Spioni industriali, è allarme in USA

Spioni industriali, è allarme in USA

I furti di informazioni sarebbero commessi dagli stessi dipendenti

Le aziende americane devono cominciare ad attrezzarsi seriamente su un nuovo fronte, quello dello spionaggio industriale commesso dai propri dipendenti.
Paesi come Cina, Russia e Iran sono sempre più alla ricerca di brevetti e tecnologia occidentale, e di conseguenza aumentano i casi di spionaggio interno, grazie alla facilità con cui i dipendenti possono scaricare, salvare e trafugare dati sensibili.
Si tratta di un nuovo tipo di reato, spiega il New York Times, regolato da una legge emanata dal Congresso nel 1996 che fino ad oggi è stata utilizzata solo 7 volte. Il testo parla di spionaggio industriale, ma prevede l’aggravante nel caso in cui si riesca a dimostrare che il furto di informazioni serve ad agevolare un governo straniero.
Il primo caso di spionaggio interno, portato davanti a un tribunale americano nel 2001, coinvolgeva uno scienziato giapponese. Ma gran parte degli altri episodi riguarda ricercatori o ingegneri che hanno legami con la Cina.

Dopo decenni di operazioni eseguite con tecnologia a basso costo, ora la Cina “sente di aver davvero bisogno di una svolta e che diventare una potenza tecnologica e’ un suo diritto”, afferma James Mulvenon, direttore del Center for Intelligence Research and Analysis, un istituto di analisi di Washington che si occupa di monitorare le attività cinesi per agenzie governative. Secondo quanto dichiarato da Mulvenon al New York Times, la Cina sta tentando di riconquistare migliaia di scienziati di origine cinese che lavorano o si sono formati negli Usa.

La difficoltà però sta nel dimostrare che dietro il furto di dati ci sia davvero il governo di Pechino.

  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.