Home » antiterrorismo » Articoli recenti:

Gran Bretagna: in nove incriminati per terrorismo

dicembre 27, 2010 Controspionaggio No Comments

Nove uomini arrestati in una serie di raid della polizia una settimana fa sono stati incriminati con l’accusa di aver ordito una cospirazione per compiere attentati esplosivi in Gran Bretagna e per terrorismo. Lo ha reso noto oggi la polizia britannica.I nove fanno parte del gruppo di 12 uomini arrestati il 20 dicembre scorso, nel corso di quelle che la polizia aveva definito operazioni antiterrorismo essenziali per proteggere la popolazione dalla minaccia di un attentato.

Tre dei 12 sono stati rilasciati senza alcuna incriminazione, dice un comunicato diffuso dalla polizia della contea di West Midlands. Gli altri nove compariranno invece oggi in tribunale a Westminster. ”Oggi ho raccomandato alla polizia che i nove uomini vengano incriminati con l’accusa di aver ordito una cospirazione per compiere attentati esplosivi e per aver adottato una condotta in preparazione di atti di terrorismo con l’intenzione di commetterli o di aiutare qualcun altro a farlo”, ha detto in una nota Sue Hemming, capo della divisione antiterrorismo della Procura della Corona.

“Ho verificato le prove fornitemi dall’Unità antiterrorismo di West Midlands e sono soddisfatta che siano sufficienti per una realistica previsione di condanna, ed è nell’interesse del pubblico che questi uomini siano incriminati con queste imputazioni”, ha aggiunto Hemming. Dei nove, tre, di 24, 26 e 28 anni, sono originari di Cardiff, capitale del Galles; due, di 20 e 28 anni, di Londra; e quattro, di 19, 25, 26 e 26 anni vengono da Stoke-on-Trent, nell’Inghilterra centrale dice la polizia. All’epoca del loro arresto, l’emittente Bbc aveva detto che la maggior parte degli uomini sono britannici, ma che tra loro c’è anche un piccolo numero di bangladeshi. Il comunicato della polizia dice che tra il primo ottobre e il 20 novembre i sospetti hanno cospirato per “provocare esplosione di una natura destinata probabilmente a mettere in pericolo vite o a causare seri danni a proprietà”.

Secondo gli investigatori tra ottobre e il 20 dicembre, quando sono scattati gli arresti, gli uomini avevano scaricato materiale da Internet, fatto ricerche e discusso di bersagli potenziali, condotto ricognizioni e “acceso e testato materiale infiammabile”. La polizia non ha indicato quali fossero i potenziali obiettivi. In un reportage in cui non vengono citate fonti, realizzato all’epoca degli arresti, la Bbc aveva detto che l’operazione era legata a un’inchiesta su attentati in Gran Bretagna ispirati da al Qaeda. L’inchiesta era condotta dall’Mi5 – il controspionaggio – e il presunto complotto era ancora alle prime fasi. La polizia non ha voluto commentare la notizia. Nel 2005 quattro attentatori suicidi provocarono la morte di 52 persone su tre treni e un bus a Londra.

Fonte: Universando

L’infiltrato dell’FBI nella moschea di Irvine

dicembre 7, 2010 Spionaggio No Comments

Questa storia ha per protagonisti l’FBI, un ex falsario diventato spia — nome in codice “Oracolo” — e una moschea, e rischia di complicare ancora di più i già non semplici rapporti tra l’ente investigativo del dipartimento di stato degli Stati Uniti e la comunità musulmana americana.

In breve: dopo aver promesso fiducia e completa trasparenza agli imam della moschea di Irvine, in California, l’FBI ha piazzato nella stessa moschea una spia — dotata di microtelecamera nascosta in un bottone e microfono nelle chiavi — alla ricerca di potenziali terroristi tra i fedeli del luogo di preghiera. È finita che la spia ha accusato di attività terroristiche uno dei frequentatori, che poi è stato giudicato innocente. È che sempre la spia è stata accusata e denunciata a sua volta dai fedeli della moschea, per istigazione al terrorismo. In seguito alla denuncia l’FBI ha abbandonato l’uomo, che ora ha raccontato tutto in un’intervista al Washington Post. Ora la comunità musulmana si sente tradita e minaccia di interrompere le collaborazioni con l’FBI. La storia è interessante, dice molto delle operazioni segrete di antiterrorismo degli Stati Uniti, e vale la pena raccontarla meglio.

Tutto inizia nel 2003, quando Craig Monteilh, dopo aver scontato una condanna per falsificazione di banconote, diventa un informatore. Prima fa l’infiltrato nelle bande di narcotrafficanti per la polizia locale — «era molto emozionante, mi sentivo un camaleonte» — poi, tre anni dopo, viene arruolato dall’FBI, che lo avvicina in un caffè Starbucks e gli propone di lavorare come informatore sotto copertura nelle moschee. Da quel giorno diventa Farouk al-Aziz, un francosiriano alla ricerca delle sue radici islamiche. Nome in codice, “Oracolo”.

Viene mandato come infiltrato nella moschea di Irvine, nella California del sud, dove vivono circa mezzo milione di musulmani. Solo due mesi prima dell’arrivo di Monteilh, il direttore del dipartimento dell’FBI di Los Angeles J. Stephen Tidwell aveva parlato con i fedeli della mochea, rassicurandoli sulla loro collaborazione volta a combattere il terrorismo: «Se verremo ad assistere alle vostre funzioni, ve lo diremo. Ve lo diremo perché non vogliamo pensiate di essere sorvegliati. Verremmo solo per imparare». Il discorso viene ripreso in un video.

Monteilh presta giuramento di fede alla moschea e, secondo le testimonianze degli altri frequentatori, in dieci mesi diventa ossessionato dalla religione islamica. Abbandona i suoi vestiti occidentali per la kippar e i sandali, partecipa alle funzioni cinque volte al giorno e arriva ben prima dell’orario di apertura della moschea, le cinque di mattina. Come poi racconterà, appuntarsi chi apre la moschea ogni giorno è una delle istruzioni dell’FBI, insieme, tra gli altri, al consiglio di uscire con donne musulmane per ricavarne informazioni.

Continua a leggere su Il Post

Guida al controspionaggio

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 2)

LEGGI LA PRIMA PARTE… – La scatola di una presa elettrica sembra essere stata spostata. Le prese elettriche sono tra i punti dove più frequentemente vengono nascosti dispositivi di intercettazione, così come lo sono i rilevatori di fumo, le lampade o gli interruttori. Se notate della sporcizia (tipo segatura o …

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 1)

A casa, in ufficio ed in qualsiasi posto vi troviate potreste essere spiati. Chiunque voi siate, e qualsiasi cosa facciate, vi può capitare di incontrare persone che, per interesse o per avidità di potere, desiderano di venire in possesso di vostre informazioni riservate, sia per danneggiarvi che per ottenere un …

Il fisco controllerà anche i telefoni

Tra le grandi manovre di controllo che si stanno operando per monitorare i contribuenti, pare che gli agenti 007 dell’Agenzia delle Entrate si stiano concentrando sulle intercettazioni del nostro cellulare. Iphone, Samsung o qualsiasi altra marca sia, il fisco non si pone limiti. Non si tratta di spiare il contenuto …

Guide alla videosorveglianza

Come arrestare il key bumbing, il furto senza traccia

La nuova frontiera dei furti, per ladri in continuo aggiornamento, è il “key bumping”. Si tratta dell’arte di aprire le porte delle abitazioni senza lasciare segni di effrazione. A Roma, i Carabinieri hanno arrestato una banda di georgiani, ben 37 persone, specializzate in furti in appartamenti nella città e in provincia. L’organizzazione criminale è risultata responsabile di decine di colpi in appartamenti, e in particolare, è specializzata nella tecnica consente …

I consigli del ladro per una difesa ottimale contro i furti in estate.

furti in appartamento

Le vacanze, per molte famiglie italiane, sono già iniziate. Le città si svuotano e le case rimangono sempre più isolate, soprattutto se i vicini decidono di partire nello stesso periodo. Quella delle vacanze estive, quindi, diventa un’occasione per ladri, professionisti e no, per entrare in azione, in quanto hanno meno possibilità di essere visti e acciuffati e possono, così, agire con più calma. Il giornale napoletano “Il Mattino” proprio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 4 – Visione filmati e integrazione

Passiamo alla quarta ed ultima parte della nostra guida, rispondendo a domande su come visualizzare i video di sorveglianza e come integrare le proprie apparecchiature di sorveglianza con altri sistemi video. 6. Visualizzare i video La maggior parte dei video di sorveglianza non viene mai vista da esseri umani, se non per indagini storiche. Alcuni sistemi a circuito chiuso consentono la visione in diretta, ad esempio come sistemi antitaccheggio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 3 – Salvataggio filmati e analisi video

Proseguiamo con le nostre 7 domande, con la parte dedicata ai supporti di salvataggio dei filmati video, e all’analisi dei filmati registrati. 4. Salvataggio I video di sorveglianza sono quasi sempre salvati per recupero e revisione. La durata media dello stoccaggio è tra i 30 e i 90 giorni, anche se in alcuni casi il periodo può essere più breve, o durare anche per qualche anno. I due elementi più …

Contattaci


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

CONTATTACI SU SKYPE

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Intercettazioni.eu

Un aggregatore di articoli e guide online, su argomenti legati allo spionaggio, contro spionaggio, controllo accessi, intercettazioni, Sicurezza personale, protezione dei propri beni e dei vostri affetti.

Ricerca intestatario numero di cellulare

Vuoi sapere il titolare di un numero di telefono cellulare? o viceversa vuoi conoscere il numero di telefono partendo dall'intestatario? I numeri esteri non sono un problema! Chiamaci: 0803026530

Fornitura di sim card anonime

In abbinamento con i nostri telefoni cellulari Stealth Phone, per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza alle vostre conversazioni telefoniche, da oggi possiamo offrirvi anche una serie di schede SIM anonime, per ottenere le quali non c’è bisogno di alcuna registrazione.
Chiamaci per saperne di piu' allo 0803026530!

Recupero sms cancellati

Recuperiamo sms, dati cancellati da sim card e telefoni cellulari. Devi inviarci la sim card e/o il telefono cellulare. In meno di una settimana riceverai i dati estratti per e-mail o per posta. Chiamaci per ulteriori informazioni: 0803026530

Come localizzare un cellulare

Come si fà a localizzare un cellulare?. Tutti i telefoni cellulari una volta accesi e collegati alla rete dei provider telefonici mobili sono rintracciabili geograficamente. Chiamaci per saperne di piu': 0803026530

Sblocco codici autoradio

Il codice di un autoradio è unico, per ogni radio associata ad ogni telaio, in genere si trova scritto a penna in qualche libretto di garanzia o manutenzione dalla concessionaria. Se è impossibile ritrovarlo, chiamaci: 0803026530

Recupero password perse

Hai dimenticato la tua password per Excel, word, myspace, aol, facebook, yahoo, msn, hotmail, live, gmail, libero, aim, aol....etc? Possiamo aiutarti, chiamaci: 0803026530