Il fisco controllerà anche i telefoni

Il fisco controllerà anche i telefoni

Tra le grandi manovre di controllo che si stanno operando per monitorare i contribuenti, pare che gli agenti 007 dell’Agenzia delle Entrate si stiano concentrando sulle intercettazioni del nostro cellulare. Iphone, Samsung o qualsiasi altra marca sia, il fisco non si pone limiti.

Non si tratta di spiare il contenuto delle telefonate, ma di registrare l’entità del traffico telefonico effettuato che potrebbe essere considerato un indice della capacità di spesa e di consumo degli italiani. Inoltre i controlli mirerebbero a monitorare anche gli acquisti effettuati con il cellulare in modo da tracciare tutte le transazioni di denaro. Si tratta degli smartphone abilitati ai pagamento virtuale che entro il 2014 potrebbero essere circa 8milioni. Questi dispositivi saranno dotati di schede sim particolari associate ad una carta di credito. Basterà accostare il telefono ai nuovi Pos, i dispositivi che permettono già oggi i pagamenti con carte, e il versamento sarà effettuato. Così tutte le spese quotidiane anche minime passeranno per il cellulare. Il mobile payment, nei prossimi anni, sarà il cavallo di battaglia del fisco
Le intercettazioni telefoniche sono all’ordine del giorno e altrettanto frequente è l’utilizzo di telefoni criptati che impediscono il controllo sulla propria vita da da parte di soggetti non autorizzati. Con questi particolari software o con telefoni nati appositamente per non essere intercettati, è possibile salvaguardare le proprie conversazioni, i messaggi di testo e non rendere visibile la propria posizione, troppo facilmente rintracciabile con i diffusissimi sistemi GPS.
Il progetto della Agenzie delle Entrate è ancora top secret. Non è noto quando questo sarà reso operativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.