USURA: chiedevano 200% di interesse. 2 arresti nel messinese

USURA: chiedevano 200% di interesse. 2 arresti nel messinese

Messina, 24 feb – Un altro duro colpo e’ stato inflitto alle organizzazioni criminali vicine ad ambienti mafiosi operanti sulla costa ionica del messinese dalla Guardia di Finanza. Alle prime luci dell’alba i finanzieri della Compagnia di Taormina hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere disposte dal G.I.P. del Tribunale di Messina, Giovanni De Marco, su richiesta dei Sostituti Procuratori della Repubblica D.D.A. presso il Tribunale di Messina, Fabio D’Anna e Fabrizio Monaco.

I guadagni e gli interessi usurai ricostruiti si aggirano tra il 60% e il 200% delle somme prese in prestito. In manette sono finiti un 45enne di Taormina e un 47enne di Letojanni(ME), ad entrambi e’ stata contestata l’aggravante di agire con modalita’ mafiose. In casa del primo sono state rinvenute e sottoposte a sequestro 17 mila euro in contanti e cambiali per 16 mila euro. Sono stati inoltre perquisiti dalle Fiamme Gialle 5 appartamenti e 2 uffici.

Le indagini iniziate d’iniziativa nel giugno del 2010 dalle Fiamme Gialle hanno portato alla scoperta di un radicato sistema criminale finalizzato a speculare, attraverso il prestito di somme di denaro a tassi ampiamente usurai, su soggetti in difficolta’ finanziaria.

Alle vittime venivano richiesti a garanzia del prestito e degli interessi usurai applicati, gli immobili presso cui vivevano o lavoravano e assegni di rilevanti importi che poi venivano restituiti o distrutti al momento del pagamento in contanti per non lasciare traccia.

Le indagini sono state condotte attraverso l’uso di intercettazioni telefoniche ed ambientali. Diverse micro spie sono state posizionate dai militari all’interno di auto, uffici ed appartamenti.

I Finanzieri hanno anche scoperto, attraverso scrupolose indagini bancarie e patrimoniali ed attraverso l’ausilio di riprese eseguite da mezzi aerei del Corpo, la presenza di una villa di due piani nel territorio del Comune di Taormina (ME) del valore di mercato di circa 1 milione di euro riconducibile ad uno degli arrestati. La villa, presumibilmente costruita con i profitti dei reati, e’ stata posta sotto sequestro dai militari al fine di permetterne la ulteriore confisca nelle successive fasi processuali come previsto dalle leggi antimafia.

Fonte: ASCA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.