Home » forze dell’ordine » Articoli recenti:

Sistemi di intercettazione mediocri mettono ko le forze dell’ordine

novembre 5, 2013 Intercettazioni No Comments

Diverse le lamentele verbali e le relazioni alla procura in cui è denunciata l’inadeguatezza del “sistema intercettazioni” adottato dal procuratore aggiunto Pier Filippo Laviani a Roma. “Questo sistema di intercettazioni ci ha rovinato tante indagini e se andiamo avanti così diventerà sempre più complicato sconfiggere il crimine a Roma”. Un investigatore del Reparto operativo dei carabinieri scuote la testa. Tanti altri poliziotti e militari di ogni nucleo e reparto hanno protestato, scritto, segnalato, denunciato, ma senza essere ascoltati. E il risultato è stato un susseguirsi di indagini fallite, ricercati spariti nel nulla, piccole o grandi azioni criminali registrate solo dopo ore e a volte addirittura giorni. Perché il nuovo software adottato, che ha fatto risparmiare quasi due milioni di euro, secondo gli investigatori che quotidianamente affrontano la criminalità capitolina, non funziona come dovrebbe. Ma si sa il risparmio spesso porta sacrifici nella qualità.



Pare che dal 1° gennaio 2011 Laviani abbia modificato i sistemi di intercettazione funzionanti fino a quel momento, coinvolgendo una società di Napoli, poco conosciuta nel campo delle intercettazioni. Il nuovo software fornito si è rivelato fallace, non in grado, ad esempio, di intercettare in tempo reale i delinquenti. Ad esempio se un pregiudicato sotto controllo comunica con un suo complice per telefono di eseguire un sequestro di persona, la conversazione potrà essere ascoltata con un ritardo di trenta, quaranta minuti. Un tempo enorme per poter intervenire in maniera tempestiva. La contemporaneità è una delle principali caratteristiche dei software più all’avanguardia che vantano uno scarto massimo di alcuni secondi.


Con gli strumenti adottati risulta anche molto difficile avere l’individuazione immediata delle celle telefoniche. Questo significa che se un assassino, identificato subito dopo una sparatoria, fugge col suo telefonino in tasca, alle forze dell’ordine la sua individuazione arriva con ritardi non solo di ore, ma anche di giorni. Ancor peggio per gli SMS, disponibili solo dopo 3-4 giorni. E sembrerebbe che, con alcune compagnie telefoniche, le conversazioni siano scaricate non solo con notevole ritardo, ma addirittura senza consequenzialità. In sostanza, potrebbe capitare di ascoltare una conversazione di tre giorni prima, pensando sia la più recente. Questa faccenda dimostra chiaramente quanto la qualità degli strumenti utilizzati influisca sul lavoro professionale (e non solo) nel campo delle intercettazioni, della sicurezza e della sorveglianza. Meglio affidarsi ad aziende competenti e strutturate che scegliere il risparmio a discapito della qualità.

Piccoli borseggiatori ripresi dalle telecamere del metrò

I furti avvengono con un frequenza inaudita e l’unico modo per inibire questi episodi, si sa, è l’utilizzo di telecamere di sorveglianza.
Curioso è il caso avvenuto nella metropolitana di Milano, luogo dove ogni giorno si districano oltre un milione di persone e dove i borseggiatori, in prevalenza rom, trovano terreno fertile a causa della fretta negli spostamenti dei passeggeri e del grande caos.

Dalle immagini del sistema di sorveglianza della fermata Porta Genova, è ripresa l’intera sequenza di una piccola gang di ladri in azione. Un ragazzo con giacca a quadri verde e jeans neri è appoggiato alle biglietterie e scruta i passanti. Ad ogni suo movimento due ragazzine lo seguono. Azione rapida e sincronizzata. Il ragazzo sfila dalla borsa di un uomo un portafogli, lo passa alla ragazzina dietro di lui; la terza copre l’azione e controlla “le spalle”. Allargando il raggio delle telecamere è facile intuire che il modus operandi sia largamente diffuso. Diversi sono gli adolescenti tra 13 e 20 anni in fila indiana.

Con un corposo archivio di filmati i vigili milanesi del Nucleo tutela trasporto pubblico (Nttp) hanno potuto fermare i ragazzini romeni. Uno di loro aveva in tasca ben 690 euro, il suo complice due Samsung Galaxy.
A pochi giorni di distanza è stata fermata un’altra banda composta perlopiù di ragazzine bosniache e croate ben vestite che agiscono con tecnica diversa. Nei pochi secondi in cui i treni del metrò si fermano scendono, una tiene le porte aperte, un’altra finge di inciampare e cade addosso ai passeggeri. Nell’attimo di confusione una terza complice infila le mani nelle tasche o nelle borse. Quando il treno riparte, le ragazze sono già fuori dalla metropolitana e la vittima continua la sua corsa.

Le forze dell’ordine lavorano con telecamere e controlli serrati al fine di rendere il trasporto pubblico sempre più sicuro. Lasciano alcuni consigli: borse tenute davanti e non dietro, cellulari e portafogli nelle tasche interne delle giacche, cerniere rigorosamente chiuse. Occhi ben aperti e in caso di borseggio denunciare immediatamente. Le riprese di solito portano in breve tempo alla cattura dei colpevoli.

Governi e social network: continue richieste di dati personali

I nostri profili online dicono molto di noi: chi siamo, dove abitiamo, cosa facciamo, chi sono i nostri amici, quali sono i nostri gusti e le nostre preferenze. Social network, chat, indirizzi mail, blog e siti internet sono ogni giorno destinatari di un’immensa quantità di informazioni personali che messe insieme forniscono spesso un quadro completo di un individuo. Su questo tipo di dati sensibili è spesso puntata l’attenzione delle forze dell’ordine e dei governi che, sempre più spesso, chiedono di poter usufruire di queste informazioni in cerca di soggetti pericolosi e attività nascoste.

Dall’altra parte non ci sono sempre risposte positive. Mentre Google e Twitter hanno deciso di pubblicare report periodici sulla trasparenza, Skype e Facebook sembrano non voler ascoltare al momento questo tipo di richieste.
Nel dettaglio Google pubblica dal 2010 il “Trasparency Report” distinguendosi da sempre sul fronte della sicurezza. Secondo i suoi dati aggiornati, le richieste di utilizzo dei dati da parte di forze pubbliche sono aumentate in maniera esponenziale (in Italia sono passate da 550 nel 2009 a 850 nel 2012). Di queste richieste però Google ne ha approvato solo 1/3 richiedendo maggiore privacy.

Dati sicuramente più esigui, ma allo stesso modo significativi per quanto concerne Twitter. Il blog invia costantemente i suoi report sulla sicurezza e ha dato seguito a oltre la metà dei casi nonostante nel 2012 nessuna autorità italiana abbia mai ottenuto i dati richiesti.

Come già accennato, mancano all’appello due big: Facebook e Skype che contano circa 2 miliardi di utenti totali. Nessun report emesso dalle due aziende, Zuckerberg si è limitato ad informare la presenza di un form attraverso il quale gli utenti possono chiedere informazioni. Nessuna risposta da Skype, strumento di chiamate voip e chat utilizzato in tutto il mondo e, a quanto pare, anche da numerosi attivisti che evitano così di essere intercettati dalle autorità.

La crescente preoccupazione per la privacy e la continua fuga di dati ha messo in allarme anche numerose aziende private. L’utilizzo di chiavette per carpire dati dai pc o per registrare i caratteri che vengono digitati sulla tastiera (password comprese) è ormai molto diffuso. Dipendenti, persone di passaggio o rivali possono accedere ai pc e inserire strumenti di controllo che possono portare l’azienda sull’orlo del fallimento, apportando vantaggi ai concorrenti o facendo fuoriuscire notizie riservate. È consigliabile oggigiorno l’utilizzo di prodotti per la bonifica ambientale almeno ogni quindici giorni, in modo da verificare velocemente e in maniera sicura l’assenza di strumenti per lo spionaggio.

Guida al controspionaggio

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 2)

LEGGI LA PRIMA PARTE… – La scatola di una presa elettrica sembra essere stata spostata. Le prese elettriche sono tra i punti dove più frequentemente vengono nascosti dispositivi di intercettazione, così come lo sono i rilevatori di fumo, le lampade o gli interruttori. Se notate della sporcizia (tipo segatura o …

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 1)

A casa, in ufficio ed in qualsiasi posto vi troviate potreste essere spiati. Chiunque voi siate, e qualsiasi cosa facciate, vi può capitare di incontrare persone che, per interesse o per avidità di potere, desiderano di venire in possesso di vostre informazioni riservate, sia per danneggiarvi che per ottenere un …

Il fisco controllerà anche i telefoni

Tra le grandi manovre di controllo che si stanno operando per monitorare i contribuenti, pare che gli agenti 007 dell’Agenzia delle Entrate si stiano concentrando sulle intercettazioni del nostro cellulare. Iphone, Samsung o qualsiasi altra marca sia, il fisco non si pone limiti. Non si tratta di spiare il contenuto …

Guide alla videosorveglianza

Come arrestare il key bumbing, il furto senza traccia

La nuova frontiera dei furti, per ladri in continuo aggiornamento, è il “key bumping”. Si tratta dell’arte di aprire le porte delle abitazioni senza lasciare segni di effrazione. A Roma, i Carabinieri hanno arrestato una banda di georgiani, ben 37 persone, specializzate in furti in appartamenti nella città e in provincia. L’organizzazione criminale è risultata responsabile di decine di colpi in appartamenti, e in particolare, è specializzata nella tecnica consente …

I consigli del ladro per una difesa ottimale contro i furti in estate.

furti in appartamento

Le vacanze, per molte famiglie italiane, sono già iniziate. Le città si svuotano e le case rimangono sempre più isolate, soprattutto se i vicini decidono di partire nello stesso periodo. Quella delle vacanze estive, quindi, diventa un’occasione per ladri, professionisti e no, per entrare in azione, in quanto hanno meno possibilità di essere visti e acciuffati e possono, così, agire con più calma. Il giornale napoletano “Il Mattino” proprio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 4 – Visione filmati e integrazione

Passiamo alla quarta ed ultima parte della nostra guida, rispondendo a domande su come visualizzare i video di sorveglianza e come integrare le proprie apparecchiature di sorveglianza con altri sistemi video. 6. Visualizzare i video La maggior parte dei video di sorveglianza non viene mai vista da esseri umani, se non per indagini storiche. Alcuni sistemi a circuito chiuso consentono la visione in diretta, ad esempio come sistemi antitaccheggio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 3 – Salvataggio filmati e analisi video

Proseguiamo con le nostre 7 domande, con la parte dedicata ai supporti di salvataggio dei filmati video, e all’analisi dei filmati registrati. 4. Salvataggio I video di sorveglianza sono quasi sempre salvati per recupero e revisione. La durata media dello stoccaggio è tra i 30 e i 90 giorni, anche se in alcuni casi il periodo può essere più breve, o durare anche per qualche anno. I due elementi più …

Contattaci


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

CONTATTACI SU SKYPE

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Intercettazioni.eu

Un aggregatore di articoli e guide online, su argomenti legati allo spionaggio, contro spionaggio, controllo accessi, intercettazioni, Sicurezza personale, protezione dei propri beni e dei vostri affetti.

Ricerca intestatario numero di cellulare

Vuoi sapere il titolare di un numero di telefono cellulare? o viceversa vuoi conoscere il numero di telefono partendo dall'intestatario? I numeri esteri non sono un problema! Chiamaci: 0803026530

Fornitura di sim card anonime

In abbinamento con i nostri telefoni cellulari Stealth Phone, per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza alle vostre conversazioni telefoniche, da oggi possiamo offrirvi anche una serie di schede SIM anonime, per ottenere le quali non c’è bisogno di alcuna registrazione.
Chiamaci per saperne di piu' allo 0803026530!

Recupero sms cancellati

Recuperiamo sms, dati cancellati da sim card e telefoni cellulari. Devi inviarci la sim card e/o il telefono cellulare. In meno di una settimana riceverai i dati estratti per e-mail o per posta. Chiamaci per ulteriori informazioni: 0803026530

Come localizzare un cellulare

Come si fà a localizzare un cellulare?. Tutti i telefoni cellulari una volta accesi e collegati alla rete dei provider telefonici mobili sono rintracciabili geograficamente. Chiamaci per saperne di piu': 0803026530

Sblocco codici autoradio

Il codice di un autoradio è unico, per ogni radio associata ad ogni telaio, in genere si trova scritto a penna in qualche libretto di garanzia o manutenzione dalla concessionaria. Se è impossibile ritrovarlo, chiamaci: 0803026530

Recupero password perse

Hai dimenticato la tua password per Excel, word, myspace, aol, facebook, yahoo, msn, hotmail, live, gmail, libero, aim, aol....etc? Possiamo aiutarti, chiamaci: 0803026530