Una casa di cura? No! Una casa degli orrori

Una casa di cura? No! Una casa degli orrori

Questa è la triste storia di una casa di riposo ribattezzata “La casa degli orrori” dove decine di anziani dovevano essere felici e accuditi da personale esperto, ma quello stesso personale ha trattato loro come dei pupazzi, strattonandoli, afferrandoli per le spalle o tirandogli i capelli..Spesso questi anziani venivano sottoposti a vere sevizie come se fossero cose e non persone, con schiaffi ed insulti.

Una storia però finita male per le 7 persone impiegate nella casa di riposo Boreo di Sanremo grazie all’intervento della Guardia di Finanza che grazie all’installazione di microspie ambientali è riuscita a documentare l’accaduto e così sono finiti in manette: la presidente della Fondazione, Rosalba Nasi, moglie del senatore del Pdl Gabriele Boscetto, quattro assistenti sanitari e due infermiere (Ihor Telpov ucraino, Silvana Faggian , Assunta Mecca, Domenico Raschellà, Elzbieta Ribakowska polacca, e Cristina Ciobanu rumena e ad oggi altre 9 sono indagate.

L’ accusa è quella di maltrattamenti aggravati nei confronti di persone affidate alle loro cure, invece per la presidente, posta agli arresti domiciliari, il reato imputatole è quello non aver e impedito questi comportamenti inqualificabili nonostante le segnalazioni dei parenti.

I rilevamenti ambientali sono durati più di 9 mila ore ed oltre 155 mila intercettazioni telefoniche, tutte svolte nel reparto degli anziani non autosufficienti e con problemi mentali.

Ora la Procura ha aperto anche un dossier per due morti sospette tra il 2006 e nel 2007, quando una donna morì per un ictus in seguito a gravi ferite alla testa (all’epoca giustificate con una caduta accidentale) mentre un’altra dopo aver ingerito una dose troppo eccessiva di psicofarmaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.