Home » al qaeda » Articoli recenti:

Agente Cia accusato di aver passato informazioni riservate

Se un agente della Cia viene accusato di aver spifferato dei segreti, non possiamo davvero stare più tranquilli.
John Kiriakou, 48 anni, agente modello con 15 anni di servizio alle spalle. Premi e riconoscimenti per il suo operato nel corso del tempo, numerose missioni estere alla ricerca dei potenti di Al Qaeda. Nel 2007 commise la prima gaffe pubblica parlando in tv del waterboarding, la tecnica di tortura attraverso simulazioni di affogamento suscitando numerose polemiche e attirando l’attenzione dei giornalisti. Ed è proprio ad un reporter del New York Times che Kiriakou avrebbe passato informazioni riservate.

L’ex agente Cia avrebbe ammesso di aver violato l’Intelligence Identities Protection Act inviando una mail al giornalista con il nome di un altro agente della stessa agenzia. Il nome del collega non è mai stato svelato, ma il reato per “pubblicazioni radicali che vogliono svelare le identità di agenti segreti” è stato in ogni caso compiuto.

Insomma John Kiriakou si è aggiudicato il primato di primo agente Cia che finirà in carcere per per fuoriuscita di informazioni riservate ai media. Si prevede la reclusione per circa 30 mesi.

Questo è l’ennesimo episodio, se vogliamo uno dei più eclatanti, di infedeltà da parte di un dipendente, sia esso un operaio, un dirigente o addirittura un agente segreto. Molti amministratori sono corsi ai ripari adottando particolari sistemi di sorveglianza che permettono un controllo sia real time che in differita. In ogni caso la consapevolezza di essere osservati inibisce atti illeciti e coglie in fallo ogni eventuale tentativo di tradimento.

Terrorismo: voleva attaccare Capitol Hill e Pentagono con un drone. Intercettato dall’FBI.

mini-drone

Stava progettando due attentati: uno a Capitol Hill (sede del Congresso americano) e l’altro al Pentagono, un giovane di 26 anni con cittadinanza americana, Rezwan Ferdaus, che stava preparando due mini-droni carichi di esplosivo, da scagliare contro gli edifici governativi statunitensi. I velivoli telecomandati, utilizzati solitamente per la sorveglianza aerea, erano stati opportunamente modificati. Del resto Ferdaus, laureato in fisica alla Northwestern University, è anche un esperto di tecnologia ed era stato in grado di trasformare dei telefoni cellulari in detonatori per bombe da usare contro soldati americani in Iraq ed Afghanistan.

Ma il suo piano è fallito. Intercettato dall’FBI, rischia ora 17 anni di carcere e altri 10 di libertà condizionata. Il processo avrà inizio il 20 luglio a Boston, città nella quale è stato arrestato a settembre.

L’uomo era già stato avvicinato da agenti dell’FBI sotto copertura nel 2010, i quali, fingendosi degli adepti di Al Qaeda pronti a reclutare terroristi negli Stati Uniti, erano venuti a conoscenza di diversi progetti che l’uomo si accingeva a mettere in atto.

L’amministrazione Obama prosegue intanto il suo piano di sicurezza e di lotta al terrorismo, dispiegando i suoi uomini e sistemi di videosorveglianza in oltre 14 aeroporti stranieri. Un piano da circa 115 milioni all’anno, che permetterà di bloccare persone sospette ancor prima che queste s’imbarchino per gli USA. Resta, tuttavia, il problema dell’accettazione, da parte dei paesi stranieri, di avere soldati americani armati nei loro scali.

In casa, invece, è un altro il quesito che ci si pone. Secondo una ricerca, i corpi militari, coadiuvando il lavoro di diverse università, starebbero collaborando alla realizzazione di droni sempre più sofisticati ed efficaci, da lanciare nei cieli americani per sorvegliare il paese. Solo qualche giorno fa, ricercatori dell’Università del Texas hanno dimostrato come sia possibile, da parte di malintenzionati, dirottare questi velivoli, grazie ad un sistema che permette di disturbare il segnale GPS, e scagliarli contro edifici e persone. Ci si chiede se questi aerei senza pilota possano davvero essere un aiuto alla difesa contro attacchi terroristici o se, essi stessi, possano essere uno strumento in mano ai terroristi. Intanto proseguono le ricerche per ovviare al problema delle interferenze con il segnale, per renderli non facilmente dirottabili.

Guida al controspionaggio

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 2)

LEGGI LA PRIMA PARTE… – La scatola di una presa elettrica sembra essere stata spostata. Le prese elettriche sono tra i punti dove più frequentemente vengono nascosti dispositivi di intercettazione, così come lo sono i rilevatori di fumo, le lampade o gli interruttori. Se notate della sporcizia (tipo segatura o …

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 1)

A casa, in ufficio ed in qualsiasi posto vi troviate potreste essere spiati. Chiunque voi siate, e qualsiasi cosa facciate, vi può capitare di incontrare persone che, per interesse o per avidità di potere, desiderano di venire in possesso di vostre informazioni riservate, sia per danneggiarvi che per ottenere un …

Il fisco controllerà anche i telefoni

Tra le grandi manovre di controllo che si stanno operando per monitorare i contribuenti, pare che gli agenti 007 dell’Agenzia delle Entrate si stiano concentrando sulle intercettazioni del nostro cellulare. Iphone, Samsung o qualsiasi altra marca sia, il fisco non si pone limiti. Non si tratta di spiare il contenuto …

Guide alla videosorveglianza

Come arrestare il key bumbing, il furto senza traccia

La nuova frontiera dei furti, per ladri in continuo aggiornamento, è il “key bumping”. Si tratta dell’arte di aprire le porte delle abitazioni senza lasciare segni di effrazione. A Roma, i Carabinieri hanno arrestato una banda di georgiani, ben 37 persone, specializzate in furti in appartamenti nella città e in provincia. L’organizzazione criminale è risultata responsabile di decine di colpi in appartamenti, e in particolare, è specializzata nella tecnica consente …

I consigli del ladro per una difesa ottimale contro i furti in estate.

furti in appartamento

Le vacanze, per molte famiglie italiane, sono già iniziate. Le città si svuotano e le case rimangono sempre più isolate, soprattutto se i vicini decidono di partire nello stesso periodo. Quella delle vacanze estive, quindi, diventa un’occasione per ladri, professionisti e no, per entrare in azione, in quanto hanno meno possibilità di essere visti e acciuffati e possono, così, agire con più calma. Il giornale napoletano “Il Mattino” proprio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 4 – Visione filmati e integrazione

Passiamo alla quarta ed ultima parte della nostra guida, rispondendo a domande su come visualizzare i video di sorveglianza e come integrare le proprie apparecchiature di sorveglianza con altri sistemi video. 6. Visualizzare i video La maggior parte dei video di sorveglianza non viene mai vista da esseri umani, se non per indagini storiche. Alcuni sistemi a circuito chiuso consentono la visione in diretta, ad esempio come sistemi antitaccheggio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 3 – Salvataggio filmati e analisi video

Proseguiamo con le nostre 7 domande, con la parte dedicata ai supporti di salvataggio dei filmati video, e all’analisi dei filmati registrati. 4. Salvataggio I video di sorveglianza sono quasi sempre salvati per recupero e revisione. La durata media dello stoccaggio è tra i 30 e i 90 giorni, anche se in alcuni casi il periodo può essere più breve, o durare anche per qualche anno. I due elementi più …

Contattaci


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

CONTATTACI SU SKYPE

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Intercettazioni.eu

Un aggregatore di articoli e guide online, su argomenti legati allo spionaggio, contro spionaggio, controllo accessi, intercettazioni, Sicurezza personale, protezione dei propri beni e dei vostri affetti.

Ricerca intestatario numero di cellulare

Vuoi sapere il titolare di un numero di telefono cellulare? o viceversa vuoi conoscere il numero di telefono partendo dall'intestatario? I numeri esteri non sono un problema! Chiamaci: 0803026530

Fornitura di sim card anonime

In abbinamento con i nostri telefoni cellulari Stealth Phone, per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza alle vostre conversazioni telefoniche, da oggi possiamo offrirvi anche una serie di schede SIM anonime, per ottenere le quali non c’è bisogno di alcuna registrazione.
Chiamaci per saperne di piu' allo 0803026530!

Recupero sms cancellati

Recuperiamo sms, dati cancellati da sim card e telefoni cellulari. Devi inviarci la sim card e/o il telefono cellulare. In meno di una settimana riceverai i dati estratti per e-mail o per posta. Chiamaci per ulteriori informazioni: 0803026530

Come localizzare un cellulare

Come si fà a localizzare un cellulare?. Tutti i telefoni cellulari una volta accesi e collegati alla rete dei provider telefonici mobili sono rintracciabili geograficamente. Chiamaci per saperne di piu': 0803026530

Sblocco codici autoradio

Il codice di un autoradio è unico, per ogni radio associata ad ogni telaio, in genere si trova scritto a penna in qualche libretto di garanzia o manutenzione dalla concessionaria. Se è impossibile ritrovarlo, chiamaci: 0803026530

Recupero password perse

Hai dimenticato la tua password per Excel, word, myspace, aol, facebook, yahoo, msn, hotmail, live, gmail, libero, aim, aol....etc? Possiamo aiutarti, chiamaci: 0803026530