Londra blindata in vista delle Olimpiadi 2012, tra missili e videosorveglianza.

Londra blindata in vista delle Olimpiadi 2012, tra missili e videosorveglianza.

Una notizia che sta rimbalzando sulle testate giornalistiche di tutto il mondo, quella che vede la capitale del Regno Unito blindata in prospettiva dello svolgimento dei Giochi Olimpici, che si terranno dal 27 luglio al 12 agosto.

Operazione di sicurezza messa a punto è piuttosto spettacolare, e l’esercito avrà un ruolo centrale al fianco di polizia e agenti di sicurezza più convenzionali: circa 40.000 uomini, due navi da guerra, aerei da combattimento Typhoon, squadre militari per l’eliminazione degli ordigni esplosivi, e elicotteri da combattimento saranno distribuiti in tutto il paese per tutta la durata delle Olimpiadi.

I residenti di Londra sono di nuovo invitati a partecipare alla difesa della città. Bow Quarter, nella parte est della città è un quartiere in parte pedonale, popolato da giovani famiglie e professionisti, che molto presto potrebbero vedere i loro edifici militarizzati. Nel fine settimana, infatti, il Ministero della Difesa ha notificato i residenti di alcuni quartieri di tutto Olympic Park di Londra che potrebbero diventare sede di batterie di missili ad alta velocità. In altre parole, i londinesi avranno dei razzi sui loro tetti.

I residenti, che sono stati informati tramite la posta, hanno appreso con sorpresa che circa 10 soldati e una varietà di hardware potrebbero essere installato in cima ai loro edifici per un massimo di due mesi questa estate.

Oltre alle armi vere e proprie, è stato messo a punto un enorme sistema di videosorveglianza, con microtelecamere spia installate nei luoghi più disparati, affinché nulla sfugga al controllo dei militari.

“Non abbiamo ricevuto minacce specifiche contro le Olimpiadi – ha precisato Stuart Artha, responsabile della sicurezza aerea – stiamo prendendo tutte le precauzioni necessarie nel caso ci fosse un problema. I britannici si aspettano che noi siamo pronti ad intervenire”. Nessuna minaccia specifica, dunque, ma l’esigenza di far svolgere i Giochi in totale sicurezza in una città che ancora ricorda con profondo sgomento gli attentati del 2005, quando dei kamikaze si fecero esplodere in metropolitana e su un autobus, provocando la morte di 55 vittime. Era il 7 luglio e solo il giorno prima Londra era in festa per la decisione del Cio di svolgere proprio nella capitale britannica le Olimpiadi 2012.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.