Gli agenti federali richiedono amicizia sui social network

Un cane da guardia della privacy ha scoperto un memorandum del governo che incoraggia gli agenti federali a ‘richiedere amicizia’ su svariate reti di social network, sfruttando la loro disponibilità nel condividere informazioni – e per spiarli. In risposta ad una richiesta di libertà di informazione Freedom of information, il governo ha rilasciato una manciata di documenti, tra cui un memorandum del maggio 2008 con dettagli di come i siti di social networking sono sfruttati da parte dell’Ufficio di Fraud Detection e la sicurezza nazionale (FDNS).

A partire dallo scorso giovedì, Facebook, Twitter, MySpace, Digg non hanno commentato la relazione, quali dettagli del programma ufficiale del governo di spiare attraverso le reti sociali. Altri siti che il governo sta spiando comprendono Twitter, MySpace, Craigslist e Wikipedia, secondo la Fondazione di Frontiere Eletroniche- Electronic Frontier Foundation (EFF), che ha presentato la richiesta FOIA (legge sulla libertà d’informazione n.d.t.).

“Tendenze narcisiste in molte persone incrementano la necessità di disporre di un folto gruppo di amicizie e link vari, e molte di queste persone accettano “amicizie cibernetiche” di persone delle quali non sanno nulla – ha dichiarato uno dei documenti ottenuti dal EFF . “Questo fornisce un ottimo punto di osservazione per FDNS (Fraud Detection and National Security ) per osservare la vita quotidiana dei beneficiari e firmatari che sono sospettati di attività fraudolente”.

Secondo la EFF, il presente documento – che specifica dettagliatamente come il governo valuta le richieste dei potenziali cittadini – suggerisce che non c’è nulla che poi possa evitare che un comune commento, esagerato, innocuo o addirittura fuori data, un aggiornamento di stato, dal poter rapidamente diventare il soggetto per scaturire una completa indagine investigativa.

Continua a leggere su Il Democratico


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.