Intercettazioni: Fede faceva la cresta a Silvio

Intercettazioni: Fede faceva la cresta a Silvio

Se anche Emilio Fede, uno degli amici più cari, lo tradisce, per Silvio Berlusconi non c’è più religione. Il direttore del Tg4, da 20 anni alla Fininvest-Mediaset, ‘volto’ tra i più celebri della tv e noto filo-premier, è incappato nelle maglie delle intercettazioni volute dalla Procura di Milano che indaga sul caso Ruby.

LA “CRESTA” DI FEDE – Ed Emilio non ne esce bene. Uno dei passaggi più sorprendenti e choccanti usciti dal faldone è quello che riguarda la conversazione tra Fede e il manager Lele Mora. Corriere della Sera e Repubblica riportano una telefonata in cui i due si accordano sulla ‘versione’ da fornire a Berlusconi per richiedere un prestito in favore dello stesso Mora. Nel colloquio dello scorso 22 agosto, Fede dice a Mora: “Lele, studiamo insieme… Gli dico: ‘Senti, ho visto Lele, non sta bene ed è preoccupato, forse credo che una mano bisognerebbe dargliela… Quest’uomo c’ha dato tutto ed è quello che ci ha dato soprattutto la riservatezza… lui rischia la bancarotta… allora diventa peggio il problema’”. Quindi, ecco il piano: a Berlusconi, Fede chiderà per conto di Mora “uno e due (1,2 milioni di euro, ndr), di cui 100 (Mora) li dà a me in due rate che ho prestato 50 e 50, capito? Vuol dire che possono diventare uno e mezzo: io ne prendo quattro e tu otto, va bene?”. Non una bella figura per Fede, che parrebbe mirare ad una lauta ‘cresta’ sulla generosità dell’amico Silvio.

BUNGA BUNGA EMILIO – Spunta poi una telefonata tra il giornalista e la parlamentare del Pdl Maria Rosaria Rossi, nella quale si parla anche della pratica del bunga bunga, anche se il significato resta un po’ enigmatico: “Ma tu stai venendo qui?”, chiede Maria Rosaria Rossi a Fede. Il direttore del Tg4 risponde che sarà nel luogo dell’appuntamento non prima delle 21-21.15. Poi aggiunge: “Ho anche due amiche mie…”. “Che palle che sei – risponde la Rossi – quindi bunga bunga, 2 di mattina, ti saluto…”.
Sempre Emilio Fede, in un’altra telefonata con Nicole Minetti, parla di una certa Maristelle e di rapporti orali “a 300 euro. L’ha dovuta allontanare. Lavorava con uomini che vomitavano in macchina. L’hanno trovata in macchina con droga e un coltello”. Alla Minetti il direttore ha poi detto di aver pagato di tasca sua “10mila euro” ad una ragazza perché “aveva delle fotografie scattate con il telefonino” e “aveva bisogno di soldi”.

Fonte: Libero News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.