Un drone spia abbattuto nei cieli dell’Iran

Un drone spia abbattuto nei cieli dell’Iran

Lo scorso 4 dicembre, l’Iran ha annunciato di aver abbattuto un aereo spia americano nella parte orientale del paese, vicino al confine con l’Afghanistan. Da quel momento i rapporti con l’Occidente, impegnato a monitorare gli avanzamenti ed i segreti tecnologici dell’Iran, sono peggiorati.
Gli Stati Uniti stanno agendo a livello diplomatico per inasprire le sanzioni ed insieme ad Israele continuano a non escludere un attacco militare mirato ai siti nucleari iraniani.

Nel frattempo Obama ha incaricato Central Intelligence Agency, meglio conosciuta come CIA, di portare avanti una missione segreta di spionaggio contro l’Iran, congiuntamente al Mossad israeliano e all’ MI6 inglese. Uno sforzo trilaterale per trovare un modo per penetrare in Iran e colpire proprio quegli scienziati che starebbero lavorando alla produzione della bomba atomica.

Il 10 dicembre 2011 è stato arrestato un agente della CIA da parte delle forze di intelligence della Repubblica Islamica. Si tratta di un uomo  di origini iraniane nato in Arizona, che ha avuto dieci anni di formazione come  spia professionista. Il suo nome è Amir Mirza Hekmati ed è stato intervistato dal terzo canale della televisione iraniana IRIB domenica scorsa. Dopo i primi addestramenti militari, ha frequentato un’università speciale per imparare lingue mediorientali.

Hekmati quindi era stato inviato in Iran per fornire informazioni sbagliate ai servizi segreti iraniani. Era partito dal centro di spionaggio di Bagra, un’importante base Usa in Afghanistan, poi da Dubai era volato fino a Teheran.
Adesso, insieme ad altre quindici persone arrestate lo scorso martedì per spionaggio a favore di Washington e Israele, rischia la pena di morte. Questi arresti seguono quelli dello scorso maggio, in cui erano state circa una trentina le spie della CIA intercettate e catturate dall’intelligence iraniana dopo lunghe intercettazioni con prodotti spia come microspie e microregistratori.

Fonte: euronews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.