Milano: ex prefetto Ferrigno spiava teste chiave del caso Ruby

Milano: ex prefetto Ferrigno spiava teste chiave del caso Ruby

Tra i reati contestati all’ex Prefetto Carlo Ferrigno, da oggi agli arresti domiciliari per millantato credito, c’e’ anche l’accesso abusivo a sistema informatico che l’indagato avrebbe compiuto per ‘spiare’ il traffico telefonico di Maria Makdoum, la giovane danzatrice del ventre, ritenuta una delle testimoni chiave dell’accusa nel processo sul caso Ruby. Da quanto si e’ appreso negli ambienti giudiziari, Ferrigno controllava i contatti telefonici della Makdoum, con la quale avrebbe avuto una relazione, grazie anche all’aiuto di altre persone, allo stato indagate nello stesso procedimento.

Fonte: ADN Kronos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.