La chiesa battista di Westboro minacciata dagli hacker Anonymous

La chiesa battista di Westboro minacciata dagli hacker Anonymous

Vi ricordate la Westboro Church? Il gruppo di fanatici che picchetta ai funerali di persone, a loro visione, peccatrici. Non solo alle esequie ma anche ai concerti di Lady Gaga o di Adam Lambert, colpevoli di appoggiare la causa gay (oltre a Lambert, omosessuale dichiarato). I loro slogan sono simili alle più becere scritte da bagno o autogrill: “Dio odia i finocchi, L’aids cura i finocchi, grazie Dio per l’Aids, Dio non è invertito, Dio uccida i militari“. Non c’è solo odio per i gay ma anche per l’America peccatrice.

Una delle loro ultime azioni ha indignato il mondo intero: hanno picchettato il funerale di una bambina di soli 9 anni, vittima del massacro omicida di Tucson. Sarebbe stato merito di Dio la scelta di far morire quella bambina per mostrare la strada errata e colpevole che hanno scelto gli americani. Una morte assurda come esempio di moralità. E così, ecco l’annuncio del gruppo Anonymous, collettivo militante di Internet che si è scagliato contro il portale internet ufficiale del gruppo di fanatici:

“Chiudete i vostri website. Se ignorerete questo avvertimento, conoscerete il braccio di Anonymous: bersaglieremo i vostri siti pubblici e la propaganda e la detestabile dottrina che promuovete sarà sradicata: il danno sarà irreversibile, e la vostra istituzione non sarà mai più in grado di risollevarsi”

Ma loro non pare si siano fatti intimidire, rispondendo in questo modo:

“Grazie, Anonymous! I vostri tentativi di mettere a tacere la volontà di Dio serviranno solo per pubblicizzarla ancora. Dio lo Vuole! La nostra risposta a voi? Fatevi sotto, codardi”

Forza Anonymous, sono con te…

Fonte: Queer Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.