Home » libertà di stampa » Articoli recenti:

Spionaggio a Travaglio e Grillo, il giornalista di Panorama patteggia

Dopo l’accesso abusivo al sistema informatico è arrivata la condanna

Un articolo del Corriere della Sera a firma di Luigi Ferrarella ci racconta la conclusione dell’indagine su Giacomo Amadori di Panorama e l’appuntato della Guardia di Finanza, imputati di accesso abusivo a sistema informatico per aver spiato le dichiarazioni dei redditi di “nemici” politici:

Nel 2008-2009 ne hanno fatto le spese Raimondo Mesiano, il giudice civile che condannò la Fininvest a risarcire 750 milioni alla Cir per il lodo Mondadori, ma anche i politici ed ex pm Antonio Di Pietro e Luigi de Magistris, gli Agnelli-Elkann, il comico Beppe Grillo, il giornalista Marco Travaglio e Patrizia d’Addario, fra i «1.340 accessi abusivi mediante la password» del finanziere «usata non per esigenze d’ufficio». Ora a Brescia il finanziere Fabio Diani ha accettato una pena concordata di 2 anni e il giornalista Giacomo Amadori ha scelto di patteggiare 1 anno (pene sospese) per il reato di accesso abusivo a sistema informatico. All’epoca dell’indagine, migrata da Milano a Brescia proprio perché un giudice milanese era tra le parti lese, la direzione del settimanale aveva replicato: «Non si tratta di killeraggio o dossieraggio, ma Amadori ha fatto solo il suo lavoro usando dati utilizzabili e non coperti da privacy». La scelta di patteggiare pare segnalare una realtà differente. L’inchiesta del pm Elio Ramondini intercettò anche le mail del finanziere per l’invio dei dati al giornalista, le quali in un caso avevano inguaiato un’altra collega della Mondadori: le indagini hanno però compreso che era stata usata solo come ignara cassetta della posta, e quindi è stata archiviata.

E’ la fine dell’ennesima vicenda disonorevole, che però domani nessuno ricorderà.

Fonte: Giornalettismo

Il futuro di WikiLeaks

febbraio 28, 2011 Spionaggio computer No Comments

Nei prossimi anni vedremo sempre più spesso exploit di informazioni più o meno veritiere sbandierate come segreti carpiti a questa o quell’organizzazione. Alla fine, le informazioni saranno protette non tanto dalle barriere dietro le quali verranno conservate, ma dalla difficoltà di determinare quale fra le diverse fonti sia attendibile e quali informazioni, da essa diramate, siano vere, false o astutamente manipolate.

Tutti gli organi di informazione hanno prestato grande attenzione al fenomeno WikiLeaks. Ne hanno evidenziato l’eccezionalità, quasi rappresentasse una “rivoluzione” nel campo della protezione delle informazioni. Qualcuno si è anche spinto a dire che, dopo WikiLeaks, nessuna informazione è più al sicuro e che avremo presto accesso a tutte le informazioni “riservate” generate, raccolte o conservate da chiunque. Questa visione molto giornalistica è, per fortuna, poco realistica, sebbene WikiLeaks rappresenti ugualmente un evento epocale per coloro che si occupano della protezione delle informazioni. Per capire questo apparente paradosso, dobbiamo analizzare meglio il significato effettivo di WikiLeaks. Sintetizzando in termini minimi, si può affermare che Julian Assange è entrato in possesso di alcune informazioni riservate (non certo quelle segrete o segretissime) e le ha pubblicate sul suo sito web. Il furto, o comunque l’acquisizione, delle informazioni dell’avversario è una strategia di politica estera comune a tutti i Paesi del mondo, ma anche a realtà industriali e commerciali. Non da oggi, potremmo dire da sempre. Conoscere in anticipo le mosse del “nemico” è sempre stato un obiettivo strategico, declinatosi nelle varie e molteplici forme dello spionaggio, dell’intelligence e, più di recente, della business intelligence.

Per proteggersi da queste azioni, i diversi Stati e le aziende si sono attrezzati con strategie di contro-spionaggio anche molto raffinate, che non si limitano alla sola protezione delle informazioni, ma favoriscono anche la diffusione di informazioni volutamente false o fuorvianti. Il fatto che qualcuno sia riuscito ad entrare in possesso di alcuni documenti riservati non costituisce quindi una novità. Ciò che di peculiare possiede WikiLeaks è invece legato a due aspetti, evidenziati solo in parte dai media. Il primo è rappresentato dall’enorme quantità di informazioni che Assange è riuscito a carpire. Ciò è frutto della diffusione pervasiva delle tecnologie informatiche, le quali, da un lato hanno favorito un aumento esponenziale dello scambio di informazioni (quante mail riceviamo ed inviamo ogni giorno? Confrontiamo questo numero con i nostri scambi epistolari di cinque o dieci anni fa) e dall’altro hanno permesso di maneggiare, conservare e riprodurre con estrema facilità quantità anche enormi di dati. Oggi, su una mini pen-drive della dimensione di un francobollo, possono essere memorizzate tante informazioni quante quelle contenute in 300 metri di scaffalature! (e la pen-drive è certamente più facile da trasportare o nascondere rispetto alle tonnellate di carta delle scaffalature). L’altro aspetto colto da pochi è che Assange ha agito nel mondo dell’intelligence “violando” la prima regola, la riservatezza.

Continua a leggere su Social News

Rubygate, licenziato l’autore del libro su Berlusconi

Rimosso dall’incarico di portavoce dell’assessore lombardo allo Sport

Milano – In seguito all’uscita del libro “Onorevole bunga bunga. Berlusconi, Ruby e le notti a luci rosse di Arcore”, il primo libro sul “Rubygate”, l’autore del volume che contiene il testo integrale delle intercettazioni trasmesse dalla Procura della Repubblica di Milano alla Giunta per le autorizzazioni della Camera è stato licenziato dalla Regione Lombardia.

ll prof. Marco Marsili è stato rimosso dal suo incarico di portavoce, responsabile comunicazione, media relations e relazioni esterne dell’Assessore regionale allo Sport e giovani Monica Rizzi (Lega), con una mail inviatagli ieri dal capo della segreteria dell’assessore, Alessandro Pedrini. Marsili aveva assunto l’incarico solamente lo scorso 15 febbraio, dieci giorni prima.

“Ho ricevuto una mail asettica di due righe – dichiara Marsili, che è giornalista e direttore della Voce – nella quale mi veniva comunicato che il mio incarico veniva revocato con decorrenza immediata. Si tratta di una grave forma di censura che non può non destare preoccupazione, e che manifesta l’asservimento della Lega al potere berlusconiano”.

“L’Assessore Rizzi farebbe meglio a preoccuparsi dell’indagine della Procura della Repubblica di Brescia che la riguarda circa la sua ‘laurea’ in psicologia” – prosegue Marsili – “Dovrebbe affrettarsi a trovare qualcun’altro che le scriva i discorsi e che si occupi della comunicazione, vista l’imminente chiusura delle indagini”.

“La Lega, inoltre, dovrebbe prestare maggiore attenzione delle ‘relazioni’ particolari che qualche consigliere regionale intrattiene con ambienti malavitosi, piuttosto che del portavoce di un altro assessore accusato di aver percepito tangenti, oltre che delle ‘trote’ messe a sguazzare a spese della collettività nell’Aula del Consiglio regionale” conclude Marsili.

Intanto il libro, ad una settimana dall’uscita, sta diventando un vero e proprio caso letterario, con 9mila copie stampate e continue richieste dalle librerie.

Fonte: Voce d’Italia

Intercettazioni: Ghirra (Giornalisti), reagiremo attacchi liberta’ stampa

febbraio 22, 2011 Intercettazioni No Comments

”Non servono nuove leggi per punire rivelazioni di notizie tutelate dal segreto e violazioni della privacy. E invece tornano i tentati di imporre divieti autoritari alla liberta’ di stampa, con multe per gli editori e carcere per chi scrive. Ma i giornalisti italiani non abbasseranno la guardia”. Cosi’ il segretario del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti Giancarlo Ghirra commenta la volonta’ del Governo di rilanciare la legge sulle intercettazioni.

”Nell’estate dello scorso anno il duro attacco alla liberta’ di stampa venne sventato grazie alla mobilitazione dei giornalisti e dei cittadini, veri titolari del diritto a essere informati sulle malefatte delle cricche politico affaristiche. Oggi – dice Ghirra – torna l’esigenza di mettere insieme un forte movimento di opinione pubblica e quanti, in Parlamento, hanno dimostrato e sapranno dimostrare sensibilita’ a una liberta’ di stampa senza bavagli”.

Fonte: ASCA

“Silvio a processo, ha minacciato la Rai per far chiudere Santoro!”

febbraio 20, 2011 Intercettazioni No Comments

In arrivo il procedimento per minacce a corpo dello stato e concussione. La richiesta di utilizzo delle intercettazioni è alla Camera, ma competente è il tribunale dei Ministri.

I Pm di Roma hanno deciso: le prove per procedere ci sono, e chiedono il rinvio a giudizio di Silvio Berlusconi per il desueto reato di minacce a corpo dello Stato e concussione: tutto accade nelle intercettazioni che vedono il premier lamentarsi in maniera davvero troppo veemente con il consigliere dell’AgCom Giancarlo Innocenzi, perchè inventasse una maniera, insieme al Dg Mauro Masi, per sospendere la messa in onda di Michele Santoro su Rai2, quell’Annozero che tanto faceva penare Berlusconi. Innocenzi è parte di un’autorità garante, ed ecco dunque la minaccia al corpo dello Stato.

A PROCESSO – Per procedere, scrive il Fatto Quotidiano che pubblica tutto in esclusiva, la procura di Roma deve chiedere alla Camera dei Deputati l’autorizzazione ad utilizzare quelle intercettazioni come fonti di prova, ma la competenza, di sicuro, passerà presto al tribunale dei Ministri.

La Procura di Roma vuole procedere contro Silvio Berlusconi per concussione e minaccia a corpo dello Stato. Il Fatto Quotidiano è in grado di rivelare che il 3 febbraio 2011 il Procuratore capo Giovanni Ferrara ha firmato la richiesta di utilizzazione delle telefonate intercettate nel procedimento di Trani a carico di Berlusconi. Sono le famose conversazioni dell’autunno caldo del 2009 tra il commissario dell’Autorità Garante delle Comunicazioni, Giancarlo Innocenzi, e il premier rivelate all’opinione pubblica dal Fatto con uno scoop che è costato al nostro Antonio Massari una perquisizione e un’inchiesta per rivelazione di segreto. In quelle telefonate il commissario (già sottosegretario del Pdl) era sottoposto a ripetute e crescenti pressioni per chiudere Annozero e gli altri talk-show sgraditi da parte del premier. Per esempio, il 14 novembre del 2009 Berlusconi gli notifica: “Ho fatto l’altra sera nel corso della trasmissione A n n o ze ro una telefonata indignata al presidente dell’Autorità Calabrò dicendogli: ‘Sta guardando la trasmissione? Ma è una cosa oscena quello che succede!’”. Di fronte alle giustificazioni balbettanti di Innocenzi sui suoi limitati poteri, il Cavaliere ordina: “Adesso bisogna concertare che l’azione vostra (dell’Ag – com, ndr) sia da stimolo e consenta alla Rai di dire: ‘Chiudiamo tutto’’ ”

Continua a leggere su Giornalettismo

«Sei una spia», è caccia ai reporter

«Welcome», sorride con aria impacciata il soldatino che monta la guardia poco lontano dall’hotel. Non so se si riferisce al benvenuto che mi sta preparando dietro l’angolo una masnada di delinquenti con le spranghe in mano. Mi metto a correre col fiato in gola fino a raggiungere il taxi che sosta più avanti, nel punto dove due carri armati bloccano il traffico costringendo a fare una deviazione.

Mi rendo subito conto che uscire questa mattina non è stata una buona idea. Non tanto per gli spari che continuamente scuotono l’aria, ormai ci sono abituato. Ragazzi in maglietta nera e giovanotti nerboruti, armati di bastoni e mazze da baseball, controllano le auto con a bordo delle facce straniere. È partita la caccia ai reporter dei giornali e delle tv estere, considerati pregiudizialmente favorevoli ai rivoltosi e quindi nemici del fronte pro-Mubarak. Nelle vicinanze di piazza Tahrir, dove è in corso la battaglia, vengo bloccato da una squadraccia di avanzi di galera. Non è un modo di dire, 16mila criminali sono evasi (per essere più precisi li hanno lasciati fuggire) e dopo i saccheggi e gli atti di vandalismo adesso sono stati reclutati dai servizi segreti per andare ad ingrossare le file di sostenitori del regime. Con gesti bruschi mi fanno scendere dal taxi che perquisiscono alla ricerca di una telecamera o di una macchina fotografica, attrezzature sequestrate o distrutte a molti colleghi che hanno avuto la mia stessa disavventura. Per fortuna non ho nulla del genere con me. «You are a spy!» (sei una spia!) mi urla in faccia quel che sembra essere il capo-ronda, dall’aspetto inconfondibile di agente in borghese.

Il mio interprete, Sayed, un gigante vestito di nero, li rassicura. «È un turista italiano, un mio amico che sto conducendo all’aeroporto. Per favore, lasciateci andare, se no rischiamo di perdere il volo». Giriamo attorno alla piazza dove si è barricato qualche migliaio di dimostranti che non si stanca di gridare «Erhal, Mubarak!» (vattene, Mubarak!) in faccia agli assalitori. Mi trovo dal lato opposto del Museo Egizio, un edificio rosa con la facciata annerita dall’incendio provocato l’altra sera. Una folla minacciosa circonda un vecchio palazzo, che mi dicono essere la sede di “Elghaad” (Domani), il partito dell’opposizione liberale il cui leader, Aymani Nur, è stato tre anni in prigione dopo essersi candidato nelle elezioni presidenziali del 2005 contro Mubarak. Nel giro di due giorni l’atmosfera è totalmente cambiata, il milione di persone che martedì ha riempito pacificamente il centro del Cairo nella più grande manifestazione di massa contro il rais adesso ha lasciato il posto a una folla esagitata e violenta. I problemi non finiscono quando rientro in hotel dove i servizi di sicurezza trattengono alcuni operatori tv, colpevoli d’aver ripreso immagini dell’albergo sotto assedio.

La polizia ha arrestato tre giornalisti della tv polacca Tvp e al momento non li ancora rilasciati. Rilasciati invece in serata, dopo il fermo, il responsabile dell’ufficio del Cairo del Washington Post, Leila Fadel, e una fotografa del giornale, Linda Davidson, insieme a un loro interprete. È andata peggio al collega della tv turca Trt, picchiato e derubato di videocamera, soldi e telefonino da una ronda pro-Mubarak. Mentre risulta disperso un reporter della tv svedese Svt, Bert Sundstrom. Ma c’è confusione perché, secondo la tv austriaca Ors, un reporter svedese è invece gravissimo in ospedale: è stato accoltellato alla gola e al petto.

È già buio quando mi metto a scrivere. Fuori le sparatorie s’infittiscono, dentro cresce l’angoscia per possibili attacchi. «Welcome», benvenuti nel Paese del presidente-Faraone.

Fonte: Avvenire

Egitto – Mosca: inaccettabile la repressione contro i media

Condanna del ministero degli Esteri
Mosca, 4 feb. (TMNews) – Il ministero russo degli Esteri denuncia come “inaccettabile” la repressione dei giornalisti che stanno coprendo le violenze e i disordini in Egitto. “Le notizie degli attacchi contro la stampa durante la crisi politica egiziana…sono motivo di preoccupazione” si legge in un comunicato del ministero. “Riteniamo inaccettabile la repressione contro i rappresentanti dei media che agiscono in un quadro di legalità”.

Negli ultimi giorni attacchi contro reporter stranieri al Cairo si sono moltiplicati. I giornalisti vengono aggrediti dai sostenitori del presidente Hosni Mubarak o arrestati dalla polizia. Una troupe della rete tv russa Zvezda è stata trattenuta il 1 e 2 febbraio dal controspionaggio militare egiziano, secondo il ministero.

Fonte: Virgilio Notizie

Intercettazioni.eu


Un aggregatore di articoli e guide online, su argomenti legati allo spionaggio, contro spionaggio, controllo accessi, intercettazioni, Sicurezza personale, protezione dei propri beni e dei vostri affetti.

Ricerca intestatario numero di cellulare

Vuoi sapere il titolare di un numero di telefono cellulare? o viceversa vuoi conoscere il numero di telefono partendo dall'intestatario? I numeri esteri non sono un problema! Chiamaci: 0803026530

Fornitura di sim card anonime

In abbinamento con i nostri telefoni cellulari Stealth Phone, per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza alle vostre conversazioni telefoniche, da oggi possiamo offrirvi anche una serie di schede SIM anonime, per ottenere le quali non c’è bisogno di alcuna registrazione.
Chiamaci per saperne di piu' allo 0803026530!

Recupero sms cancellati

Recuperiamo sms, dati cancellati da sim card e telefoni cellulari. Devi inviarci la sim card e/o il telefono cellulare. In meno di una settimana riceverai i dati estratti per e-mail o per posta. Chiamaci per ulteriori informazioni: 0803026530

Come localizzare un cellulare

Come si fà a localizzare un cellulare?. Tutti i telefoni cellulari una volta accesi e collegati alla rete dei provider telefonici mobili sono rintracciabili geograficamente. Chiamaci per saperne di piu': 0803026530

Sblocco codici autoradio

Il codice di un autoradio è unico, per ogni radio associata ad ogni telaio, in genere si trova scritto a penna in qualche libretto di garanzia o manutenzione dalla concessionaria. Se è impossibile ritrovarlo, chiamaci: 0803026530

Recupero password perse

Hai dimenticato la tua password per Excel, word, myspace, aol, facebook, yahoo, msn, hotmail, live, gmail, libero, aim, aol....etc? Possiamo aiutarti, chiamaci: 0803026530

 MICROSPIA GSM
microspia gsm IRIncredibile microspia GSM, la piu' piccola al mondo dotata di sensore infrarossi di movimento e di vibrazione. Intercetta anche le conversazione effettuate dal telefono di casa.

Calendario

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Contattaci


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

CONTATTACI SU SKYPE

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Guide alla videosorveglianza

Come arrestare il key bumbing, il furto senza traccia

La nuova frontiera dei furti, per ladri in continuo aggiornamento, è il “key bumping”. Si tratta dell’arte di aprire le porte delle abitazioni senza lasciare segni di effrazione. A Roma, i Carabinieri hanno arrestato una banda di georgiani, ben 37 persone, specializzate in furti in appartamenti nella città e in provincia. L’organizzazione criminale è risultata responsabile di decine di colpi in appartamenti, e in particolare, è specializzata nella tecnica consente …

I consigli del ladro per una difesa ottimale contro i furti in estate.

furti in appartamento

Le vacanze, per molte famiglie italiane, sono già iniziate. Le città si svuotano e le case rimangono sempre più isolate, soprattutto se i vicini decidono di partire nello stesso periodo. Quella delle vacanze estive, quindi, diventa un’occasione per ladri, professionisti e no, per entrare in azione, in quanto hanno meno possibilità di essere visti e acciuffati e possono, così, agire con più calma. Il giornale napoletano “Il Mattino” proprio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 4 – Visione filmati e integrazione

Passiamo alla quarta ed ultima parte della nostra guida, rispondendo a domande su come visualizzare i video di sorveglianza e come integrare le proprie apparecchiature di sorveglianza con altri sistemi video. 6. Visualizzare i video La maggior parte dei video di sorveglianza non viene mai vista da esseri umani, se non per indagini storiche. Alcuni sistemi a circuito chiuso consentono la visione in diretta, ad esempio come sistemi antitaccheggio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 3 – Salvataggio filmati e analisi video

Proseguiamo con le nostre 7 domande, con la parte dedicata ai supporti di salvataggio dei filmati video, e all’analisi dei filmati registrati. 4. Salvataggio I video di sorveglianza sono quasi sempre salvati per recupero e revisione. La durata media dello stoccaggio è tra i 30 e i 90 giorni, anche se in alcuni casi il periodo può essere più breve, o durare anche per qualche anno. I due elementi più …

Guida al controspionaggio

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 2)

LEGGI LA PRIMA PARTE… – La scatola di una presa elettrica sembra essere stata spostata
. Le prese elettriche sono tra i punti dove più frequentemente vengono nascosti dispositivi di intercettazione, così come lo sono i rilevatori di fumo, le lampade o gli interruttori. Se notate della sporcizia (tipo segatura o …

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 1)

A casa, in ufficio ed in qualsiasi posto vi troviate potreste essere spiati. Chiunque voi siate, e qualsiasi cosa facciate, vi può capitare di incontrare persone che, per interesse o per avidità di potere, desiderano di venire in possesso di vostre informazioni riservate, sia per danneggiarvi che per ottenere un …

Il fisco controllerà anche i telefoni

Tra le grandi manovre di controllo che si stanno operando per monitorare i contribuenti, pare che gli agenti 007 dell’Agenzia delle Entrate si stiano concentrando sulle intercettazioni del nostro cellulare. Iphone, Samsung o qualsiasi altra marca sia, il fisco non si pone limiti. Non si tratta di spiare il contenuto …

ADS

 

 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Rilevatore di giunzioni non lineari capace di scoprire dispositivi elettronici nascosti, anche se il dispositivo emette irradiazioni, abbia fili o sia acceso.
 MICROREGISTRATORI
Nuovissimi microregistratori digitali con durata di registrazione fino a 1200 ore. Utilissimi per raccogliere prove o scoprire tradimenti di ogni tipo. I modelli ad attivazione vocale VAS permettono inoltre una maggiore autonomia di consumi. Affidabilità, efficacia e prezzo conveniente.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spy phone, o cellulare spia, è un normale cellulare su cui viene installato un software spia capace di intercettare qualsiasi azione intrapresa sul cellulare stesso (chiamate, SMS, foto ecc.). Il software spia per spyphone è funzionante sulla maggior parte degli smartphone con sistema operativo Android, iOS e Blackberry.
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 MICROAURICOLARI
microauricolareI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all’auricolare celato nell’orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.

ARTICOLI IN RILIEVO

Come scegliere le migliori microspie senza farsi abbindolare

6 Set 2017

microspie-gsm

Ultimamente approdare a un prodotto valido cercandolo su un motore di ricerca sta diventando un’impresa decisamente ardua. Prendete, ad esempio, il caso delle microspie o di altri dispositivi elettronici comunemente utilizzati in ambito investigativo: vedrete che a parte quelle poche aziende serie presenti sul mercato da decenni, vi toccherà imbattervi in venditori della domenica che, in quanto a qualità ed efficacia del prodotto commercializzato, lasciano alquanto a desiderare. Non solo. …

Come ottenere i tabulati telefonici dal vostro operatore di telefonia mobile in pochi semplici passaggi

7 Ago 2017

tabulati-telefonici-tim-wind-vodafone-3

In questo articolo vi sveleremo cosa fare per ottenere il tabulato telefonico delle chiamate in uscita dal vostro cellulare, grazie a un servizio on line che la maggior parte degli operatori telefonici (TIM, Tre, Vodafone ecc.) mette a disposizione dei propri clienti in maniera del tutto gratuita. Ma non perdiamoci in chiacchiere e vediamo subito come si comporta ciascun operatore a riguardo. TIM Per richiedere il tabulato telefonico da parte …

Come difendersi dalle intercettazioni telefoniche non autorizzate

28 Apr 2017

cellulare-criptato-anti-intercettazione

Mentre anche la politica d’oltreoceano, con la recente presa di posizione abolizionista del neo presidente americano Donald Trump, sembra muovere in direzione opposta a quella della tutela dei dati on line, garantirsi degli strumenti efficaci contro il furto di informazioni diventa ogni giorno più pressante. Lo stesso dicasi per le intercettazioni telefoniche abusive. Ovviamente in quest’ultimo caso ci riferiamo a tutte quelle operazioni non autorizzate da organi giudiziari competenti, ma comunque avviate in maniera indiscriminata …

Microspia GSM NANO-BUG. Per un ascolto efficace di veicoli o ambienti da qualsiasi distanza

9 Dic 2016

microspia-gsm-nano-bug_400x227

Se cercate una microspia audio dalle dimensioni realmente ridotte, facile da installare e capace di funzionare da qualsiasi distanza, allora la NANO-BUG è il dispositivo adatto a voi. Questo gioiellino di elettronica per l’intelligence funziona infatti grazie a un vettore GSM Quadriband che permette l’ascolto audio da qualsiasi postazione. Le caratteristiche più interessanti della NANO-BUG risiedono principalmente nella programmazione da remoto attraverso l’invio di SMS di comando (fino a 5 …

Come scoprire se qualcuno ti sta spiando in poche semplici mosse

21 Set 2016

spiare-bonifiche-ambientali

Temi che qualcuno abbia piazzato dei microfoni nel tuo appartamento? Hai paura che stiano spiando ogni tuo movimento? Sei convinto che nella tua auto ci sia una microspia? Vediamo insieme quali segnali prendere in considerazione per evitare qualsiasi abbaglio interpretativo e giungere invece alla verità. Prima di passare a elencare i segni tangibili e quelli meno evidenti di eventuali intercettazioni in atto, sarebbe  tuttavia opportuno chiedersi: perché dovrebbero spiare proprio …

Microregistratore digitale SAB-R1: lunga durata e dimensioni ridottissime

26 Ago 2016

microregistratore-digitale-sab-r1

Registra file audio a livello ambientale su memoria integrata da 8GB per 40 ore consecutive. Il micro registratore digitale SAB-R1, di recente ideazione, si colloca ai primi posti nel panorama dei dispositivi elettronici per la registrazione ambientale in modalità nascosta. Questo grazie soprattutto alla sua capacità di registrare e archiviare file in formato wave (ad altissima qualità audio) per una durata prossima alle 40 ore. Le sue ridotte dimensioni (4×1.7×0.8 …

Come proteggersi dal cyberbullismo. L’esempio di Facebook

26 Lug 2016

bullismo-facebook

Come difendere i nostri figli dai bulli che popolano la rete? La risposta potrebbe arrivare dalle linee guida pubblicate qualche tempo fa da Facebook su una pagina dedicata al bullismo, dal titolo: “Fermiamo il bullismo. Presentazione di strumenti, suggerimenti e programmi per aiutare le persone a difendere se stesse e gli altri“. L’obiettivo principale del noto social network è chiaramente quello di mitigare l’aumento di casi di violenza verbale, ingiurie …

ADS

 

 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta e il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.

Violazione dei diritti civili

Oltre 560 scrittori ed intellettuali firmano contro le intercettazioni

2 Gen 2014

Oltre 560 scrittori ed intellettuali firmano contro le intercettazioni

La bambina virtuale adescata da 20mila adulti

26 Nov 2013

Sweetie, una bambina virtuale, messa in rete come esca, per verificare quanto e come gli adulti si avvicinano ai piccoli via web. L’esperimento, condotto dall’associazione per i diritti umani olandese Terre des Hommes, ha purtroppo attirato, in appena due mesi e mezzo, oltre 20mila persone, 1000 delle quali identificate. Erano disposti a …

Il costo della nostra privacy

31 Lug 2013

Si è soliti sostenere che la privacy non ha prezzo, oggi però ci sono dei parametri attendibili con cui farsi un’idea: il tariffario con cui gli operatori telefonici e gli Internet service provider statunitensi vendono le conversazioni degli utenti al governo. Dopo il caso Snowden, a svelare il listino prezzi è stato il …

Spionaggio per manipolare i social network secondo il Guardian

10 Mag 2011

Lo dice il Guardian. L’esercito americano sta sviluppando un software che consente di manipolare segretamente i siti di social media utilizzando falsi personaggi online per influenzare le conversazioni su Internet e diffondere propaganda filo-americana. Una società californiana si è aggiudicata un contratto con la United States Central Command (Centcom), che …

Le vite degli altri a Pechino

7 Mag 2011

Istituiti nuovi controlli su Internet mentre la tv vieta i film di spionaggio e crimine Istituzione di un nuovo ufficio per coordinare i controlli di Internet, proibizione di teletrasmettere film che includono immaginari viaggi nel tempo, ma anche quelli di spionaggio e di crimine, e l’ex ministro della Pubblica Sicurezza, …