Guida alla sorveglianza video: parte 2 – Collegamenti e sistema gestione video

Guida alla sorveglianza video: parte 2 – Collegamenti e sistema gestione video

Continuiamo a rispondere alle 7 domande fondamentali da porsi quando si decide di installare un sistema di monitoraggio video, con questioni riguardanti la connettività e il sistema di gestione video.

2. Connettività

Nella sorveglianza professionale, le telecamere sono collegate a sistemi di gestione video, per registrare filmati e visualizzarli in seguiti. Le caratteristiche principali sono due.

2.1 IP vs analogico: I video possono essere trasmessi attraverso la rete di computer (IP) oppure come video analogici. Attualmente il mercato tende a spostarsi verso la trasmissione IP, che può essere usata per trasmettere anche i filmati analogici.
Al contrario delle telecamere analogiche, quelle IP si possono collegare direttamente ad una rete IP (proprio come il vostro PC); tuttavia, è possibile installare un encoder per trasmettere filmati analogici via IP. L’encoder trasforma il video analogico in un flusso di dati digitali da trasmettere via IP.

2.2 Cablatura vs Wireless: I video possono essere inviati tramite cavi o via rete wireless, a seconda che si usi un video analogico o IP. Oltre il 90% dei video viene inviato via cavo; tuttavia, il wireless è un’opzione importante per la trasmissione di video in luoghi dove l’installazione di cavi può essere costosa, scomoda o pericolosa.

3. Sistema di gestione video

Il sistema di gestione video è il fulcro delle soluzioni di videosorveglianza, che riceve i filmati dalle telecamere, li memorizza e ne gestisce la visione.

Ci sono quattro opzioni fondamentali nei sistemi di gestione video, anche combinabili tra loro.

3.1 DVR sono computers che combinano software, hardware e salvataggio dei video, tutto in uno. Per definizione, possono ricevere solo filmati analogici. Quasi tutti supportano la visione remota via Internet.
I DVR sono molto semplici da installare, ma limitano notevolmente la flessibilità e le possibilità di espansione; essi sono ancora oggi l’opzione più comune tra gli acquirenti professionali, anche se le altre 3 categorie si stanno rapidamente affermando.

3.2 HDVR o DVR ibridi, sono DVR che supportano telecamere IP. Hanno tutte le funzionalità di un DVR, a cui aggiungere il supporto per IP e telecamere megapixel. La maggior parte dei DVR può essere aggiornato per diventare HDVR, con un costo di migrazione piuttosto basso.

3.3 NVR come i DVR in tutto, tranne per il supporto della telecamera. Mentre un DVR supporta solo telecamere analogiche, un NVR supporta solo le telecamere IP, e se lo si vuole usare con una telecamera analogica, occorre munirsi di un encoder.

3.4 IP Video Surveillance Software è un’applicazione software, da installare su PC o server ove salvare i dati video. Ciò consente maggiore libertà e costo potenzialmente inferiore, ma l’installazione e la configurazione del computer può esser notevolmente più complessa. Nonostante questo, l’uso di un software è la tendenza più diffusa attualmente, specialmente per la gestione di un gran numero di telecamere.

(Continua con la Parte 3)



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.