I virus per auto potranno spiare e provocare incidenti

I virus per auto potranno spiare e provocare incidenti

L’informatica è entrata a far parte anche del mondo automobilistico: controllo di trazione, esame della velocità, sensori diagnostici per freni, luci e aria condizionata e se vogliamo anche wireless e bluetooth.
Le autorità specializzate alla verifica ed al corretto funzionamento dei sistemi di sicurezza delle autovetture negli Usa hanno anche scoperto che potrebbero esserci pericoli derivanti da attacchi hacker attraverso “malware” e “trojans” che potrebbero insidiare i sistemi informatici delle autovetture attraverso connessioni, driver e sistemi.
Nessuna casa automobilistica ha confermato queste affermazioni, ma tutte si stanno adoperando per testare i propri strumenti di sicurezza.
La casa automobilistica Ford, ha dichiarato che i tecnici hanno controllato il sistema di sincronizzazione e d’intrattenimento confermando che non vi sono pericoli.
Toyota ha tranquillizzato affermando che i codici informatici delle vetture cambiano continuamente, rendendo difficile l’intrusione di hacker, anche se dal Giappone non ritengono impossibile un’eventuale infezione.
Volkswagen, Hyundai e Nissan non hanno commentato, mentre Honda ha solamente riferito che i tecnici stanno lavorando per gestire la situazione. La casa produttrice di antivirus “McAfee” ha messo in guardia circa la vaghezza di informazioni e chiarimenti che sono stati propinati dalle case produttrici.
Una squadra di hacker della sezione security dell’Intel sta lavorando per ricercare possibili “bug” responsabili del contagio. E’ stato dimostrato che con una infezione via cd si può arrivare a bloccare freni, chiudere porte o spingere l’acceleratore.

E’ innegabile che le case produttrici si sono impegnate ben poco ad affiancare l’avanzamento della tecnologia con validi sistemi di sicurezza all’interno delle autovetture. Se questi non saranno sviluppati al più presto, abili hacker potranno non solo rubare auto e manomettere i sistemi di controllo, ma anche provocare incidenti e ascoltare tutto ciò che accade all’interno dell’abitacolo. Così si potranno eliminare facilmente concorrenti scomodi.
Quest’ultimo aspetto preoccupa le forze dell’ordine, gli imprenditori, ma anche i coniugi infedeli. Essere spiati può mettere a rischio indagini, aziende di successo e relazioni. Diversi sono stati gli esempi di microspie impiantate nelle auto (ad esempio il procuratore Tarondo) e molti hanno arginato la situazione utilizzando strumenti per la bonifica ambientale, attraverso i quali hanno scovato le apparecchiature di spionaggio e le hanno disattivate. Ormai questi prodotti sono divenuti indispensabili per garantirsi la dovuta privacy in auto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.