Hacker all’attacco, in Italia e all’estero

Hacker all’attacco, in Italia e all’estero

Un arresto a Olbia
Nelle giornate in cui ha collassato il servizio informatico delle Poste italiane, ci troviamo a parlare dell’arresto di un hacker nel nostro paese, avvenimento assai raro. Gli investigatori del Centro nazionale anticrimine informatico per la Protezione delle infrastrutture critiche hanno arrestato il pirata informatico di Olbia che commercializzava in rete il software UrbanPra; tale software consentiva di effettuare un numero illimitato di visure su intestatari e targhe di autovetture mediante accessi illeciti alla banca dati del Pubblico registro automobilistico.

La truffa del Pra
Il cyber criminale, accusato di furto d’identità digitale e commercializzazione su ampia scala di informazioni sottratte da banche dati di interesse pubblico, si è avvalso di una massiccia campagna spammatoria per pubblicizzare il proprio software. La truffa era davvero ben architettata: l’inganno faceva leva sulla possibilità di equivoco che il termine pubblico può ingenerare. Ecco un esempio di email inviata per adescare possibili clienti: «Vuoi sapere in tempo reale a chi è intestata una macchina conoscendo il numero di targa? Con Urban- Pra puoi inserire il numero di targa di un autoveicolo e scoprire immediatamente a chi è intestata, nome, cognome, indirizzo, storico proprietari, telaio, dati anagrafici, etc. Una visura al pra ti costerebbe 19,20 euro: con il nostro programma Urban-Pra puoi chiedere tutte le visure che vuoi pagando solo 49 euro».

La denuncia Aci
Un utente poco accorto, pensando che i dati del Pubblico registro automobilistico fossero in sostanza pubblici, era indotto in buona fede ad attivare la licenza del programma per risparmiare un po’ su eventuali visure da effettuare successivamente. La truffa è stata scoperta grazie a una segnalazione dei vertici della dirigenza Aci, che ha in carico la gestione dei sistemi informatici con i database del Pra.

Sotto attacco Google e Sony
Ma la vicenda dell’hacker del Pra è nulla se paragonata ai mega-attacchi informatici subiti in questi giorni da Google sul suo servizio Gmail e soprattutto da Sony.
L’annuncio dagli stessi pirati informatici: «Ci siamo introdotti recentemente nel sito della SonyPictures.com e abbiamo fatto catturato più di un milione di dati personali dei suoi utenti, tra cui parole chiave, indirizzi di mail e date di nascita». Una vera e propria “rivendicazione” quasi vecchio stile. Il web-terrorismo è composto da elementi pericolosi con cui occorrerà sempre più fare i conti.

Fonte: Europa Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.