Sony chiede 1 milione di euro all’hacker, lui non molla

Sony chiede 1 milione di euro all’hacker, lui non molla

L’hacker graf_chokolo denunciato da Sony per 1 milione di euro. È reo di aver pubblicato online materiale che serve per l’hacking della PS3. Lui non molla e Geohot ne decanta le lodi.

Sony ha chiesto 1 milione di euro all’hacker graf_chokolo per aver pubblicato sul Web il materiale di cui si è servito per aggirare le difese della PS3 (Perquisizione a casa di un hacker PS3, lui si vendica). Nei giorni scorsi a graf_chokolo, nickname di Alexander Egorenkov, era stata perquisita la casa dalla polizia tedesca, che aveva preso in custodia il suo computer, la PS3 e altri dati, come gli account.

L’hacker, per ripicca, aveva deciso di pubblicare tutto il materiale prodotto in Rete, sfidando Sony. In poche ore è stato raggiunto da una lettera dello studio legale Arnold Ruess che, per conto della divisione europea dell’azienda nipponica, richiedeva la rimozione del materiale dal Web e fissava “l’ammontare della controversia” a 1 milione di euro.

Neanche lo spauracchio di una richiesta di risarcimento danni milionaria sembrerebbe, però, aver messo paura a graf_chokolo. “Non mi conoscono affatto, non m’importa niente se la raddoppiano. Più alta è la somma maggiore è la mia motivazione. […] I soldi e persino la mia vita non significano molto per me, senza conoscenza. Ho una mente scientifica e la conoscenza è il cibo del mio cervello. Senza hacking di HV (HyperVisor), Linux e kernel FreeBSD la mia vita non ha senso”.

“Mi manca terribilmente il mio HV e, negli ultimi 2 giorni, ho una fame di conoscenza che non posso più controllare. Ho bisogno di conoscere e fare ricerca, hanno un enorme significato nella mia vita. Nemmeno il carcere o addirittura la morte possono fermarmi”.

“L’avvocato di Sony mi ha chiesto perché sto facendo tutto questo, perché odio Sony? Lui non può capire perché lo sto facendo, è pagato per fare quello che deve fare. Io no. Persino ora non ho rancore nei confronti di Sony. Odio avere pensieri per la testa, mi tengono lontano dalle cose importanti. Faccio un uso migliore del mio cervello e della mia conoscenza”.

Continua a leggere su Tom’s Hardware

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.