Echelon: Il Grande Fratello è tra di noi

Echelon: Il Grande Fratello è tra di noi

Il nome in codice “Echelon” viene usato per identificare una rete informatica gestita in gran segreto fino al 1997, capace di esprimere potenzialità non indifferenti nel campo del controllo globale. Echelon non soltanto è in grado di controllare l’intero nostro pianeta, ma svolge anche funzioni di intercettazione, selezione e registrazione di qualsiasi forma di comunicazione elettronica esistente.

Queste sue infinite possibilità sono supportate da due fattori fondamentali: i “Dizionari” e le stazioni a terra.
I primi sono in realtà dei veri e propri super computer, satelliti artificiali in orbita intorno al nostro pianeta, che trasmettono un considerevole flusso di dati a livello mondiale alle varie stazioni sparse per il globo.
Questa spiegazione di Echelon, molto semplice nella sua espressione in forma prettamente divulgativa, lascerebbe pensare all’intero sistema come ad un sofisticato mezzo di supporto per lo spionaggio militare; in realtà gli obiettivi non sono esclusivamente di tipo militare, Echelon infatti “osserva” e controlla anche i Governi, le varie ambasciate e persino milioni di comuni cittadini, in qualsiasi parte del mondo essi si trovino.
Questa sua singolare caratteristica lo pone in uno stato di precario equilibrio tra le libertà conquistate e reclamate dai cittadini e il sempre più crescente bisogno di sicurezza, in particolar modo in questo delicato momento storico; ma prima di affrontare questo delicato argomento cerchiamo di capire meglio perché e da chi è stato sviluppato un così complicato e virtualmente pericoloso sistema di difesa.

Durante il 1947 i rapporti tra Stati Uniti e Gran Bretagna diventano ancora più solidi in seguito a un accordo segreto che vede entrambe le nazioni unire le loro forze per rafforzare le reti di spionaggio interne; in realtà una collaborazione esisteva già da tempo ed era principalmente rivolta all’intercettazione delle comunicazioni sovietiche.
La rete di sinergie appena descritta prendeva il nome di “Patto UK/USA”, al quale si aggiunsero successivamente l’Australia, il Canada e la Nuova Zelanda; la sua esistenza rimase a lungo segreta, almeno fino a quando, nel marzo del 1998, non venne pubblicato un rapporto sullo Scientific and Technological Options Assessment.
Da quel momento la gente si rese conto che quella fastidiosa sensazione di sentirsi osservati, e le stesse leggende metropolitane che si raccontavano in merito a qualcuno che ci monitorizza costantemente, non erano poi tutte cose campate in aria…in effetti qualcuno ci stava osservando, e già da molto tempo!

Continua a leggere su Paid 2 Write

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.