Home » servizi segreti » Articoli recenti:

Siamo tutti spiati. Parola di Snowden

cellulari-spiati

Dal suo rifugio russo dove ormai risiede da due anni, l’ex-tecnico e informatore della CIA, Edward Snowden, torna a far parlare di sé. E questa volta lo fa scoperchiando gli altarini degli 007 inglesi, accusati di aver spiato i cellulari di milioni di concittadini. Nell’intervista rilasciata alla BBC, Snowden ha svelato con dovizia di particolari come le spie inglesi e americane abbiano preso di mira per anni i telefonini di ultima generazione, per carpirne qualunque tipo di informazioni: foto, video, dati sensibili, conversazioni telefoniche e ambientali, messaggi, posizione geografica. E tutto ciò attivando o disattivando gli applicativi dalla distanza, con l’aiuto di un semplice messaggio di testo invisibile inviato agli utenti.

I servizi segreti si sarebbero serviti nello specifico di una suite di software di monitoraggio dal nome bizzarro e alquanto fantasioso, la “Smurf Suite (Suite del Puffo), che conterebbe applicativi spia con caratteristiche e funzioni proprie: “Dreamy Smurf” (Puffo Sognatore) capace di accendere e spegnere il telefono a distanza, “Nosey Smurf” (Puffo Curiosone) con cui sarebbe possibile controllare il microfono dello smartphone in modo da ascoltare e registrare qualunque conversazione, e “Tracker Smurf” (Puffo Segugio), per ottenere l’esatta posizione geografica del cellulare. Ma non è tutto. A detta di Snowden, ci sarebbe stata un’ultima applicazione capace di rendere la vita difficile a chi avesse scoperto la  falla di sicurezza sul proprio telefono: “Paranoid Smurf” (Puffo Paranoico). Quest’ultima app permetterebbe, infatti, la protezione da tentativi di intercettazione, annullando qualunque operazione difensiva da parte dell’utente.

Insomma, secondo l’ex talpa statunitense, molti ignari cittadini sarebbero stati alla mercè di orecchie invisibili pronte a carpire qualunque suono o movimento ritenuto “pericoloso” per la sicurezza nazionale. Certo è che assieme all’avanzare di tecnologie invasive di intercettazione ci sono altre realtà che muovono nella direzione opposta, come nel caso dei cellulari criptati che permettono una protezione pressoché totale da software di monitoraggio telefonico come quelli visti pocanzi.

I Servizi Segreti Cinesi

marzo 7, 2011 Spionaggio No Comments

Come si prepara la Cina a gestire il suo nuovo ruolo di superpotenza? E quanta parte hanno nelle sue strategie politiche i servizi segreti?

Roger Faligot, esperto di questioni asiatiche, è andato a indagare nei retroscena della politica internazionale di Pechino per scoprire quali segreti si celano dietro l’impenetrabile facciata e come si muovono i servizi segreti ritenuti i più potenti al mondo. Raccogliendo documenti inediti, consultando archivi segreti e intervistando esperti dei servizi informativi, responsabili politici, diplomatici, rifugiati politici e dissidenti, l’autore ha scoperto scottanti verità: ci parla di spionaggio industriale e guerra lampo su internet, spiega come la Cina si dedichi alla formazione di hacker addestrati ad attaccare i siti governativi stranieri, ci rivela come in occasione dei Giochi Olimpici atleti e giornalisti siano stati spiati da un centro informativo appositamente creato, dotato di un budget miliardario. Tutto fa pensare che l’Impero di Mezzo stia ancora attingendo a piene mani dall’antica arte dello spionaggio, e la stia affinando sempre di più, coniugando le azioni repressive con le nuove tecnologie in una vera e propria guerra invisibile.

Fonte: Crime List

Israele, per 20 anni agenti dello Shin Bet sposarono donne arabe per spionaggio

febbraio 19, 2011 Spionaggio No Comments

Agenti ebrei del servizio di sicurezza interna ricevettero l’ordine di creare nuclei familiari in citta’ arabe con donne ignare della loro identità. Lo scopo era raccogliere informazioni in aree ritenute potenzialmente pericolose

Per almeno un ventennio dalla nascita dello Stato di Israele agenti ebrei dello Shin Bet (sicurezza interna) ricevettero l’ordine di sposare donne arabe (ignare della loro reale identita’) e di creare nuclei familiari in citta’ arabe.

In quel modo lo Shin Bet sperava di perfezionare la raccolta di informazioni di intelligence in aree ritenute potenzialmente pericolose.

Ma in una fase successiva i dirigenti dello Shin Bet si resero conto che da un lato l’utilita’ di quegli agenti era dubbia, mentre era certamente elevato il prezzo umano che la loro attivita’ richiedeva. Queste rivelazioni sono contenute in una rivista militare, ‘Israel-Defense’, che iniziera’ presto le sue pubblicazioni.

Secondo le prime anticipazioni divulgate dal sito web ‘Kikar ha-Shabat’, gran parte dei nuclei familiari creati per ‘’necessita’ di sicurezza nazionale’’ si spezzarono quando le mogli arabe vennero messe a conoscenza della reale identita’ dei mariti, spesso ebrei immigrati da Paesi arabi.

La rivista aggiunge che i figli di quei matrimoni che lo richiesero, furono riconosciuti come ebrei da uno speciale tribunale rabbinico. Ma ancora oggi, precisa la rivista, molti di loro soffrono di problemi di identita’.

Fonte: Quotidiano Nazionale

Spionaggio e furto d’identità, Dublino espelle un diplomatico russo

febbraio 2, 2011 Spionaggio No Comments

DUBLINO – Il governo dell’Irlanda ha annunciato oggi l’espulsione di un diplomatico russo dopo che è stato scoperto il furto dell’identità di sei irlandesi per fornire passaporti falsi a spie per Mosca. Lo dice il ministero degli esteri irlandese. L’identità del diplomatico non è stata fornita.

L’espulsione segue le conclusioni di un’inchiesta avviata dopo la scoperta la scorsa estate di una rete spionistica russa negli Stati Uniti, che portò ad uno scambio di ”spie” fra Usa e Russia. Fra le spie russe negli Usa, alcune avrebbero utilizzato le identità di cittadini irlandesi.

L’inchiesta della polizia irlandese, fa saper il ministero degli esteri, ha confermato i sospetti sul ”furto” delle identità di sei cittadini irlandesi: ”Le attività dei servizi segreti russi di falsificazione di passaporti irlandesi e di furto dell’identità di sei espatriati irlandesi sono del tutto inaccettabili”, ha dichiarato il ministero.

In un’altra vicenda di passaporti falsi lo scorso giugno Dublino aveva espulso un diplomatico israeliano. Si scoprì allora che passaporti irlandesi erano stati falsificati da agenti segreti israeliani sospettati dell’omicidio di un esponente del gruppo palestinese Hamas a Dubai.

Fonte: Blitz Quotidiano

Spionaggio industriale in Renault: sono i cinesi?

gennaio 8, 2011 Spionaggio No Comments

Forse c’è la Cina dietro lo scandalo di furto di segreti industriali Renault venuto a galla questa settimana in Francia. Dopo il licenziamento in tronco da parte della Casa automobilistica transalpina di tre manager di alto livello con l’accusa di diffondere informazioni privilegiate sui progetti per l’auto elettrica (un affare che al momento vale un investimento congiunto con Nissan di 4 miliardi di euro), si sono mossi i servizi segreti francesi che avrebbero individuato dietro il caso di spionaggio industriale un possibile soggetto cinese. Anche se è ancora tutto da verificare, è certo che il colosso automobilistico sporgerà denuncia. Ed anche l’esecutivo francese è subito intervenuto, anche perché lo Stato detiene il 15% di Renault. Secondo il ministro dell’Industria francese, Eric Besson, “l’industria francese si trova di fronte a un rischio globale”. E non ha risparmiato toni allarmanti: “In questo caso, l’espressione ‘guerra economica’, è appropriata. Dovremo tenerne conto in futuro”.

DIPENDENTI SOTTO SHOCK. MANAGER NEL MIRINO
“Sembra di vivere in un incubo”, ha detto a Le Figaro un funzionario della casa automobilistica, i cui 54.000 dipendenti sarebbero sotto shock. Nessuno immaginava che segreti di così alto livello potevano finire sul mercato nero dell’informazione. Almeno fino a questa estate, quando è suonato il primo campanello d’allarme tramite la segnalazione al “comitato di deontologia” del comportamento “eticamente discutibile” di tre manager. E si trattava di tre nomi altisonanti: Michel Balthazard (come ripostato da Le Monde), Bertrand Rochette e Matthieu Tenenbaum. Tutti e tre collaboratori stretto del presidente Carlos Ghosn (senza considerare che proprio Matthieu Tenenbaum è il responsabile del programma dei veicoli elettrici). L’inchiesta interna, avviata questa estate, avrebbe quindi accertato gravi violazioni del codice etico e portato al loro licenziamento. In una nota, il direttore giuridico e deontologico del gruppo, Christian Husson, ha detto: “Hanno agito mettendo a rischio, coscientemente e deliberatamente, le attività dell’impresa”.

Continua a leggere su OmniAuto

Tra di noi c’è una spia dei servizi deviati

gennaio 7, 2011 Senza categoria No Comments

NAVI DEI VELENI. Pochi giorni prima di morire il capitano De Grazia si confidò con il cognato. I sospetti si concentravano su un ufficio adiacente la Procura di Reggio, dove operava il Sismi.


Occorre andare a ritroso nel tempo, riprendere il filo del passato, ha detto ieri su queste pagine Alessandro Bratti, membro Pd in commissione ecomafie, commentando la notizia dell’esistenza di un documento del dicembre del 1995, ancora coperto dal segreto di Stato, dal quale emerge che il governo avrebbe stanziato un’elevata somma di denaro pubblico da destinare al Sismi per seguire «lo stoccaggio dei rifiuti e delle armi». Quello della segretezza è un vincolo «intollerabile» per Luigi De Magistris soprattutto perchè la questione «nella sua complessità riguarda la salute pubblica. Occorre chiarezza, mentre questo documento non fa che consolidare i sospetti e le preoccupazioni già esistenti».

Per il parlamentare europeo dell’Idv, la politica sulla questione deve prendersi un unico impegno: «Quello di eliminare il segreto di Stato per reati legati al terrorismo, alla mafia, ma anche all’ecomafia». Quella dei servizi deviati, prosegue l’ex pm, in Calabria «è una costante che si accompagna ad ogni inchiesta importante. Guardate cosa mi è successo quando con l’inchiesta Why not ho toccato punti sensibili come la presenza di Finmeccanica in Africa».

Sulla natura delle attività del Sismi nei traffici di armi e rifiuti, Ermete Realacci presenterà un’interrogazione parlamentare urgente. L’esponente ambientalista del Pd ha definito «inaccettabile» la sussistenza del vincolo di segretezza sul documento scovato da Terra aggiungendo che «più volte abbiamo chiesto l’intervento dei servizi di sicurezza su vicende delicate come il traffico di armi e rifiuti, un intervento che però deve essere a tutela del nostro territorio senza essere interpretato, come spesso è avvenuto, come una questione militare». Realacci, poi, mostra una certezza: «Sulle navi dei veleni, l’intelligence è stata coinvolta. O era informata e ha tollerato. E, francamente, non so cosa sia peggio».

Continua a leggere su Terra News

Dall’eversione delle toghe rosse alla cospirazione politica

gennaio 6, 2011 Spionaggio No Comments

Roma non è Casablanca, l’Italia non è il Marocco e il 2011 non ha niente a che vedere con gli anni quaranta. Roma non è nemmeno Mosca, e Berlusconi non è Putin. La nostra storia ha conosciuto il ventennio, quella russa non ha conosciuto la democrazia fino a che il signor Gorbaciov ha capito anche non era più tempo di nascondere il sole con il “setaccio” (crivu nel dialetto siciliano). La libertà e il comunismo non potevano convivere e lo zarismo, continuato con le bandiere rosse e in nome del proletariato, aveva fatto il suo tempo.

L’Italia, in verità, non è nemmeno l’America del FBI o della Cia, che hanno regalato ad Hollywood ed al cinema Usa i soggetti di grandi film. Se togliete la Cia e il Kgb che cosa rimarrebbe infatti del thriller, noir, giallo o d’azione? Niente.

Certo c’è anche Scotland Yard; gli 007 inglesi concorrono con Cia e Fbi, e i servizi israeliani, alla formazione dell’immaginario collettivo dello spionaggio, poi nulla. I servizi italiani non hanno avuto una buona sorte. O sono deviati o non “esistono”, perché di essi si scrive e si parla solo in negativo. Ed ogni tanto qualcuno finisce in galera, regalando alla categoria un surplus di malignità di cui non aveva bisogno. In definitiva lo spionaggio in Italia non è in gran spolvero e le barbe finte non sono amate.

Profondamente ingiusto, ci sono agenti, e sono in larga maggioranza, che fanno il loro lavoro come meglio è possibile. Il fatto è che sono stati asserviti a mezze calzette e, in più, hanno avuto ruoli di secondo o terzo livello per il peccato originale: sono figliati nel dopoguerra come una dependance americana.

Ma tutto questo non avrebbe alcun rilievo se le loro storie fossero finite in tv o al cinema come protagonisti delle vicende nazionali.

Ma da qualche tempo a questa parte lo spionaggio politico in Italia ha aperto una pagina nuova. Il tempo della strategia della tensione è finito, le stragi “stabilizzanti” sono solo un ricordo, il rumore di catene per i golpe finti, annunciati o semplicemente riposti nel cassetto dopo una accurata pianificazione, non lo sente più nessuno. Tutto gira attorno alle escort, alle trans, le nipotine di Mubarak, le festicciole dalle parti di Arcore, le belle serate a Palazzo Grazioli sul lettone di Putin, le selezioni avventurose fra starlette alla vigilia delle elezioni.

Continua a leggere su Sicilia Informazioni

Israele: nominato nuovo capo del Mossad

dicembre 7, 2010 Spionaggio No Comments

Meir Dagan lascia i servizi segreti dopo 8 anni

Il premier israeliano Netanyahu ha annunciato la nomina di Tamir Fredo a nuovo capo del Mossad in sostituzione di Meir Dagan, per 8 anni a capo del servizio di spionaggio israeliano. Fredo ha alle spalle una lunga carriera nel Mossad con compiti diversi fino a quello attuale di vice capo dei servizi segreti. Dovrebbe entrare in carica il mese prossimo, una volta ottenuto il nulla osta di una commissione ministeriale che ha il compito di verificare se possiede i requisiti necessari.

Fonte: ANSA

Guida al controspionaggio

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 2)

LEGGI LA PRIMA PARTE… – La scatola di una presa elettrica sembra essere stata spostata. Le prese elettriche sono tra i punti dove più frequentemente vengono nascosti dispositivi di intercettazione, così come lo sono i rilevatori di fumo, le lampade o gli interruttori. Se notate della sporcizia (tipo segatura o …

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 1)

A casa, in ufficio ed in qualsiasi posto vi troviate potreste essere spiati. Chiunque voi siate, e qualsiasi cosa facciate, vi può capitare di incontrare persone che, per interesse o per avidità di potere, desiderano di venire in possesso di vostre informazioni riservate, sia per danneggiarvi che per ottenere un …

Il fisco controllerà anche i telefoni

Tra le grandi manovre di controllo che si stanno operando per monitorare i contribuenti, pare che gli agenti 007 dell’Agenzia delle Entrate si stiano concentrando sulle intercettazioni del nostro cellulare. Iphone, Samsung o qualsiasi altra marca sia, il fisco non si pone limiti. Non si tratta di spiare il contenuto …

Guide alla videosorveglianza

Come arrestare il key bumbing, il furto senza traccia

La nuova frontiera dei furti, per ladri in continuo aggiornamento, è il “key bumping”. Si tratta dell’arte di aprire le porte delle abitazioni senza lasciare segni di effrazione. A Roma, i Carabinieri hanno arrestato una banda di georgiani, ben 37 persone, specializzate in furti in appartamenti nella città e in provincia. L’organizzazione criminale è risultata responsabile di decine di colpi in appartamenti, e in particolare, è specializzata nella tecnica consente …

I consigli del ladro per una difesa ottimale contro i furti in estate.

furti in appartamento

Le vacanze, per molte famiglie italiane, sono già iniziate. Le città si svuotano e le case rimangono sempre più isolate, soprattutto se i vicini decidono di partire nello stesso periodo. Quella delle vacanze estive, quindi, diventa un’occasione per ladri, professionisti e no, per entrare in azione, in quanto hanno meno possibilità di essere visti e acciuffati e possono, così, agire con più calma. Il giornale napoletano “Il Mattino” proprio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 4 – Visione filmati e integrazione

Passiamo alla quarta ed ultima parte della nostra guida, rispondendo a domande su come visualizzare i video di sorveglianza e come integrare le proprie apparecchiature di sorveglianza con altri sistemi video. 6. Visualizzare i video La maggior parte dei video di sorveglianza non viene mai vista da esseri umani, se non per indagini storiche. Alcuni sistemi a circuito chiuso consentono la visione in diretta, ad esempio come sistemi antitaccheggio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 3 – Salvataggio filmati e analisi video

Proseguiamo con le nostre 7 domande, con la parte dedicata ai supporti di salvataggio dei filmati video, e all’analisi dei filmati registrati. 4. Salvataggio I video di sorveglianza sono quasi sempre salvati per recupero e revisione. La durata media dello stoccaggio è tra i 30 e i 90 giorni, anche se in alcuni casi il periodo può essere più breve, o durare anche per qualche anno. I due elementi più …

Contattaci


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

CONTATTACI SU SKYPE

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Intercettazioni.eu

Un aggregatore di articoli e guide online, su argomenti legati allo spionaggio, contro spionaggio, controllo accessi, intercettazioni, Sicurezza personale, protezione dei propri beni e dei vostri affetti.

Ricerca intestatario numero di cellulare

Vuoi sapere il titolare di un numero di telefono cellulare? o viceversa vuoi conoscere il numero di telefono partendo dall'intestatario? I numeri esteri non sono un problema! Chiamaci: 0803026530

Fornitura di sim card anonime

In abbinamento con i nostri telefoni cellulari Stealth Phone, per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza alle vostre conversazioni telefoniche, da oggi possiamo offrirvi anche una serie di schede SIM anonime, per ottenere le quali non c’è bisogno di alcuna registrazione.
Chiamaci per saperne di piu' allo 0803026530!

Recupero sms cancellati

Recuperiamo sms, dati cancellati da sim card e telefoni cellulari. Devi inviarci la sim card e/o il telefono cellulare. In meno di una settimana riceverai i dati estratti per e-mail o per posta. Chiamaci per ulteriori informazioni: 0803026530

Come localizzare un cellulare

Come si fà a localizzare un cellulare?. Tutti i telefoni cellulari una volta accesi e collegati alla rete dei provider telefonici mobili sono rintracciabili geograficamente. Chiamaci per saperne di piu': 0803026530

Sblocco codici autoradio

Il codice di un autoradio è unico, per ogni radio associata ad ogni telaio, in genere si trova scritto a penna in qualche libretto di garanzia o manutenzione dalla concessionaria. Se è impossibile ritrovarlo, chiamaci: 0803026530

Recupero password perse

Hai dimenticato la tua password per Excel, word, myspace, aol, facebook, yahoo, msn, hotmail, live, gmail, libero, aim, aol....etc? Possiamo aiutarti, chiamaci: 0803026530