Wikileaks: USA spiavano segretario generale della NATO

Wikileaks: USA spiavano segretario generale della NATO

Gli Usa avevano informatori nel quartier generale della Nato a Bruxelles per spiare il segretario generale, il danese Anders Fogh Rasmussen, e il suo predecessore olandese, Jaap De Hoop Scheffer. Lo rivelano alcuni documenti di Wikileaks pubblicati dal quotidiano norvegese “Aftenposten”.
Le rivelazioni sono contenute in piu’ di 250 cablogrammi che riportano a un clima da Guerra Fredda, in quanto le “soffiaate” riguardavano sempre i rapporti tra l’Alleanza e la Russia. Le fonti vicine al numero uno della Nato trasmettevano a Washington, tra l’altro, documenti confidenziali e informazioni sugli incontri con i leader di vari Paesi. Grazie ai suoi informatori, ad esempio, gli Usa vennero a conoscenza della proposta per un nuovo trattato sulla sicurezza inviata dalla Russia alla Germania e ad altri due Paesi europei nell’ottobre del 2008 e di cui l’allora segretario generale De Hoop Scheffer ottenne una copia. In un altro cablogramma, datato settembre 2009, un informatore fece avere agli Usa una lettera inviata da Rasmussen al capo dell’Allenza militare Collective Security Treaty Organization, sotto influenza russa, con una richiesta di stretta collaborazione. Questo permise agli Usa di esercitare pressioni sul segretario generale che poi, si apprende dal documento, lascio’ perdere l’iniziativa.
Nel dicembre del 2009, dopo una riunione a Mosca con il presidente russo Dimitry Medvedev e con il premier Vladimir Putin, Rasmussen dichiaro’ che Mosca era pronta a collaborare con la Nato per un dialogo costruttivo in diversi ambiti. Un informatore rivelo’ aqgli americani che in realta’ il clima dell’incontro fu completamente diverso, e che Putin rimprovero’ severamente Rasmussen chiarendo che la Russia non era interessata ad alcun tipo di collaborazione. (AGI) .

Fonte: AGI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.