Home » Intercettazioni » Stai leggendo:

Scommesse: la telefonata che ha fatto partire l’inchiesta

giugno 10, 2011 Intercettazioni No Comments

Lo scandalo dell’operazione “Last bet” si arricchisce di particolari sconcertanti grazie alle intercettazioni telefoniche. L’inchiesta parte dal caso di avvelenamento in Cremonese-Paganese.

Decisive nello scandalo Last bet, le intercettazioni telefoniche si sono rivelate “uno strumento particolarmente prezioso”, secondo il Gip cremonese Guido Salvini. Poco alla volta, stanno uscendo i testi – parziali – di alcune delle telefonate intercettate, capaci di dare un’idea di tutto ciò che è accaduto. I protagonisti dello scandalo, scrive il Gip, disponevano di telefoni cellulari dedicati, cioè usati solo per intessere i loro rapporti sui quali vengono dirottate le conversazioni più compromettenti. Emergono dialoghi sconcertanti.

L’avvelenamento in Cremonese-Paganese –
“Ma che a dormi’…sto a scervellarmi per la storia dell’avvelenamento…per quella roba lì”. Parte da questa frase – intercettata in una telefonata tra il portiere della Cremonese e poi del Benevento, Marco Paoloni, e Massimo Erodiani, l’inchiesta sullo scandalo scommesse. Il riferimento è alla partita della Lega Pro Cremonese-Paganese, giocata il 14 novembre del 2010 allo stadio Zini, al termine di quell’incontro cinque giocatori – il capitano Andrea Zanchetta oltre a Carlo Gervasoni, Redouane Zerzouri, Mario Tacchinardi e Riccardo Musetti – e Alessandro Rivetti, collaboratore della squadra, accusano “palesi sintomi di malessere”. Le analisi sulle urine dei giocatori, rivelano quale è stata la causa del malore: il Lormetazepam, un farmaco il cui principio attivo rientra nella categoria dei farmaci delle benzodiazepine utilizzati, scrive il gip, “per gli stati d’ansia e dei disturbi del sonno, i cui effetti sarebbero sostanzialmente compatibili con quelli avvertiti dai giocatori e dal collaboratore della squadra”. Come e perché il farmaco è finito ai calciatori, lo rivelano invece le indagini, che coinvolgono “senza ombra di dubbio”, il portiere Marco Paoloni e Massimo Eridiani. Sarebbe stato il primo a metterlo nell’acqua bevuta dai cinque prima e durante l’incontro. I due, tra l’altro, parlano esplicitamente dell’ “avvelenamento” in una telefonata del 22 gennaio 2011, nella quale Paoloni si dice molto preoccupato. Ecco il testo: MARCO: pronti MASSIMO: oh MARCO: ah oh MASSIMO: che stai a fa? MARCO: ehhh MASSIMO: stai dormendo, stai a dormì? MARCO:stai a dormì sto a scervellarmi Massi …che a dormì… MASSIMO: che cazzo è successo? MARCO:no eeeh..Per la storia de…dell’avvelenamento MASSIMO: Eh MARCO: De quella roba lì.. MASSIMO: e beh? MARCO: no…no stanno a chiamare tutti quanti…mi hanno detto…che ci abbiamo tutti i telefoni sotto controllo… MASSIMO:Ahh… MARCO: e hanno fatto sta…un’indagine su tutto quanto MASSIMO:Eh MARCO: capito?…eeee…..infatti pure per quello…e io ho detto…mo…glielo dico a Massimo..che meno se sentimo e meglio è!!! MASSIMO: è ovvio!!…ma questo a chi sta intestato…questo che c’hai a parlare mo’ MARCO: Questo qui sta intestato…non lo so me l’ha dato un amico mio…boh…a me no però… MASSIMO:ok!

“Il portiere? Portacelo che lo ammazziamo” – Il dialogo avviene fra Manlio Bruni, un componente di un gruppo di scommettitori di Bologna e Antonio Bellavista, ex calciatore del Bari in seguito alla partita Benevento-Pisa del 21 marzo 2011.
– “Questo non è da sparargli, è proprio da ammazzarlo di botte”.
– “Eh, ammazzarlo, sì portatecelo qui che l’ammazziamo”.

Secondo quanto emerge dalle indagini Marco Paoloni, portiere del Benevento, avrebbe dovuto far sì di subire diversi gol durante il match. In virtù di questa rassicurazione fornita agli scommettitori dallo stesso Paoloni su quella partita vengono puntate svariate decine di migliaia di euro. La partita però termina 1-0 per il Benevento. Da quel momento iniziano le minacce verso Paoloni da parte degli scommettitori.
“Se ha fatto una cosa del genere deve morire – dice il titolare di una ricevitoria arrestato oggi – se ha fatto una cosa del genere mette a repentaglio tutti, ce li deve ridare tutti i soldi non me ne frega un c…, pignorerà pure l’anima santa”.
Una collaboratrice di Massimo Erodiani, titolare di una tabaccheria arrestato oggi, chiama poi la moglie di Paoloni intimandole di restituire i soldi che hanno perso a causa del marito. La donna chiama l’uomo che scoppia in lacrime al telefono. Nelle telefonate successive a Paoloni viene intimato di consegnare 160mila euro con un assegno e 50mila euro in contanti.

Atalanta-Piacenza 3-0 – Così, stando all’ordinanza del Gip, si sarebbe svolta la combine di Atalanta-Piacenza 3-0 del 19 marzo.
“Parlato Gianfranco, che riferiva all’Erodiani, prendeva contatti con il capitano dell’Atalanta Doni; Paoloni Marco prendeva contatti con Gervasoni Carlo, giocatore del Piacenza, già suo compagno di squadra nella Cremonese fino al febbraio 2011, informando Erodiani, che riferiva al Parlato della disponibilità di questi e di altri giocatori; Bellavista riferiva ai due ultimi della disponibilità, quali finanziatori della combine e scommettitori, sia del gruppo di Bologna, che del gruppo degli “Zingari”; Bellavista, Erodiani e Beppe Signori (gruppo di BOLOGNA) si incontravano per contrattare il 15.3.2011 in Bologna via U.Bassi 7, presso lo studio facente capo anche al Bruni e al Giannone; Bruni Manlio, successivamente, teneva i rapporti tra Bellavista e Signori, che metteva a disposizione 60.000 €; Parlato dava disposizioni a Gervasoni Carlo affinchè, in occasione della partita, andasse incontro a Cristiano Doni a stringergli la mano a suggello dell’accordo; Pirani confermava a Buffone che, col coinvolgimento di sei giocatori del Piacenza, detta squadra avrebbe perso l’incontro; Erodiani comunicava a Giannone Francesco, rappresentante del gruppo di scommettitori “Bolognesi”, facendo riferimento al comune intento di “portare a casa la partita”, che “quasi tutti”ci giocatori del Piacenza, ivi compreso il portiere, erano d’accordo.
Pirani (parlando con Buffone il 18 marzo 2011): “C’ho dei miei che giocano lì, loro vanno a perdere”.


La combine mancata, Inter-Lecce
– L’Inter batte il Lecce “solamente” 1-0, per gli scommettitori avrebbe dovuto segnare invece 3 gol. Ecco uno stralcio del dialogo intercettato fra Bellavista e un suo amico, lo scommettitore Fabio Daledo. Oggetto del discorso la combine che, in teoria, avrebbe dovuto organizzare Paoloni.
Daledo: “Ma cosa han combinato?”
Bellavista: “Ma che ti dico… guarda eh hanno dato un assegno di centodieci… domani devono portare un assegno di centonovantamila di assegni perché si devono far recuperare…. che devo di’, non lo so perché… boh.. incomprensibile… lui … il centrovanti .. quello che era in campo capito chi?”
Daledo: “Sì sì”
Bellavista: “Che ti devo di’… pensa hai visto che anche l’amico tuo è stato incu…. cioè no che è stato inculato da quelli di Bologna da… da quella … dall’organizzazione hai capito… ma l’organizzazione è stata inculata dai giocatori… capito… l’hanno fatta direttamente… eh”
Daledo: “Ma infatti proprio non non… mollavano niente proprio”
Bellavista: “Per noi per dirti… per noi capito..per noi che abbiam puntato tutto torna …perché questo di Bologna… come l’altra volta che è stato chiamato cioè hai capito?…qual’è il problema boh…chissà che è successo? poi non mollavano un ca… a parte che l’inter oggi era veramente… faceva solo possesso palla”
Daledo: “Noo eh ho capito però questi dicevano cinque… quali cinque? …. Non mollava niente nessuno?”

“Lui non può fare niente” – Nella stessa telefonata, Daledo e Bellavista citano altre gare.
Daledo: “Se mi dicevi… Se mi dicevi quella roba lì del portiere del Benevento ti dicevo di non far niente”
Bellavista: “Perché?”
Daledp: “Perché è uno che non può far niente… Eh perché è uno che ha già fatto un’altra roba che… il portiere del Benevento giocava a Cremona fino a due mesi fa no?”
Bellavista: “Sì… sì”
Daledo: “Eh eh ti dicevo di non far niente”
Bellavista: “Perché?”
Daledo: “Eh perché è uno che non va bene… E’ uno che non va bene… Io non so come lo conosci tu è uno che non va bene”
Bellavista: “Come non va bene? Perché?”
Daledo: “Eh… eh perché avevano già fatto un’altra roba a Cremona… a Cremona il giorno di Spal-Cremonese così che non…”
Bellavista: “Io ti… Ho capito ma ne è saltata una… Ma domenica l’ha fatta Taranto-Benevento eh”

Brescia-Bologna – Il colloquio in questione avviene fra Pietro Bassi “un informatore amico del ds della Nocerina” secondo l’ordinanza, e Gianfranco Parlato, uno degli arrestati. Nella intercettazione Bassi predice quattro risultati rivelatisi esatti: Crociati Noceto-L’Aquila 0-1, Taranto-Nocerina 2-1, Lucchese-Benevento 1-2 e appunto Brescia-Bologna 3-1.
Bassi: “Il Brescia prende tutto capito?”
Parlato: “Che ha?”
Bassi: “Il Bolo”
Parlato: “Può essere quello può essere”

La previsione viene confermata anche tre giorni dopo in una telefonata tra Giampaolo Tagliatti, titolare di un’agenzia di scommesse, e Massimo Erodiani, uno degli arrestati: proprio quest’ultimo tranquillizza Tagliatti, dicendosi certo della vittoria del Brescia.

“Quello dei 200 gol” – Nella misura di custodia cautelare si riporta un colloquio tra due degli arrestati nel quale si fa riferimento al fatto che Signori deve riuscire a recuperare i soldi persi nella scommessa sulla partita Inter-Lecce, non andata a buon fine. Uno degli scommettitori bolognesi, in una telefonata del 22 marzo scorso, dice al portiere della Cremonese, Marco Paoloni, che quello che deve riavere i soldi è uno “che ha fatto duecento goal in serie A, che ieri sulla tua invece ha giocato cinquemila euro. Allora mi ha detto, se lo senti oggi digli domani quando viene di portarti pure i 5000 euro miei”.

Fonte: www.sport.sky.it

Commenti su questo articolo







Guida al controspionaggio

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 2)

LEGGI LA PRIMA PARTE… – La scatola di una presa elettrica sembra essere stata spostata. Le prese elettriche sono tra i punti dove più frequentemente vengono nascosti dispositivi di intercettazione, così come lo sono i rilevatori di fumo, le lampade o gli interruttori. Se notate della sporcizia (tipo segatura o …

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 1)

A casa, in ufficio ed in qualsiasi posto vi troviate potreste essere spiati. Chiunque voi siate, e qualsiasi cosa facciate, vi può capitare di incontrare persone che, per interesse o per avidità di potere, desiderano di venire in possesso di vostre informazioni riservate, sia per danneggiarvi che per ottenere un …

Il fisco controllerà anche i telefoni

Tra le grandi manovre di controllo che si stanno operando per monitorare i contribuenti, pare che gli agenti 007 dell’Agenzia delle Entrate si stiano concentrando sulle intercettazioni del nostro cellulare. Iphone, Samsung o qualsiasi altra marca sia, il fisco non si pone limiti. Non si tratta di spiare il contenuto …

Guide alla videosorveglianza

Come arrestare il key bumbing, il furto senza traccia

La nuova frontiera dei furti, per ladri in continuo aggiornamento, è il “key bumping”. Si tratta dell’arte di aprire le porte delle abitazioni senza lasciare segni di effrazione. A Roma, i Carabinieri hanno arrestato una banda di georgiani, ben 37 persone, specializzate in furti in appartamenti nella città e in provincia. L’organizzazione criminale è risultata responsabile di decine di colpi in appartamenti, e in particolare, è specializzata nella tecnica consente …

I consigli del ladro per una difesa ottimale contro i furti in estate.

furti in appartamento

Le vacanze, per molte famiglie italiane, sono già iniziate. Le città si svuotano e le case rimangono sempre più isolate, soprattutto se i vicini decidono di partire nello stesso periodo. Quella delle vacanze estive, quindi, diventa un’occasione per ladri, professionisti e no, per entrare in azione, in quanto hanno meno possibilità di essere visti e acciuffati e possono, così, agire con più calma. Il giornale napoletano “Il Mattino” proprio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 4 – Visione filmati e integrazione

Passiamo alla quarta ed ultima parte della nostra guida, rispondendo a domande su come visualizzare i video di sorveglianza e come integrare le proprie apparecchiature di sorveglianza con altri sistemi video. 6. Visualizzare i video La maggior parte dei video di sorveglianza non viene mai vista da esseri umani, se non per indagini storiche. Alcuni sistemi a circuito chiuso consentono la visione in diretta, ad esempio come sistemi antitaccheggio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 3 – Salvataggio filmati e analisi video

Proseguiamo con le nostre 7 domande, con la parte dedicata ai supporti di salvataggio dei filmati video, e all’analisi dei filmati registrati. 4. Salvataggio I video di sorveglianza sono quasi sempre salvati per recupero e revisione. La durata media dello stoccaggio è tra i 30 e i 90 giorni, anche se in alcuni casi il periodo può essere più breve, o durare anche per qualche anno. I due elementi più …

Contattaci


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

CONTATTACI SU SKYPE

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Intercettazioni.eu

Un aggregatore di articoli e guide online, su argomenti legati allo spionaggio, contro spionaggio, controllo accessi, intercettazioni, Sicurezza personale, protezione dei propri beni e dei vostri affetti.

Ricerca intestatario numero di cellulare

Vuoi sapere il titolare di un numero di telefono cellulare? o viceversa vuoi conoscere il numero di telefono partendo dall'intestatario? I numeri esteri non sono un problema! Chiamaci: 0803026530

Fornitura di sim card anonime

In abbinamento con i nostri telefoni cellulari Stealth Phone, per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza alle vostre conversazioni telefoniche, da oggi possiamo offrirvi anche una serie di schede SIM anonime, per ottenere le quali non c’è bisogno di alcuna registrazione.
Chiamaci per saperne di piu' allo 0803026530!

Recupero sms cancellati

Recuperiamo sms, dati cancellati da sim card e telefoni cellulari. Devi inviarci la sim card e/o il telefono cellulare. In meno di una settimana riceverai i dati estratti per e-mail o per posta. Chiamaci per ulteriori informazioni: 0803026530

Come localizzare un cellulare

Come si fà a localizzare un cellulare?. Tutti i telefoni cellulari una volta accesi e collegati alla rete dei provider telefonici mobili sono rintracciabili geograficamente. Chiamaci per saperne di piu': 0803026530

Sblocco codici autoradio

Il codice di un autoradio è unico, per ogni radio associata ad ogni telaio, in genere si trova scritto a penna in qualche libretto di garanzia o manutenzione dalla concessionaria. Se è impossibile ritrovarlo, chiamaci: 0803026530

Recupero password perse

Hai dimenticato la tua password per Excel, word, myspace, aol, facebook, yahoo, msn, hotmail, live, gmail, libero, aim, aol....etc? Possiamo aiutarti, chiamaci: 0803026530