Favori in cambio di rapporti sessuali: arrestato il pm Staffa

Favori in cambio di rapporti sessuali: arrestato il pm Staffa

Uno dei pm più in vista nella capitale, Roberto Staffa, titolare di numerosi processi antimafia, contro la criminalità organizzata e contro gli aborti clandestini, ora accusato di corruzione, concussione e rivelazione di segreti d’ufficio. Accuse pesanti per il pubblico ministero inchiodato nei giorni scorsi da microspie installate, su disposizione dell’autorità giudiziaria di Perugia, nel suo ufficio.

Secondo indiscrezioni, Staffa si sarebbe compromesso a causa di relazioni con sei trans stranieri e in parte esercenti l’attività di prostituzione. Per due di loro, Staffa avrebbe dato parere favorevole alla scarcerazione e rilasciato un temporaneo permesso di soggiorno per motivi di giustizia. Il pm avrebbe poi provveduto ai rinnovi del documento. Per uno dei trans, Larissa De Olivera Dias, il magistrato si sarebbe prodigato anche di più, avvisandolo, con parole ben pesate, di una perquisizione imminente. Non solo, si parla anche di immagini che riprendono per due volte relazioni sessuali all’interno del suo ufficio con una donna, l’amante del boss Casamonica, al fine di concederle un permesso di colloquio con il detenuto e parere favorevole alla sostituzione della misura della custodia cautelare in carcere con quella degli arresti domiciliari del boss.

Le indagini erano partire circa un anno e mezzo fa, quando un transessuale, arrestato nell’ambito di un’operazione contro la prostituzione, aveva vantato rapporti di amicizia con il pm, e avrebbe dichiarato di subire una sorta di ricatto dal magistrato, che gli avrebbe assicurato protezione in cambio di rapporti sessuali. Quell’interrogatorio fu immediatamente trasmesso alla procura di Perugia che avrebbe fatto scattate le intercettazioni ambientali e telefoniche, che nel giro di alcuni mesi avrebbero fornito riscontri al racconto.
A servizio della procura di Roma da 15 anni, per ben otto di questi Staffa ha fatto parte del pool della Direzione distrettuale antimafia e per un periodo di tempo relativamente breve si è anche occupato delle indagini sulla scomparsa di Emanuela Orlandi. Ma il suo nome è legato soprattutto all’inchiesta sugli aborti clandestini Villa Gina. Il pm era noto in procura anche per la sua passione per la musica al punto da far parte di un gruppo, i Dura Lex, in cui suonavano anche altri magistrati e avvocati.
Secondo indiscrezioni, il provvedimento di arresto sarebbe stato deciso dopo mesi di indagini con microspie e telecamere piazzate nel suo ufficio di piazzale Clodio, che avrebbero consentito di raccogliere indizi concreti circa le sue presunte responsabilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.