Home » cellulare » Articoli recenti:

Come ottenere i tabulati telefonici dal vostro operatore di telefonia mobile in pochi semplici passaggi

tabulati-telefonici-tim-wind-vodafone-3

In questo articolo vi sveleremo cosa fare per ottenere il tabulato telefonico delle chiamate in uscita dal vostro cellulare, grazie a un servizio on line che la maggior parte degli operatori telefonici (TIM, Tre, Vodafone ecc.) mette a disposizione dei propri clienti in maniera del tutto gratuita. Ma non perdiamoci in chiacchiere e vediamo subito come si comporta ciascun operatore a riguardo.

TIM

Per richiedere il tabulato telefonico da parte di Tim, è sufficiente registrarsi e loggarsi direttamente da questa pagina. Una volta entrati, bisogna scorrere le opzioni che vi appaiono a schermo e selezionare quella di vostro interesse.

WIND

Stessa cosa per Wind, la cui pagina di registrazione e di accesso è questa.

VODAFONE

Effettuando la registrazione o il login a questo indirizzo, l’operatore Vodafone vi segnala, a dire il vero in maniera decisamente più “smart” dei suoi concorrenti, come ottenere lo storico delle vostre chiamate.

TRE

Infine, se siete clienti H3G potete andare qui e selezionare l’opzione relativa alla vostra richiesta.

Forse a questo punto vi starete chiedendo: ma che me ne faccio di un servizio del genere quando posso tranquillamente visualizzare l’elenco delle chiamate scorrendo la cronologia delle telefonate? Beh, innanzitutto, questa operazione può esimervi da macchinose operazioni di recupero dei numeri di telefono, confidando all’occorrenza su un listato di numeri raggruppati per cronologia. La cosa ancora più interessante è che, così facendo, riuscirete tranquillamente a sincerarvi dell’utilizzo “adeguato” della vostra SIM. Proprio così! Vi porto un esempio. Mettiamo caso che avete un figlio minorenne che sia entrato in possesso del vostro cellulare per chiamare degli estranei a vostra insaputa. Ovvio immaginare che, terminata la conversazione, lui opterà per cancellare la/le chiamate effettuate, ignaro che a conti fatti voi le avrete comunque a disposizione visionando il tabulato richiesto all’operatore!

E per quanto riguarda l’elenco delle chiamate in entrata?

Sono sicuro che la maggior parte di voi mirasse sin dall’inizio a questa seconda opzione, ma come è facile intuire questa tipologia di dati viene tutelata dalla legge sulla privacy. Quest’ultima proibisce infatti di divulgare informazioni in chiaro, ovvero senza gli ultimi tre numeri oscurati, delle chiamate e degli SMS in entrata o in uscita dal proprio o altrui numero, se non a seguito di denuncia da parte di un legale, o motivata richiesta scritta inviata agli operatori mediante posta raccomandata.

Bene. Ora che sapete come ottenere i tabulati telefonici dal vostro operatore di telefonia mobile, potete, se lo desiderate, commentare l’articolo o avviare un thread direttamente dallo spazio commenti qui sotto. Per quanto ci riguarda, saremo lieti di rispondere alle vostre domande.

 

Cosa sono e come ottenere i tabulati telefonici

Capita molto spesso di avere la necessità di conoscere i movimenti telefonici (voce, SMS, dati). Gli strumenti in grado di fornire questo tipo di informazioni sono i tabulati telefonici.

Si tratta di documenti che contengono l’elenco di tutte le chiamate effettuate da un certo telefono in un certo intervallo di tempo. In questo modo è possibile ottenere il numero chiamante, il numero chiamato, data ed ora dell’inizio della conversazione, durata della conversazione e tipo di movimento.

In generale tutti gli operatori telefonici consentono ai propri clienti di registrarsi on-line, ad un’area riservata. All’interno di tale sezione sarà possibile ottenere informazioni relativa alla SIM e i movimenti in uscita, individuando i numeri ai quali il proprio numero ha inviato telefonate oppure messaggi di testo.

A volte però non è possibile definire con certezza questi movimenti perché per motivi di privacy, degli asterischi sostituiscono le ultime tre cifre dei numeri telefonici. È possibile rimuovere tale restrizione facendo richiesta scritta all’operatore. I tabulati verranno quindi spediti tramite posta al cliente.

Ci sono, inoltre, delle limitazioni anche per quel che riguarda l’arco di tempo che è possibile considerare. A seconda dell’operatore, si possono ottenere informazioni relative a telefonate o messaggi inviati da un minimo di 30 giorni fino ad un massimo di un anno. Perciò non è possibile visualizzare messaggi o chiamate, effettuati prima o dopo tale periodo.

Il discorso è diverso per quel che riguarda i numeri telefonici in entrata, cioè quelli delle chiamate che riceviamo. Non esiste, infatti, modo di risalire a tali tabulati senza un’autorizzazione di un giudice del tribunale, ottenibile tramite una denuncia presentata alle forze dell’ordine solo in caso di gravi e comprovate motivazioni.
Per ulteriori informazioni o per chiarimenti sull’argomento contattare le aziende specializzate nel settore della sicurezza.

Sesso con le alunne. Gli strumenti di spionaggio incastrano il prof

marzo 13, 2014 Difesa personale No Comments

Sono oltre cento le pagine di sms ed intercettazioni telefoniche che hanno raccolto gli inquirenti e che hanno portato all’arresto del professor Giordano per le relazioni con due alunne.


“TVB”, ti voglio bene, scrive lui a lei imitando i ragazzi del liceo, “LVB”, le voglio bene, risponde una delle due ragazze dandogli del “lei”, come si fà con un professore. Aldilà di questo, il testo intercorre con il linguaggio tipico degli adolescenti: emoticon, punti esclamativi, nomignoli e qualche parolaccia. Ma in realtà non è così: si tratta di scambio di messaggi e telefonate tra un docente di 57 anni e due ragazzine che subiscono il fascino dell’adulto che regala attenzioni. Un professore per giunta. 


Le richieste di pratiche sessuali sono palesi nei testi seppur proposte in maniera velata. “Il concertino sarà completo?”, domanda con ansia l’uomo intendendo se la ragazza che andrà a trovarlo di nascosto dirà di sì a tutte le sue richieste. Non mancano le gratificazioni scolastiche per le sue alunne preferite. “Pucci, piaciuti i 9 in italiano e storia?” scrive il prof.
Le ragazze appaiono totalmente invaghite e si adirano per i ritardi, i silenzi e le bugie, lui, malato di sesso, intratteneva almeno quattro relazioni diverse. 


Leggermente diverso il tono con il quale il prof scambia con la più adulta delle vittime, una ex alunna che studia all’università e che gli chiede aiuto per superare l’esame di storia. Lei gli dà “del tu” e lo chiama “amore”. Scherzano sulla durata media dei rapporti sessuali, lei lo lusinga dicendo che il giorno prima “è stato bellissimo”, dichiara chiaramente che la loro storia dura da quasi tre anni (cioè da quando frequentava il liceo), accetta di andare a casa sua ma si raccomanda “xrò facciamo la ricerca”. “Certo, come vuoi tu”, risponde lui accondiscendente, ma intanto le annuncia di aspettarsi una precisa prestazione sessuale. “Ok amore, ma non pensare sempre a quello”, replica la ragazza.


I Carabinieri di Savigliano hanno lavorato due mesi e mezzo per raccogliere le prove che hanno portato all’arresto: dal primo sms del 24 maggio fino all’intercettazione ambientale nella sua camera da letto del 5 agosto, quando una delle due vittime passò la notte con lui, nonostante avessero alle spalle settimane di liti, ricatti e sospetti. Il 3 agosto, a pochi giorni dalla perquisizione a casa dei Carabinieri, l’uomo ha capito che qualcosa non va e tenta con un sms di far sentire speciale la vittima per vincolarla al silenzio.

Il lavoro compiuto dalle forze dell’ordine è stato reso possibile da strumenti di controllo come software spia per cellulari e microspie ambientali. La stessa operazione, con l’ausilio di validi strumenti, può essere eseguita dai genitori in maniera preventiva o in caso di dubbi sul comportamento dei propri figli. In molti hanno installato sul cellulare del proprio figlio/a uno software spia Endoacustica Europe che gli permette di tenere sotto controllo il traffico telefonico, osservare gli spostamenti ed anche ascoltare in ambientale cosa accade attorno al cellulare. Insomma un sistema di sorveglianza a 360° che in molti casi ha impedito il verificarsi di situazioni come quella descritta.

Intercettata anche la Merkel

febbraio 11, 2014 Intercettazioni No Comments

Anche i potenti non possono dormire sonni tranquilli. Sistemi di intercettazione e spionaggio non si fermano davanti a nessuno. E’ questo il caso del cancelliere tedesco Angela Merkel. Il cui telefono cellulare potrebbe essere stato intercettato dalle agenzie di intelligence Usa nell’ambito dello scandalo Datagate. Il governo tedesco ha immediatamente chiesto una “spiegazione immediata” da parte dell’amministrazione di Barack Obama.

Ma il presidente USA ha rassicurato Angela Merkel. Gli Stati Uniti “non tengono sotto controllo e non terranno sotto controllo” le sue comunicazioni. Da notare, però, che si fa riferimento solo al presente e al futuro, senza accennare a possibili attività di spionaggio avvenute in passato ai danni della tedesca. Il cancelliere ha avuto una conversazione telefonica con Obama ed ha chiarito che se gli indizi che hanno generato i sospetti del governo tedesco dovessero rivelarsi fondati, “tale pratica sarebbe del tutto inaccettabile”. Si tratterebbe di un grave “abuso di fiducia” e le intercettazioni dovrebbero “cessare immediatamente”.

Per quanto riguarda l’Italia, Letta a dichiarato: “Mi sento di escludere che i servizi sapessero”, ha detto, sottolineando come non c’è nessun evidenza che quanto accaduto in Francia sia successo anche in Italia. Su questo non ci sono prove fondate.
Intanto ill Parlamento europeo con una risoluzione passata a larga maggioranza aveva chiesto all’Ue di sospendere l’accordo con gli Usa per il programma anti-terrorismo di tracciamento delle finanze. La proposta è stata però bocciata dalla Commissione europea. L’Europa chiederà però nuove “rassicurazioni scritte” agli Stati Uniti sul corretto utilizzo dei dati europei.

La verità è che molti “potenti” e non si stanno ben attrezzando contro le intercettazioni indiscriminate. In tanti hanno adottato gli Stealth Phone, telefoni cellulari impossibili da intercettare che consentono quindi chiamate in tutta sicurezza. E sappiamo quanto è importante la privacy per i grandi interessi dei governatori e a maggior ragione per chi deve tutelare ciò che ha.

Adesca ragazzino via sms, all’appuntamento trova i carabinieri

settembre 12, 2013 Spyphone No Comments

Ha adescato un minorenne via sms, ma al tanto atteso appuntamento si è ritrovato i carabinieri messi in allarme dai genitori del ragazzo. Così un 29enne di Sannicola, disoccupato, incaricato saltuariamente di svolgere lavori socialmente utili, è stato denunciato.

In realtà l’intervento dei carabinieri della stazione di Sannicola è avvenuto grazie all’attenzione dei genitori del ragazzo. Il giorno prima il papà dell’undicenne si era accorto che c’era qualcosa che non andava nei messaggi ricevuti dal figlio. Il genitore aveva infatti installato un software spia Endoacustica sul telefono del ragazzo. Con questo programmino ha accesso al contenuto di chiamate e messaggi in entrata o in uscita, conosce la posizione del telefono e può ascoltare in ambientale ciò che avviene attorno.

Nello specifico, l’uomo, infastidito dalle richieste insistenti inviate dal 29enne, ne ha parlato con il ragazzino e insieme hanno preso la decisione di interessare i carabinieri.

 Seguendo le indicazioni dei militari, il papà si è sostituito al figlio al fine di stanare il presunto pedofilo. L’uomo, che nel frattempo aveva fatto più esplicite le sue avances, ha fissato un appuntamento con l’undicenne. Si sono presentati, però, i carabinieri che hanno sequestrato il cellulare dell’uomo ed informato il magistrato. L’esame della memoria del telefono consentirà di verificare se l’uomo abbia inviato sms “insoliti” anche ad altri minorenni.

Piccoli accorgimenti hanno condotto ad un lieto fine. L’uso di strumenti di controllo per cellulari e pc è ormai caldamente consigliato dagli esperti dell’educazione tramite media. Conoscere cosa avviene nella vita del proprio figlio senza privarlo della sua libertà aiuta a costruire relazioni trasparenti e soprattutto protegge gli adolescenti dalle insidie delle nuove tecnologie.

Cosa fa mio figlio sui social network?

È una domanda che attanaglia la maggior parte dei genitori in tutto il mondo. A dare una risposta ci ha provato uno studio del Pew Research Center di Washington. L’indagine riguarda la gestione della privacy e dei profili da parte dei teenager. Il campione di riferimento riguarda oltre 800 ragazzi dai 12 ai 17 anni.

Ne è risultato che su Facebook, solitamente il social più utilizzato, il 60% degli intervistati mantiene il profilo privato; ben il 14%, invece, ha dichiarato di lasciare il profilo completamente pubblico. E’ bene sottolineare che, per quanto riguarda il social network di Zuckerberg, la soglia di privacy in entrambi i casi è veramente molto labile, dato che, anche chi mantiene il profilo privato può essere rintracciato e contattato.

Come se non bastasse, in molti condividono anche il proprio numero di cellulare. Stranamente ne è risultato che più aumentano i contatti, più accrescono le informazioni condivise, di ogni tipo. Infatti chi ha meno di 150 amici lo condivide nell’8% dei casi, chi ne ha oltre 600 lo fa nel 32% dei casi e così via. Intelligente è l’iniziativa di molti genitori di installare software di controllo sui cellulari dei propri figli. Questi non mettono alla prova la fiducia verso essi, anzi la migliorano. Avendo un ampio controllo sullo strumento (chiamate, sms, localizzazione e ascolto ambientale) permettono ai ragazzi maggiore autonomia nella gestione dello stesso e in maniera del tutto sicura.

Per quanto riguarda la condivisione della propria posizione, molti ragazzi utilizzano FourSquare e altre applicazioni simili, per mostrare in tempo reale dove si trovano e cosa fanno. Nella maggior parte dei casi gli “amici” dei teenager sono compagni di scuola, parenti, amici di scuole diverse, celebrità, allenatori e/o insegnanti. Ma allo stesso tempo è venuta fuori anche una certa facilità nell’inserimento nelle proprie cerchie di persone mai viste, non necessariamente coetanei.

Alla fine l’inserimento di età o dettagli personali al momento dell’iscrizione non è un problema, si può sempre mentire.
Ciò che è emerso dallo studio è stata sostanzialmente una eccessiva mania di condivisione sui social, dove si finisce sommersi da informazioni inutili o poco adatte alla propria fascia d’età e ai propri interessi.

Purtroppo a questo non possono rispondere i comuni sistemi di controllo integrati nei software dei pc, facilmente disinstallabili. Validi strumenti potrebbero essere la chiavetta anti-porno o le key hunter : nel primo caso si tratta di una semplice chiavetta usb che non interferisce con le normali attività di un pc, ma è in grado di bloccare e rimuovere tutti i contenuti pornografici o erotici. Per quanto riguarda le key hunter, sono piccolissimi dispositivi che si adattano alle diverse esigenze, registrano tutti i caratteri digitati sulla tastiera, password e chat comprese ovviamente, evitando spiacevoli sorprese. Tutelare i propri figli è un dovere dei genitori.

Mamma-blogger regala un cellulare al proprio figlio assieme al regolamento per il suo utilizzo

Gregory Hofmann è un tredicenne statunitense che, come molti adolescenti, ha ricevuto un cellulare per Natale. Ma nel pacchetto regalo ha trovato una sorpresa: un contratto. 18 punti per l’esattezza che regolano l’uso dello strumento. A redigerlo la sua meravigliosa mamma.

Regole di comportamento e obblighi a cui mantener fede, pena il sequestro del telefono stesso. La madre del ragazzo non è di certo una sprovveduta, estranea alla tecnologia e all’educazione, anzi è una blogger abbastanza famosa che si occupa di una rubrica sul rapporto con i figli e il ruolo dei genitori sull’Huffington Post, su cui ha reso pubblico anche il contratto. Nel documento si mescolano affetto e autorità: «È il mio telefonino. L’ho comprato, l’ho pagato, lo sto prestando a te. Non sono meravigliosa?». Esordisce la mamma-blogger. Tra i primi obblighi quello di fornire sempre la password utilizzata e di non ignorare mai una chiamata da mamma o papà. Si passa alla consegna del cellulare ai genitori alle 19.30 nei giorni lavorativi, e alle 21 nei weekend. Spento quindi nella notte e divieto assoluto di portarlo a scuola. Nel regolamento passano anche lezioni di vita: «Non fare miliardi di foto e video. Non c’è bisogno di documentare tutto. Vivi le tue esperienze. Saranno salvate nella tua memoria per sempre». E ancora «Non usarlo per offendere altri, non mandare messaggi che non diresti anche a voce, in faccia a qualcuno. Spegnilo in luoghi pubblici».

Senza fronzoli mamma Hofmann centra il bersaglio: «No porno. Cerca informazioni sul web di cui discuteresti apertamente con me. E se hai domande particolari, chiedi a me, o magari a papà», «Non inviare immagini delle tue parti intime, o di qualcun altro. È pericoloso e potrebbe rovinare la tua vita di adolescente e di adulto. Il cyberspazio è vasto e più potente di te. Ed è difficile far scomparire qualcosa del genere, tra cui una cattiva reputazione».

Divertente se vogliamo l’idea della mamma americana. Dietro questo documento si nascondono le paure di numerosi genitori che non hanno il controllo dei dispositivi mobile dei propri figli e l’utilizzo degli stessi non è sempre consapevole. Dare un regolamento può essere una buona idea, ma non del tutto. La consapevolezza di essere tenuto sotto controllo potrebbe facilmente portare il ragazzo a trasgredire per “altre vie”. Molti genitori utilizzano software spia che, installati sul cellulare dei propri figli, permette loro di conoscere tutto ciò che avviene sul telefono in ogni momento, compresa la posizione GPS e l’ascolto di ciò che avviene attorno al dispositivo. In questo modo si ha la certezza di essere a conoscenza di eventuali pericoli e si lasciano i ragazzi liberi di vivere le proprie esperienze.

Non facciamoci controllare dagli intrusi

E’ Silent Circle, la nuova app sviluppata da Phil Zimmerman che garantirebbe telefonate, sms, email e videochiamate non intercettabili. Grafica molto semplice (simile a quella dell’Iphone) e qualità audio molto vicina alla classica offerta dalle reti di telefonia mobile (VoIP che sfrutta 3G, 4G e Wi-Fi). Il costo “base” si aggirerebbe intorno ai 20 dollari al mese. Come sempre risulta discutibile la validità di una qualsiasi app, a maggior ragione se questa dovrebbe tutelare la nostra sicurezza.

Nell’era della comunicazione senza confini diviene sempre più un bisogno regalarsi dei momenti di privacy in cui nessuno può interferire nelle nostre parole e nei nostri gesti.

Esistono già da tempo dispositivi molto affidabili in grado di intercettare la presenza di microspie e disinnescarle automaticamente, non interferendo nelle normali conversazioni. Inoltre per avere la massima sicurezza a portata di cellulare, sarebbe opportuno acquistare software progettati appositamente per una comunicazione mobile non intercettabile, come Safe&Talk, un prodotto Endoacustica nato per effettuare chiamate criptate su rete GSM. L’attivazione è molto semplice: basta installare il programma sul proprio telefonino e inserire una chiave segreta in grado di trasferire informazioni ad un altro cellulare dotato dello stesso software. In questo modo i dati saranno trasferiti in rete GSM in chiave criptata. Massima affidabilità in brevissimo tempo.

Inoltre per chi volesse un prodotto più professionale per una difesa ancora più elevata potrebbe optare su Gsm Crypto 400, l’unico Encrypted IP Phone presente sul mercato ad aver pubblicato l’intero codice sorgente per permettere valutazioni di qualsiasi genere sulla sua affidabilità. L’Encrypted IP Phone utilizza un sistema di salvataggio codificato per contatti, messaggi, note e files, con protezione di dati sensibili contro l’accesso non autorizzato.
In ogni caso, in tema di sicurezza e difesa personale è sempre opportuno affidarsi ad esperti del settore, Endoacustica potrebbe sicuramente fornire valide soluzioni.

Guida al controspionaggio

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 2)

LEGGI LA PRIMA PARTE… – La scatola di una presa elettrica sembra essere stata spostata. Le prese elettriche sono tra i punti dove più frequentemente vengono nascosti dispositivi di intercettazione, così come lo sono i rilevatori di fumo, le lampade o gli interruttori. Se notate della sporcizia (tipo segatura o …

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 1)

A casa, in ufficio ed in qualsiasi posto vi troviate potreste essere spiati. Chiunque voi siate, e qualsiasi cosa facciate, vi può capitare di incontrare persone che, per interesse o per avidità di potere, desiderano di venire in possesso di vostre informazioni riservate, sia per danneggiarvi che per ottenere un …

Il fisco controllerà anche i telefoni

Tra le grandi manovre di controllo che si stanno operando per monitorare i contribuenti, pare che gli agenti 007 dell’Agenzia delle Entrate si stiano concentrando sulle intercettazioni del nostro cellulare. Iphone, Samsung o qualsiasi altra marca sia, il fisco non si pone limiti. Non si tratta di spiare il contenuto …

Guide alla videosorveglianza

Come arrestare il key bumbing, il furto senza traccia

La nuova frontiera dei furti, per ladri in continuo aggiornamento, è il “key bumping”. Si tratta dell’arte di aprire le porte delle abitazioni senza lasciare segni di effrazione. A Roma, i Carabinieri hanno arrestato una banda di georgiani, ben 37 persone, specializzate in furti in appartamenti nella città e in provincia. L’organizzazione criminale è risultata responsabile di decine di colpi in appartamenti, e in particolare, è specializzata nella tecnica consente …

I consigli del ladro per una difesa ottimale contro i furti in estate.

furti in appartamento

Le vacanze, per molte famiglie italiane, sono già iniziate. Le città si svuotano e le case rimangono sempre più isolate, soprattutto se i vicini decidono di partire nello stesso periodo. Quella delle vacanze estive, quindi, diventa un’occasione per ladri, professionisti e no, per entrare in azione, in quanto hanno meno possibilità di essere visti e acciuffati e possono, così, agire con più calma. Il giornale napoletano “Il Mattino” proprio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 4 – Visione filmati e integrazione

Passiamo alla quarta ed ultima parte della nostra guida, rispondendo a domande su come visualizzare i video di sorveglianza e come integrare le proprie apparecchiature di sorveglianza con altri sistemi video. 6. Visualizzare i video La maggior parte dei video di sorveglianza non viene mai vista da esseri umani, se non per indagini storiche. Alcuni sistemi a circuito chiuso consentono la visione in diretta, ad esempio come sistemi antitaccheggio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 3 – Salvataggio filmati e analisi video

Proseguiamo con le nostre 7 domande, con la parte dedicata ai supporti di salvataggio dei filmati video, e all’analisi dei filmati registrati. 4. Salvataggio I video di sorveglianza sono quasi sempre salvati per recupero e revisione. La durata media dello stoccaggio è tra i 30 e i 90 giorni, anche se in alcuni casi il periodo può essere più breve, o durare anche per qualche anno. I due elementi più …

Contattaci


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

CONTATTACI SU SKYPE

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Intercettazioni.eu

Un aggregatore di articoli e guide online, su argomenti legati allo spionaggio, contro spionaggio, controllo accessi, intercettazioni, Sicurezza personale, protezione dei propri beni e dei vostri affetti.

Ricerca intestatario numero di cellulare

Vuoi sapere il titolare di un numero di telefono cellulare? o viceversa vuoi conoscere il numero di telefono partendo dall'intestatario? I numeri esteri non sono un problema! Chiamaci: 0803026530

Fornitura di sim card anonime

In abbinamento con i nostri telefoni cellulari Stealth Phone, per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza alle vostre conversazioni telefoniche, da oggi possiamo offrirvi anche una serie di schede SIM anonime, per ottenere le quali non c’è bisogno di alcuna registrazione.
Chiamaci per saperne di piu' allo 0803026530!

Recupero sms cancellati

Recuperiamo sms, dati cancellati da sim card e telefoni cellulari. Devi inviarci la sim card e/o il telefono cellulare. In meno di una settimana riceverai i dati estratti per e-mail o per posta. Chiamaci per ulteriori informazioni: 0803026530

Come localizzare un cellulare

Come si fà a localizzare un cellulare?. Tutti i telefoni cellulari una volta accesi e collegati alla rete dei provider telefonici mobili sono rintracciabili geograficamente. Chiamaci per saperne di piu': 0803026530

Sblocco codici autoradio

Il codice di un autoradio è unico, per ogni radio associata ad ogni telaio, in genere si trova scritto a penna in qualche libretto di garanzia o manutenzione dalla concessionaria. Se è impossibile ritrovarlo, chiamaci: 0803026530

Recupero password perse

Hai dimenticato la tua password per Excel, word, myspace, aol, facebook, yahoo, msn, hotmail, live, gmail, libero, aim, aol....etc? Possiamo aiutarti, chiamaci: 0803026530