milioni di euro sottratti alle banche europee dagli hacker

Oltre 36milioni di euro sottratti alle banche europee dagli hacker

In questi anni numerosi cittadini di tutto il mondo hanno fatto ricorso a cellulari anti intercettazioni sentendosi sempre più controllati sotto la lente di ingrandimento di enti non autorizzati al controllo. Non hanno ben pensato alla tutela della propria privacy invece numerose banche europee che si sono viste sottrarre oltre 36 milioni di euro da un gruppo di hacker.
Il Financial Times ha riportato che si tratterebbe del primo caso di furto che ha preso specificatamente di mira le procedure di sicurezza sui servizi bancari via internet che sfruttano i cellulari. Alla base della frode ci sarebbe un trojan a due stati, un virus inizialmente dormiente sui PC degli utenti che si trasferiva sui loro smartphone. A questo punto il trojan, avendo infettato entrambi i dispositivi, poteva registrare i codici di verifica inviati sui cellulari e utilizzarli per creare una sessione di online banking in parallelo effettuando trasferimenti su altri conti. La truffa avrebbe riguardato 30 mila utenti bancari online di Germania, Italia, Spagna e Olanda, dice il Financial Times. Nello specifico, sono stati presi di mira dispositivi mobili Android e Blackberry.

Diverse società che si occupano di sicurezza online, hanno pubblicato report in cui spiegano la dinamica dell’attacco in maniera più specifica. Il sistema è stato creato su misura per superare i sistemi di sicurezza online delle banche costituiti generalmente da due livelli: il primo è sviluppato quando un cliente che deve effettuare un’operazione online, riceve un numero di autenticazione per la specifica transazione (Transaction Authentication Number, Tan) via sms sul cellulare. Successivamente numero Tan viene inserito sul sito per confermare l’operazione e dunque procedere. Potrebbe accadere che il cliente clikki sul link sbagliato, scaricando un trojan che al primo ingresso sul sito di online banking, richiederà di inserire il numero di cellulare, al quale verrà inviata una richiesta di aggiornamento “delle procedure di sicurezza”. Accettando l’aggiornamento, l’utente scarica una variante mobile del trojan (Zitmo), progettata per intercettare gli sms della banca contenenti il numero Tan. Quindi alla prima operazione utile, il trojan intercetta il numero segreto e lo usa per trasferire soldi. L’utilizzatore può rendersi conto della truffa solo quando scopre un ammanco sul suo conto. Le transazioni effettuate in Europa hanno avuto valore compreso tra 500 e 250.000 Euro.

Gli attacchi informatici sono all’ordine del giorno ed in continuo aggiornamento. Sta agli utenti grandi o piccoli che siano dotarsi di validi sistemi di sicurezza su pc e cellulari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.