Caso Ruby: Stracquadanio, premier intercettato illegalmente da pm

Caso Ruby: Stracquadanio, premier intercettato illegalmente da pm

Roma, 1 nov. (Apcom) – “Mi pare giusto porsi il dubbio dai resoconti giornalistici di come alcuni cronisti di Repubblica e Corriere abbiano potuto avvalersi di brogliacci o di tracce delle telefonate partite da apparecchi riconducibili al premier o a persone molto vicine a lui come quelle della scorta”. Lo ha detto Giorgio Stracquadanio intervistato da Klaus Davi per il programma KlausCondicio visibile su You Tube.

“Lo si evince da come sono state riportate alcune telefonate di Berlusconi descritte nel tono, nell’intercalare, nelle locuzioni, addirittura con pause e parole virgolettate. I giornalisti in questione – continua Stracquadanio – disponevano quindi di brogliacci. Il mio forte dubbio è che i telefoni del premier siano stati illegalmente intercettati. Se così fosse non ci troveremmo di fronte a una inchiesta ma a una vera e propria macchinazione”. “Ci troveremmo di fronte a un controllo illegale esercitato sulle persone che vivono con il premier come la sua scorta da parte di Magistrati – conclude Stracquadanio -. Ci troveremo di fronte a una violazione di qualsiasi legge sulle intercettazioni. Mi auguro che Bruti Liberati e la Procura agiscano subito per fare chiarezza”.

Fonte: Virgilio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.