Oltre 36milioni di euro sottratti alle banche europee dagli hacker

In questi anni numerosi cittadini di tutto il mondo hanno fatto ricorso a cellulari anti intercettazioni sentendosi sempre più controllati sotto la lente di ingrandimento di enti non autorizzati al controllo. Non hanno ben pensato alla tutela della propria privacy invece numerose banche europee che si sono viste sottrarre oltre 36 milioni di euro da un gruppo di hacker.
Il Financial Times ha riportato che si tratterebbe del primo caso di furto che ha preso specificatamente di mira le procedure di sicurezza sui servizi bancari via internet che sfruttano i cellulari. Alla base della frode ci sarebbe un trojan a due stati, un virus inizialmente dormiente sui PC degli utenti che si trasferiva sui loro smartphone. A questo punto il trojan, avendo infettato entrambi i dispositivi, poteva registrare i codici di verifica inviati sui cellulari e utilizzarli per creare una sessione di online banking in parallelo effettuando trasferimenti su altri conti. La truffa avrebbe riguardato 30 mila utenti bancari online di Germania, Italia, Spagna e Olanda, dice il Financial Times. Nello specifico, sono stati presi di mira dispositivi mobili Android e Blackberry.

Diverse società che si occupano di sicurezza online, hanno pubblicato report in cui spiegano la dinamica dell’attacco in maniera più specifica. Il sistema è stato creato su misura per superare i sistemi di sicurezza online delle banche costituiti generalmente da due livelli: il primo è sviluppato quando un cliente che deve effettuare un’operazione online, riceve un numero di autenticazione per la specifica transazione (Transaction Authentication Number, Tan) via sms sul cellulare. Successivamente numero Tan viene inserito sul sito per confermare l’operazione e dunque procedere. Potrebbe accadere che il cliente clikki sul link sbagliato, scaricando un trojan che al primo ingresso sul sito di online banking, richiederà di inserire il numero di cellulare, al quale verrà inviata una richiesta di aggiornamento “delle procedure di sicurezza”. Accettando l’aggiornamento, l’utente scarica una variante mobile del trojan (Zitmo), progettata per intercettare gli sms della banca contenenti il numero Tan. Quindi alla prima operazione utile, il trojan intercetta il numero segreto e lo usa per trasferire soldi. L’utilizzatore può rendersi conto della truffa solo quando scopre un ammanco sul suo conto. Le transazioni effettuate in Europa hanno avuto valore compreso tra 500 e 250.000 Euro.

Gli attacchi informatici sono all’ordine del giorno ed in continuo aggiornamento. Sta agli utenti grandi o piccoli che siano dotarsi di validi sistemi di sicurezza su pc e cellulari.

Anche l’abbandono dei cani può essere arginato con l’uso delle telecamere

Hanno abbandonato furtivamente un cane nei pressi di un pub in Inghilterra, ma non hanno tenuto conto delle telecamere a circuito chiuso di un vicino hotel. Dalle immagini è stato facile identificare due donne, di cui una in evidente stato di gravidanza. Le due, hanno legato un cane di razza Rottweiler ad un cancello e poi sono andate via. L’animale è stato ritrovato poco dopo dai dipendenti del pub. Hero, il nome attribuito al cane dai ritrovatori, era ridotto in pessime condizioni, normalmente avrebbe dovuto avere un peso di circa 50 kg, ma pesava solo 22 kg.
Le immagini dell’abbandono sono state acquisite dalla Rspca, la principale charity inglese che si occupa di animali, e si renderanno utili ad individuare le due donne.
Il Daily Mail, riportando la notizia, ha riferito che una delle due donne, dopo aver probabilmente notato la telecamera, ha esitato qualche istante, ma dopo essersi velocemente confrontata con la complice, ha proseguito nella missione legando il cane alle sbarre, mentre l’altra osservava. Anche una volta terminata l’operazione, le due hanno guardato verso la telecamera prima di darsi alla fuga.

Come è evidente in questo episodio, le telecamere di sorveglianza possono non solo salvaguardare la nostra sicurezza, ma anche quella degli altri, siano essi persone o animali. Un ulteriore valido motivo per scegliere di installare microcamere professionali facilmente occultabili in modo da garantirsi e garantire la massima sicurezza.

Oggetti rubati dai bagagli: incastrato addetto dell’aeroporto di Bari

Perdere la valigia in aeroporto non è una vicenda del tutto inusuale. Capita infatti molto spesso che il bagaglio venga smarrito o peggio ancora rubato. E’ il caso di alcuni viaggiatori di passaggio dall’aeroporto Karol Wojtyla di Bari.
Il responsabile dei furti è stato facilmente scovato grazie alle telecamere di sorveglianza e all’attenzione delle guardie in servizio.

La sorpresa è stata che proprio chi doveva garantire la sicurezza delle valigie ha tentato i furti. Si tratta di un 42enne, dipendente di una cooperativa che all’interno dell’aeroporto si occupa dello smistamento dei bagagli. L’uomo è stato sorpreso mentre prelevava alcuni oggetti dalla valigia di una passeggera diretta a Roma Fiumicino, pensando di non essere visto. Una volta fermato, l’operaio, visibilmente imbarazzato, è stato sottoposto a perquisizione. Nel suo armadietto e nella sua abitazione, sono stati rinvenuti altri oggetti, presumibilmente di provenienza illecita. Collane, anelli, telefoni cellulari, oggetti preziosi ed una fotocamera di ultima generazione. Il modus operandi sembrerebbe essere sempre lo stesso: si guardava attorno e quando gli sembrava di non essere visto apriva le valigie,si impossessava degli oggetti di valore che trovava e li nascondeva sotto gli indumenti di lavoro, poi con movimenti goffi li portava al “sicuro”.

Alcune delle vittime dei furti sono state rintracciate ed hanno riconosciuto alcuni oggetti; il barese ha tentato di giustificarsi dicendo di aver trovato gli oggetti per terra o che gli stessi erano fuoriusciti casualmente dai bagagli, ma è stato arrestato con l’accusa di furto aggravato e sottoposto agli arresti domiciliari.
Purtroppo questo episodio non rappresenta un caso isolato; lo scorso aprile otto guardie giurate in servizio presso l’aeroporto di Brindisi sono state arrestate dalla Polizia di Frontiera con l’accusa di aver sottratto in maniera sistematica ed organizzata valigie dirette nella maggior parte dei casi a Pechino o ad Hong Kong.
Molti abituali viaggiatori hanno adottato ormai da tempo valigie di sicurezza per gli oggetti di valore e, sistemi Gps per la tracciabilità del bagaglio. Inserendo dei piccolissimi sistemi nelle borse da viaggio è possibile sapere in tempo reale dove si trovano e intervenire repentinamente qualora queste prendano strane vie. E’ meglio viaggiare in tranquillità, no?

Il fisco controllerà anche i telefoni

Tra le grandi manovre di controllo che si stanno operando per monitorare i contribuenti, pare che gli agenti 007 dell’Agenzia delle Entrate si stiano concentrando sulle intercettazioni del nostro cellulare. Iphone, Samsung o qualsiasi altra marca sia, il fisco non si pone limiti.

Non si tratta di spiare il contenuto delle telefonate, ma di registrare l’entità del traffico telefonico effettuato che potrebbe essere considerato un indice della capacità di spesa e di consumo degli italiani. Inoltre i controlli mirerebbero a monitorare anche gli acquisti effettuati con il cellulare in modo da tracciare tutte le transazioni di denaro. Si tratta degli smartphone abilitati ai pagamento virtuale che entro il 2014 potrebbero essere circa 8milioni. Questi dispositivi saranno dotati di schede sim particolari associate ad una carta di credito. Basterà accostare il telefono ai nuovi Pos, i dispositivi che permettono già oggi i pagamenti con carte, e il versamento sarà effettuato. Così tutte le spese quotidiane anche minime passeranno per il cellulare. Il mobile payment, nei prossimi anni, sarà il cavallo di battaglia del fisco
Le intercettazioni telefoniche sono all’ordine del giorno e altrettanto frequente è l’utilizzo di telefoni criptati che impediscono il controllo sulla propria vita da da parte di soggetti non autorizzati. Con questi particolari software o con telefoni nati appositamente per non essere intercettati, è possibile salvaguardare le proprie conversazioni, i messaggi di testo e non rendere visibile la propria posizione, troppo facilmente rintracciabile con i diffusissimi sistemi GPS.
Il progetto della Agenzie delle Entrate è ancora top secret. Non è noto quando questo sarà reso operativo.

I virus per auto potranno spiare e provocare incidenti

L’informatica è entrata a far parte anche del mondo automobilistico: controllo di trazione, esame della velocità, sensori diagnostici per freni, luci e aria condizionata e se vogliamo anche wireless e bluetooth.
Le autorità specializzate alla verifica ed al corretto funzionamento dei sistemi di sicurezza delle autovetture negli Usa hanno anche scoperto che potrebbero esserci pericoli derivanti da attacchi hacker attraverso “malware” e “trojans” che potrebbero insidiare i sistemi informatici delle autovetture attraverso connessioni, driver e sistemi.
Nessuna casa automobilistica ha confermato queste affermazioni, ma tutte si stanno adoperando per testare i propri strumenti di sicurezza.
La casa automobilistica Ford, ha dichiarato che i tecnici hanno controllato il sistema di sincronizzazione e d’intrattenimento confermando che non vi sono pericoli.
Toyota ha tranquillizzato affermando che i codici informatici delle vetture cambiano continuamente, rendendo difficile l’intrusione di hacker, anche se dal Giappone non ritengono impossibile un’eventuale infezione.
Volkswagen, Hyundai e Nissan non hanno commentato, mentre Honda ha solamente riferito che i tecnici stanno lavorando per gestire la situazione. La casa produttrice di antivirus “McAfee” ha messo in guardia circa la vaghezza di informazioni e chiarimenti che sono stati propinati dalle case produttrici.
Una squadra di hacker della sezione security dell’Intel sta lavorando per ricercare possibili “bug” responsabili del contagio. E’ stato dimostrato che con una infezione via cd si può arrivare a bloccare freni, chiudere porte o spingere l’acceleratore.

E’ innegabile che le case produttrici si sono impegnate ben poco ad affiancare l’avanzamento della tecnologia con validi sistemi di sicurezza all’interno delle autovetture. Se questi non saranno sviluppati al più presto, abili hacker potranno non solo rubare auto e manomettere i sistemi di controllo, ma anche provocare incidenti e ascoltare tutto ciò che accade all’interno dell’abitacolo. Così si potranno eliminare facilmente concorrenti scomodi.
Quest’ultimo aspetto preoccupa le forze dell’ordine, gli imprenditori, ma anche i coniugi infedeli. Essere spiati può mettere a rischio indagini, aziende di successo e relazioni. Diversi sono stati gli esempi di microspie impiantate nelle auto (ad esempio il procuratore Tarondo) e molti hanno arginato la situazione utilizzando strumenti per la bonifica ambientale, attraverso i quali hanno scovato le apparecchiature di spionaggio e le hanno disattivate. Ormai questi prodotti sono divenuti indispensabili per garantirsi la dovuta privacy in auto.

Guida al controspionaggio

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 2)

LEGGI LA PRIMA PARTE… – La scatola di una presa elettrica sembra essere stata spostata. Le prese elettriche sono tra i punti dove più frequentemente vengono nascosti dispositivi di intercettazione, così come lo sono i rilevatori di fumo, le lampade o gli interruttori. Se notate della sporcizia (tipo segatura o …

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 1)

A casa, in ufficio ed in qualsiasi posto vi troviate potreste essere spiati. Chiunque voi siate, e qualsiasi cosa facciate, vi può capitare di incontrare persone che, per interesse o per avidità di potere, desiderano di venire in possesso di vostre informazioni riservate, sia per danneggiarvi che per ottenere un …

Il fisco controllerà anche i telefoni

Tra le grandi manovre di controllo che si stanno operando per monitorare i contribuenti, pare che gli agenti 007 dell’Agenzia delle Entrate si stiano concentrando sulle intercettazioni del nostro cellulare. Iphone, Samsung o qualsiasi altra marca sia, il fisco non si pone limiti. Non si tratta di spiare il contenuto …

Guide alla videosorveglianza

Come arrestare il key bumbing, il furto senza traccia

La nuova frontiera dei furti, per ladri in continuo aggiornamento, è il “key bumping”. Si tratta dell’arte di aprire le porte delle abitazioni senza lasciare segni di effrazione. A Roma, i Carabinieri hanno arrestato una banda di georgiani, ben 37 persone, specializzate in furti in appartamenti nella città e in provincia. L’organizzazione criminale è risultata responsabile di decine di colpi in appartamenti, e in particolare, è specializzata nella tecnica consente …

I consigli del ladro per una difesa ottimale contro i furti in estate.

furti in appartamento

Le vacanze, per molte famiglie italiane, sono già iniziate. Le città si svuotano e le case rimangono sempre più isolate, soprattutto se i vicini decidono di partire nello stesso periodo. Quella delle vacanze estive, quindi, diventa un’occasione per ladri, professionisti e no, per entrare in azione, in quanto hanno meno possibilità di essere visti e acciuffati e possono, così, agire con più calma. Il giornale napoletano “Il Mattino” proprio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 4 – Visione filmati e integrazione

Passiamo alla quarta ed ultima parte della nostra guida, rispondendo a domande su come visualizzare i video di sorveglianza e come integrare le proprie apparecchiature di sorveglianza con altri sistemi video. 6. Visualizzare i video La maggior parte dei video di sorveglianza non viene mai vista da esseri umani, se non per indagini storiche. Alcuni sistemi a circuito chiuso consentono la visione in diretta, ad esempio come sistemi antitaccheggio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 3 – Salvataggio filmati e analisi video

Proseguiamo con le nostre 7 domande, con la parte dedicata ai supporti di salvataggio dei filmati video, e all’analisi dei filmati registrati. 4. Salvataggio I video di sorveglianza sono quasi sempre salvati per recupero e revisione. La durata media dello stoccaggio è tra i 30 e i 90 giorni, anche se in alcuni casi il periodo può essere più breve, o durare anche per qualche anno. I due elementi più …

Contattaci


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

CONTATTACI SU SKYPE

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Intercettazioni.eu

Un aggregatore di articoli e guide online, su argomenti legati allo spionaggio, contro spionaggio, controllo accessi, intercettazioni, Sicurezza personale, protezione dei propri beni e dei vostri affetti.

Ricerca intestatario numero di cellulare

Vuoi sapere il titolare di un numero di telefono cellulare? o viceversa vuoi conoscere il numero di telefono partendo dall'intestatario? I numeri esteri non sono un problema! Chiamaci: 0803026530

Fornitura di sim card anonime

In abbinamento con i nostri telefoni cellulari Stealth Phone, per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza alle vostre conversazioni telefoniche, da oggi possiamo offrirvi anche una serie di schede SIM anonime, per ottenere le quali non c’è bisogno di alcuna registrazione.
Chiamaci per saperne di piu' allo 0803026530!

Recupero sms cancellati

Recuperiamo sms, dati cancellati da sim card e telefoni cellulari. Devi inviarci la sim card e/o il telefono cellulare. In meno di una settimana riceverai i dati estratti per e-mail o per posta. Chiamaci per ulteriori informazioni: 0803026530

Come localizzare un cellulare

Come si fà a localizzare un cellulare?. Tutti i telefoni cellulari una volta accesi e collegati alla rete dei provider telefonici mobili sono rintracciabili geograficamente. Chiamaci per saperne di piu': 0803026530

Sblocco codici autoradio

Il codice di un autoradio è unico, per ogni radio associata ad ogni telaio, in genere si trova scritto a penna in qualche libretto di garanzia o manutenzione dalla concessionaria. Se è impossibile ritrovarlo, chiamaci: 0803026530

Recupero password perse

Hai dimenticato la tua password per Excel, word, myspace, aol, facebook, yahoo, msn, hotmail, live, gmail, libero, aim, aol....etc? Possiamo aiutarti, chiamaci: 0803026530