Home » violazione diritti civili » Articoli recenti:

DIRITTI UMANI. Rinnovato sostegno ai sette dirigenti baha’i in prigione in Iran

marzo 10, 2011 Spionaggio No Comments

Rinnovato sostegno ai sette dirigenti baha’i in prigione in Iran da parte di alcuni gruppi per i diritti umani
Prosegue il sostegno mondiale ai sette dirigenti baha’i in prigione in Iran mentre uno di loro incomincia il suo quarto anno di detenzione.

Mahvash Sabet, insegnante di scuola e madre di due figli, è stata messa in prigione il 5 marzo 2008 ed è stata tenuta in isolamento per 175 giorni.

Il 14 maggio 2008, sono stati arrestati altri sei eminenti baha’i iraniani. Dopo 20 mesi di detenzione senza alcuna imputazione nella prigione Evin di Teheran, i sette sono stati imputati in tribunale di spionaggio e di aver formato un’amministrazione illegale e di altre colpe. Tutte le imputazioni sono state respinte. Stanno ora scontando 10 anni di carcere nella famigerata prigione Gohardasht.

Il recente trasferimento dei detenuti in un’ala più rigorosa della prigione ha spinto alcune organizzazioni per i diritti umani a esprimere nuovamente le proprie preoccupazioni. Amnesty International degli Stati Uniti ha chiesto ai suoi membri di inviare ai sette baha’i e ad altri prigionieri di coscienza iraniani biglietti di auguri per l’imminente capodanno persiano.

«Grave preoccupazione»

Il mese scorso una dichiarazione congiunta di tre grandi organizzazioni ha invitato la comunità internazionale a prendere provvedimenti urgenti per la liberazione dei sette.

«Il trasferimento e il peggioramento delle condizioni della detenzione ci inducono a credere che il benessere e la vita dei dirigenti baha’i in prigione siano a rischio e il prolungamento della loro detenzione arbitraria è indice di un pericolo immediato che richiede una reazione urgente», hanno detto la Federazione internazionale per i diritti umani (FIDH), la Lega iraniana per i diritti umani (LDDHI) e il Centro dei difensori dei diritti umani (DHRC).

In un comunicato stampa rilasciato dall’FIDH il 18 febbraio, il premio Nobel per la pace Shirin Ebadi ha ricordato alla comunità internazionale che «i prigionieri non hanno avuto un giusto processo e il prolungamento della loro detenzione arbitraria è molto preoccupante».

«Chiedo ancora una volta la loro immediata liberazione e la cessazione di tutte le vessazioni contro la comunità baha’i», ha detto la signora Ebadi, che è anche membro del gruppo di legali che difendono i sette baha’i.

Anche Minority Rights Group International (MRGI) ha pubblicato una relazione nella quale afferma che «le dimensioni della repressione contro i gruppi minoritari in Iran è un elemento centrale ma sottovalutato nella nuova battaglia per la democrazia» e che la «la persecuzione contro i baha’i è la più forte fra le persecuzioni contro le minoranze in Iran.

«La dirigenza informale della comunità baha’i iraniana, che si trova in carcere dal 2008, è stata condannata nel 2010 a dieci anni di detenzione con l’accusa di aver cospirato contro la Repubblica Islamica e anche i loro legali … sono stati soggetti a intimidazioni, incarcerazioni e attacchi» dice la dichiarazione.

Il 23 febbraio, il segretario di stato americano Hilary Clinton ha espresso profonda preoccupazione per «la persecuzione di cittadini iraniani per mano del loro governo…»

«I dirigenti iraniani continuano a perseguitare anche altre minoranze etniche e religiose», ha detto il segretario Clinton.

«Ci preoccupa la notizia che, delle decine di prigionieri messi a morte nel 2011, la maggior parte appartengono a minoranze religiose. Inoltre, i baha’i e altre minoranze religiose continuano a essere soggetti ad arresti e processi arbitrari e a sentenze molto dure e a essere detenuti in condizioni di insicurezza. Invitiamo l’Iran a liberare tutti i prigionieri politici e le minoranze perseguitate… Il mondo continuerà a osservare e chiederà conto ai responsabili di queste azioni», ha detto il segretario Clinton.

L’incriminazione e la condanna dei sette dirigenti è stata menzionata anche nel Rapporto mondiale del 2011 pubblicato in gennaio da Human Rights Watch, un gruppo per i diritti umani con base negli Stati Uniti. «Il governo li ha accusati di spionaggio senza alcuna prova e ha respinto la richiesta dei loro legali di celebrare un processo rapido ed equo», dice il rapporto.

Continua a leggere su ICN News

Giannino scopre di essere intercettato (e indagato)

Oggi la notizia sul Corriere. Nell’ambito di un’inchiesta in corso a Milano sulla presunta turbativa d’asta compiuta dal direttore generale della Sanità lombarda, Luigi Lucchina, in riferimento all’assegnazione di una gara ad una media company, risulta indagato anche Oscar Giannino, l’arci-liberista del giornalismo italiano.

“Ho appreso dalla notifica di una richiesta di proroga delle indagini, svolte dai pm milanesi Fabio De Pasquale e Luisa Baima Bollone, di essere indagato anch’io, come il Corriere informa. Non avevo e non ho alcun incarico nella società che si presentò tra le altre in gara e la vinse, la MMH. Non ne ero né ne sono socio. La società mi chiese di coordinare i servizi giornalistici, e mi sembrò un’ottima idea, coerente a quel che ho sempre pensato: ripeto, non un euro dal pubblico, ma euro portati dal privato al pubblico. (…) Dalla proroga delle indagini che riguardano anche me si apprende che sono state intercettazioni telefoniche a fornire elementi.” Così Giannino avvisa i lettori sul suo Chicago Blog.

“L’idea di pagare o far pagare denaro per assicurarsi un servizio pubblico fa a pugni con tutto quello che ho detto e fatto nella mia vita. Tutto quello che so è che sono indagato, che non so se e per quanto sono stato intercettato, che oggi la notizia è sul Corriere, e che naturalmente risponderò appieno ai magistrati. Ognuno di voi è libero di pensare che sia un miserabile incoerente: a me fa ribollire il sangue la sola idea. E’ ovvio che d’ora in poi dovrò automoderarmi su tutti i temi delle intercettazioni e della giustizia, per impedire che chiunque di voi a cominciare dai miei colleghi legittimamente pensi sia mosso da interessi personali. Mi do da solo il benvenuto nel tritacarne mediatico-giudiziario.”

Giannino è una voce libera, costretta adesso ad auto-censurare il proprio indomito garantismo, la propria repulsa per un’attività inquirente sempre più ispirata alle regole della pesca a strascico – butta la rete (delle intercettazioni) e qualcosa verrà – e, quindi, sempre meno conforme ai limiti tollerabili in uno Stato di diritto. È un cittadino libero che per ventura risulta anche essere un giornalista, tra i più arguti, rispettati, professionalmente onesti e che in virtù di chissà quale conversazione telefonica privata, intercettata, finisce coinvolto in vicende delittuose che senza l’imbeccata delle intercettazioni stesse non lo avrebbero probabilmente neppure lambito.

Continua a leggere su The Front Page

Guida al controspionaggio

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 2)

LEGGI LA PRIMA PARTE… – La scatola di una presa elettrica sembra essere stata spostata. Le prese elettriche sono tra i punti dove più frequentemente vengono nascosti dispositivi di intercettazione, così come lo sono i rilevatori di fumo, le lampade o gli interruttori. Se notate della sporcizia (tipo segatura o …

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 1)

A casa, in ufficio ed in qualsiasi posto vi troviate potreste essere spiati. Chiunque voi siate, e qualsiasi cosa facciate, vi può capitare di incontrare persone che, per interesse o per avidità di potere, desiderano di venire in possesso di vostre informazioni riservate, sia per danneggiarvi che per ottenere un …

Il fisco controllerà anche i telefoni

Tra le grandi manovre di controllo che si stanno operando per monitorare i contribuenti, pare che gli agenti 007 dell’Agenzia delle Entrate si stiano concentrando sulle intercettazioni del nostro cellulare. Iphone, Samsung o qualsiasi altra marca sia, il fisco non si pone limiti. Non si tratta di spiare il contenuto …

Guide alla videosorveglianza

Come arrestare il key bumbing, il furto senza traccia

La nuova frontiera dei furti, per ladri in continuo aggiornamento, è il “key bumping”. Si tratta dell’arte di aprire le porte delle abitazioni senza lasciare segni di effrazione. A Roma, i Carabinieri hanno arrestato una banda di georgiani, ben 37 persone, specializzate in furti in appartamenti nella città e in provincia. L’organizzazione criminale è risultata responsabile di decine di colpi in appartamenti, e in particolare, è specializzata nella tecnica consente …

I consigli del ladro per una difesa ottimale contro i furti in estate.

furti in appartamento

Le vacanze, per molte famiglie italiane, sono già iniziate. Le città si svuotano e le case rimangono sempre più isolate, soprattutto se i vicini decidono di partire nello stesso periodo. Quella delle vacanze estive, quindi, diventa un’occasione per ladri, professionisti e no, per entrare in azione, in quanto hanno meno possibilità di essere visti e acciuffati e possono, così, agire con più calma. Il giornale napoletano “Il Mattino” proprio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 4 – Visione filmati e integrazione

Passiamo alla quarta ed ultima parte della nostra guida, rispondendo a domande su come visualizzare i video di sorveglianza e come integrare le proprie apparecchiature di sorveglianza con altri sistemi video. 6. Visualizzare i video La maggior parte dei video di sorveglianza non viene mai vista da esseri umani, se non per indagini storiche. Alcuni sistemi a circuito chiuso consentono la visione in diretta, ad esempio come sistemi antitaccheggio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 3 – Salvataggio filmati e analisi video

Proseguiamo con le nostre 7 domande, con la parte dedicata ai supporti di salvataggio dei filmati video, e all’analisi dei filmati registrati. 4. Salvataggio I video di sorveglianza sono quasi sempre salvati per recupero e revisione. La durata media dello stoccaggio è tra i 30 e i 90 giorni, anche se in alcuni casi il periodo può essere più breve, o durare anche per qualche anno. I due elementi più …

Contattaci


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

CONTATTACI SU SKYPE

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Intercettazioni.eu

Un aggregatore di articoli e guide online, su argomenti legati allo spionaggio, contro spionaggio, controllo accessi, intercettazioni, Sicurezza personale, protezione dei propri beni e dei vostri affetti.

Ricerca intestatario numero di cellulare

Vuoi sapere il titolare di un numero di telefono cellulare? o viceversa vuoi conoscere il numero di telefono partendo dall'intestatario? I numeri esteri non sono un problema! Chiamaci: 0803026530

Fornitura di sim card anonime

In abbinamento con i nostri telefoni cellulari Stealth Phone, per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza alle vostre conversazioni telefoniche, da oggi possiamo offrirvi anche una serie di schede SIM anonime, per ottenere le quali non c’è bisogno di alcuna registrazione.
Chiamaci per saperne di piu' allo 0803026530!

Recupero sms cancellati

Recuperiamo sms, dati cancellati da sim card e telefoni cellulari. Devi inviarci la sim card e/o il telefono cellulare. In meno di una settimana riceverai i dati estratti per e-mail o per posta. Chiamaci per ulteriori informazioni: 0803026530

Come localizzare un cellulare

Come si fà a localizzare un cellulare?. Tutti i telefoni cellulari una volta accesi e collegati alla rete dei provider telefonici mobili sono rintracciabili geograficamente. Chiamaci per saperne di piu': 0803026530

Sblocco codici autoradio

Il codice di un autoradio è unico, per ogni radio associata ad ogni telaio, in genere si trova scritto a penna in qualche libretto di garanzia o manutenzione dalla concessionaria. Se è impossibile ritrovarlo, chiamaci: 0803026530

Recupero password perse

Hai dimenticato la tua password per Excel, word, myspace, aol, facebook, yahoo, msn, hotmail, live, gmail, libero, aim, aol....etc? Possiamo aiutarti, chiamaci: 0803026530