Home » telecamera » Articoli recenti:

Telecamere nei nidi e nelle scuole d’infanzia: una breve riflessione

video-sorveglianza

È successo a Rimini qualche giorno fa: un esercito di mamme si è riversato per le piazze della città al grido di “Vogliamo le telecamere nei nidi e nelle scuole dell’infanzia!”. Uno slogan che si aggancia a una battaglia iniziata tempo fa sul web, con la raccolta di firme e petizioni, e cresciuta a tal punto da sfociare in un incontro diretto con le autorità comunali. A mobilitare le donne sarebbe stato un episodio di maltrattamento nei confronti di alcuni bambini di una scuola d’infanzia cittadina, anche se il malcontento era già nell’aria, inasprito dal dilagare di casi simili in tutto il Paese.

In sede di dibattito, però, le autorità si sono dimostrate irremovibili: le telecamere installate sul posto di lavoro sono vietate per legge. Di buono c’è che si è aperto comunque uno spiraglio con l’avvio a breve termine di commissioni di vigilanza costituite da genitori e membri delle istituzioni. Non una vera vittoria, insomma, ma una mezza conquista che perlomeno terrà a bada per un po’ gli animi inaspriti delle povere mamme.

Al di là dell’esito più o meno favorevole della manifestazione, l’episodio in sé deve comunque far riflettere sull’utilità di un impianto di videosorveglianza in zone o ambienti a rischio maltrattamenti come asili, scuole d’infanzia od ospizi. Non a caso, se le telecamere hanno una certa valenza di legittimità in ambito di sicurezza pubblica, non si capisce perché il loro utilizzo non possa allargarsi anche alla salvaguardia di persone deboli e indifese come minori e anziani. La tecnologia per la sorveglianza audio-video per fortuna esiste, anzi, si evolve in continuazione per venire incontro a queste e a mille altre problematiche di sicurezza personale. Resta solo da capire se quello che si fa per i propri cari in tale direzione sia, con cognizione di causa, un reale abuso o piuttosto un atteggiamento ammirevole degno di qualsiasi società civile.

Somministrano topicida all’anziana zia per l’eredità. Smascherati dalle micro camere

Sembrerebbe la trama di un film, ma in realtà è una delle vicende più frequenti ai giorni nostri quando la mordente crisi economica spinge ad operare in maniera sconsiderata con un solo fine: il denaro.

La vittima è un’anziana signora, di 97 anni. La donna è da lungo tempo ricoverata in una struttura per anziani di Cavour, affetta da una sindrome cerebrale involutiva senile, con progressivo deficit cognitivo. Per questo motivo è assistita da un amministratore per la tutela dei suoi interessi patrimoniali, vista l’ingente eredità. Un ruolo che all’inizio aveva ricoperto la nipote, ma che poi le era stato revocato in quanto gestiva a suo esclusivo vantaggio gli affari economici dell’anziana.


Intorno alla metà dello scorso marzo, il medico della struttura per anziani ha rilevato che la paziente era un pò anemica e presentava tracce di sangue nelle feci: gli accertamenti e le visite di controllo non evidenziavano però alcuna patologia specifica. Finché una sera, dopo una visita dei parenti, l’anziana è stata portata d’urgenza al pronto soccorso. I medici hanno ipotizzato un sovradosaggio di farmaci e l’hanno dimessa. A pochi giorni di distanza, stesso episodio. Questa volta però sono state eseguite delle analisi più approfondite. Nel suo sangue sono state trovate tracce di topicida. Vista la presenza di una rilevante eredità, sono scattati gli accertamenti nei confronti dei parenti più stretti. Così la polizia ha piazzato delle micro camere nella stanza dell’anziana e sono venuti alla luce i colpevoli della faccenda. Le persone più insospettabili: i nipoti della signora.

Ci avevano provato con l’acqua, col caffè e ancora con un frullato. Per ben tre volte hanno tentato di avvelenare la vecchia zia con il topicida con un unico fine: impossessarsi del suo patrimonio. Sono però stati fermati dalla polizia che li ha arrestati entrambi, madre e figlio, con l’accusa di tentato omicidio. Nella loro abitazione la polizia ha trovato lo stesso tipo di topicida. La loro confessione ha poi confermato il piano diabolico che avevano messo in atto.

Questa è una delle motivazioni che spinge sempre più spesso al controllo visivo di anziani assistiti in case di riposo o a casa propria da estranei, ma anche dai parenti stessi. Infatti chi dovrebbe prendersi cura di loro è spesso il loro stesso carnefice. Ma la tecnologia ci viene in aiuto. Piazzare micro telecamere visualizzabili in tempo reale è davvero semplice. Se ne occupa l’azienda italiana Endoacustica Europe, che fornisce soluzioni ad hoc per ogni tipo di esigenza: orologi, lampade, collane, oggetti di uso comune, posso diventare in breve tempo dei validissimi alleati.

Schumacher: la telecamera sul casco custodisce la verità

Un occhio elettronico ha visto tutto, e lo ha registrato. Michael Schumacher al momento dell’incidente aveva una piccola telecamera montata sul casco, che gli investigatori hanno cercato a lungo in mezzo alla neve, invano. Però sapevano che doveva esserci.



Infatti lo strumento era custodito dalla famiglia del pilota, che in un primo momento si sarebbe rifiutata di darlo agli inquirenti, invocando la privacy. Ma successivamente la telecamera è entrata in possesso del procuratore, così come gli sci e i pezzi del casco. Il magistrato potrà dunque stabilire con esattezza cosa sia davvero accaduto sulle piste di Méribel. 



La situazione, nel frattempo, resta critica ma stabile. Solo la telecamera potrebbe fare chiarezza sulla velocità a cui andava il pilota, sull’eventuale fuoripista, se il campione cercava realmente di salvare una bambina o faceva una passeggiata. 

Secondo le prime indiscrezioni, Shumacher sciava piano. Non stava volando sugli sci tra i 60 e i 100 km/h, come alcuni media avevano riferito. Anzi, non era impegnato in un vero e proprio fuoripista. Stava passando da una pista battuta all’altra attraversando un breve, ma fatale, tratto di neve non battuto. 



Le immagini, come riferisce la tv francese Bfm che le ha visualizzate in anteprima, dimostrano come ad un certo punto uno degli sci di Schumacher ha urtato una roccia nascosta. A quel punto si capisce che Schumacher ruota di colpo in avanti, spinto con forza, come catapultato dall’improvviso bloccarsi degli sci mentre gli attacchi si sganciano ed il suo corpo procede pesantemente contro la roccia. L’ex pilota a quel punto affonda la testa ed il busto nella neve fresca e va ad urtare contro un altro masso nascosto. A quel punto il casco si spacca. Presto comunque si avranno delle verità ufficiali.


Le telecamere sportive riescono quasi sempre a ricostruire incidenti di vario genere collaborando con le forze dell’ordine. Il loro utilizzo assicura maggiore sicurezza oltre alla possibilità di godere delle proprie imprese sportive ex post.
 

Piccoli borseggiatori ripresi dalle telecamere del metrò

I furti avvengono con un frequenza inaudita e l’unico modo per inibire questi episodi, si sa, è l’utilizzo di telecamere di sorveglianza.
Curioso è il caso avvenuto nella metropolitana di Milano, luogo dove ogni giorno si districano oltre un milione di persone e dove i borseggiatori, in prevalenza rom, trovano terreno fertile a causa della fretta negli spostamenti dei passeggeri e del grande caos.

Dalle immagini del sistema di sorveglianza della fermata Porta Genova, è ripresa l’intera sequenza di una piccola gang di ladri in azione. Un ragazzo con giacca a quadri verde e jeans neri è appoggiato alle biglietterie e scruta i passanti. Ad ogni suo movimento due ragazzine lo seguono. Azione rapida e sincronizzata. Il ragazzo sfila dalla borsa di un uomo un portafogli, lo passa alla ragazzina dietro di lui; la terza copre l’azione e controlla “le spalle”. Allargando il raggio delle telecamere è facile intuire che il modus operandi sia largamente diffuso. Diversi sono gli adolescenti tra 13 e 20 anni in fila indiana.

Con un corposo archivio di filmati i vigili milanesi del Nucleo tutela trasporto pubblico (Nttp) hanno potuto fermare i ragazzini romeni. Uno di loro aveva in tasca ben 690 euro, il suo complice due Samsung Galaxy.
A pochi giorni di distanza è stata fermata un’altra banda composta perlopiù di ragazzine bosniache e croate ben vestite che agiscono con tecnica diversa. Nei pochi secondi in cui i treni del metrò si fermano scendono, una tiene le porte aperte, un’altra finge di inciampare e cade addosso ai passeggeri. Nell’attimo di confusione una terza complice infila le mani nelle tasche o nelle borse. Quando il treno riparte, le ragazze sono già fuori dalla metropolitana e la vittima continua la sua corsa.

Le forze dell’ordine lavorano con telecamere e controlli serrati al fine di rendere il trasporto pubblico sempre più sicuro. Lasciano alcuni consigli: borse tenute davanti e non dietro, cellulari e portafogli nelle tasche interne delle giacche, cerniere rigorosamente chiuse. Occhi ben aperti e in caso di borseggio denunciare immediatamente. Le riprese di solito portano in breve tempo alla cattura dei colpevoli.

Prof ubriacone cacciato dall’università

E’ successo a Pavia. Nei giorni scorsi, un docente del corso di inglese del corso di laurea in Scienze della comunicazione dell’università, Anthony Baldry, si è visto revocare il contratto ed è stato costretto ad abbandonare tutti i corsi a lui affidati.
Tra le motivazioni “gravi violazioni accertate” che includono l’acquisto obbligatorio, come spesso avviene, dei suoi libri (pena l’esclusione dalla frequenza del corso e quindi l’impossibilità di sostenere l’esame), l’utilizzo continuo di un linguaggio inappropriato, volgare, spesso offensivo nei confronti degli studenti e essersi presentato in aula completamente ubriaco.

Tre accuse a dir poco gravi che hanno trovato fondamento in alcuni filmati amatoriali girati con gli smartphone degli studenti e postati in alcuni siti di studenti come scuolazoo.com. Questi strumenti possono rivelarsi decisivi in casi simili, come anche lo sono stati, in un’ottica più valida, le DVR pen delle normali penne scriventi dotate di microfono e videocamera ad alta risoluzione che, oltre ad essere utilizzate per registrare le normali lezioni, si sono spesso rivelate complici della Giustizia in quanto hanno consentito di raccogliere prove senza destare sospetti.

Pare che per ottenere una qualità di insegnamento maggiore, gli studenti avevano in precedenza raccolto firme e inoltrato numerose segnalazioni, al fine di cacciare il professor Baldry dall’Università di Pavia. Ovviamente queste richieste non sono state prese in seria considerazione. Spesso bisogna far affidamento sui propri mezzi per essere ascoltati!

Guida al controspionaggio

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 2)

LEGGI LA PRIMA PARTE… – La scatola di una presa elettrica sembra essere stata spostata. Le prese elettriche sono tra i punti dove più frequentemente vengono nascosti dispositivi di intercettazione, così come lo sono i rilevatori di fumo, le lampade o gli interruttori. Se notate della sporcizia (tipo segatura o …

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 1)

A casa, in ufficio ed in qualsiasi posto vi troviate potreste essere spiati. Chiunque voi siate, e qualsiasi cosa facciate, vi può capitare di incontrare persone che, per interesse o per avidità di potere, desiderano di venire in possesso di vostre informazioni riservate, sia per danneggiarvi che per ottenere un …

Il fisco controllerà anche i telefoni

Tra le grandi manovre di controllo che si stanno operando per monitorare i contribuenti, pare che gli agenti 007 dell’Agenzia delle Entrate si stiano concentrando sulle intercettazioni del nostro cellulare. Iphone, Samsung o qualsiasi altra marca sia, il fisco non si pone limiti. Non si tratta di spiare il contenuto …

Guide alla videosorveglianza

Come arrestare il key bumbing, il furto senza traccia

La nuova frontiera dei furti, per ladri in continuo aggiornamento, è il “key bumping”. Si tratta dell’arte di aprire le porte delle abitazioni senza lasciare segni di effrazione. A Roma, i Carabinieri hanno arrestato una banda di georgiani, ben 37 persone, specializzate in furti in appartamenti nella città e in provincia. L’organizzazione criminale è risultata responsabile di decine di colpi in appartamenti, e in particolare, è specializzata nella tecnica consente …

I consigli del ladro per una difesa ottimale contro i furti in estate.

furti in appartamento

Le vacanze, per molte famiglie italiane, sono già iniziate. Le città si svuotano e le case rimangono sempre più isolate, soprattutto se i vicini decidono di partire nello stesso periodo. Quella delle vacanze estive, quindi, diventa un’occasione per ladri, professionisti e no, per entrare in azione, in quanto hanno meno possibilità di essere visti e acciuffati e possono, così, agire con più calma. Il giornale napoletano “Il Mattino” proprio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 4 – Visione filmati e integrazione

Passiamo alla quarta ed ultima parte della nostra guida, rispondendo a domande su come visualizzare i video di sorveglianza e come integrare le proprie apparecchiature di sorveglianza con altri sistemi video. 6. Visualizzare i video La maggior parte dei video di sorveglianza non viene mai vista da esseri umani, se non per indagini storiche. Alcuni sistemi a circuito chiuso consentono la visione in diretta, ad esempio come sistemi antitaccheggio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 3 – Salvataggio filmati e analisi video

Proseguiamo con le nostre 7 domande, con la parte dedicata ai supporti di salvataggio dei filmati video, e all’analisi dei filmati registrati. 4. Salvataggio I video di sorveglianza sono quasi sempre salvati per recupero e revisione. La durata media dello stoccaggio è tra i 30 e i 90 giorni, anche se in alcuni casi il periodo può essere più breve, o durare anche per qualche anno. I due elementi più …

Contattaci


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

CONTATTACI SU SKYPE

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Intercettazioni.eu

Un aggregatore di articoli e guide online, su argomenti legati allo spionaggio, contro spionaggio, controllo accessi, intercettazioni, Sicurezza personale, protezione dei propri beni e dei vostri affetti.

Ricerca intestatario numero di cellulare

Vuoi sapere il titolare di un numero di telefono cellulare? o viceversa vuoi conoscere il numero di telefono partendo dall'intestatario? I numeri esteri non sono un problema! Chiamaci: 0803026530

Fornitura di sim card anonime

In abbinamento con i nostri telefoni cellulari Stealth Phone, per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza alle vostre conversazioni telefoniche, da oggi possiamo offrirvi anche una serie di schede SIM anonime, per ottenere le quali non c’è bisogno di alcuna registrazione.
Chiamaci per saperne di piu' allo 0803026530!

Recupero sms cancellati

Recuperiamo sms, dati cancellati da sim card e telefoni cellulari. Devi inviarci la sim card e/o il telefono cellulare. In meno di una settimana riceverai i dati estratti per e-mail o per posta. Chiamaci per ulteriori informazioni: 0803026530

Come localizzare un cellulare

Come si fà a localizzare un cellulare?. Tutti i telefoni cellulari una volta accesi e collegati alla rete dei provider telefonici mobili sono rintracciabili geograficamente. Chiamaci per saperne di piu': 0803026530

Sblocco codici autoradio

Il codice di un autoradio è unico, per ogni radio associata ad ogni telaio, in genere si trova scritto a penna in qualche libretto di garanzia o manutenzione dalla concessionaria. Se è impossibile ritrovarlo, chiamaci: 0803026530

Recupero password perse

Hai dimenticato la tua password per Excel, word, myspace, aol, facebook, yahoo, msn, hotmail, live, gmail, libero, aim, aol....etc? Possiamo aiutarti, chiamaci: 0803026530