Home » Difesa della privacy » Articoli recenti:

iPhone a rischio privacy “Colpa dei super-aggregatori”

UN DATABASE di circa 75 milioni di utenti iPhone, ciascuno identificato dal codice seriale del proprio melafonino (UDID). Ma soprattutto, molti dei quali collegati al proprio account Facebook, in modo che dal codice dello smartphone, virtualmente anonimo, sia possibile risalire all’identità del suo proprietario. Tutto questo a disposizione di un singolo sviluppatore di applicazioni ma, per un lungo periodo di tempo, accessibile a chiunque via Internet. Il nuovo rischio privacy per gli utenti iPhone (e iPad) ha un nome piuttosto tecnico, oltre che oscuro: “deanonimizzazione dell’UDID”. Per spiegarlo, in realtà, basta una domanda: cosa succederebbe se uno sviluppatore iPhone, o una delle società che intercettano i dati di utilizzo delle app, potesse identificare gli utenti che usano le applicazioni, creando un database con i dati personali di ciascuno?

Ogni iPhone, come noto solo ai più esperti, conta su un codice unico (UDID) che, quando utilizziamo un’app in rete, viene inviato online e può essere registrato o inoltrato a terzi, anche senza la nostra autorizzazione. “Una ricerca – spiega sul suo blog Aldo Cortesi, esperto di sicurezza neozelandese di Nullcube – mostra che il 68% delle app invia “silenziosamente” l’UDID a server su Internet. Questo è spesso accompagnato da informazioni su come, quando e dove il dispositivo viene usato. La destinazione più comune per questo traffico è Apple, seguita dal network di analisi Flurry e dalla società di social gaming OpenFeint”.

“Queste compagnie – prosegue Cortesi – sono super-aggregatori di informazioni degli utenti collegate agli UDID, in quanto molte app usano il loro software. Dietro i tre grandi, ci sono migliaia di siti di sviluppatori, di server pubblicitari e di piccole società di analisi. La fortuna è che l’UDID del telefono non è collegato alla propria identità reale. Fosse possibile “deanonimizzarlo” si porrebbe un serio problema privacy. Apple ne è a conoscenza, e vieta esplicitamente agli sviluppatori di collegare pubblicamente UDID e account dell’utente”.

Questo fino a qualche settimana fa. Poi, chiediamo ad Aldo Cortesi, cos’è successo?
“Ho scoperto che è possibile collegare un UDID all’identità reale di un utente usando OpenFeint. Nello specifico, usando il codice seriale di un’iPhone, è possibile risalire al profilo Facebook dell’utente in circa il 10% dei casi. Oltre questo, si può ottenere la sua posizione GPS nel 30% dei casi, e altre informazioni potenzialmente identificatrici nel 20% dei casi. Se si considera che OpenFeint ha 75 milioni di utenti, questo è un problema”.

Come è riuscito a risalire a questi dati?
“Il mio lavoro consiste nel collaudare la sicurezza del software e dei dispositivi elettronici. In questo contesto ho scritto “mitmproxy”, un software che mi permette di intercettare il traffico web criptato. Ho usato mitmproxy sul mio iPhone per pura curiosità. E il problema con OpenFeint è stato subito ovvio: 5 minuti dopo sapevo di aver trovato una falla importante. Ho reso disponibile mitmproxy gratuitamente per diffondere tra gli sviluppatori la consapevolezza di questo rischio”.

Continua a leggere su Repubblica

Cellulari non intercettabili

Software spia: Apple ripara con iOs 4.3.3

L’aggiornamento è già disponibile su iTunes: i dati sulla posizione geografica dell’utente non verranno più conservati per un anno, ma si cancelleranno dopo una settimana. E l’opzione Location Services si può disabilitare
Apple risponde alle polemiche sul suo software spia-dati pubblicando tempestivamente l’aggiornamento al suo sistema operativo iOS 4.3.3, che contiene le modifiche da tempo promesse alla cache del database che raccoglie i dati sulla posizione geografica.

IOS 4.3.3 – disponibile su iTunes e compatibile con gli iPhone 3GS e iPhone 4, la terza e quarta generazione di iPod touch, iPad e iPad 2 – riduce le dimensioni della memoria del location database da un anno a circa una settimana, blocca il backup di memoria verso iTunes e cancella la cache completamente quando l’utente disattiva la funzione Location Services del device.

In pratica l’aggiornamento iOS 4.3.3 corregge quel software bug lamentato da Apple come causa della creazione del file di memoria che conservava “a tempo indeterminato” (fino a un anno, in realtà) i dati sulla posizione geografica dell’utente.

Ma IOS 4.3.3 non è solo una replica al fuoco delle polemiche dei giorni scorsi: Apple cerca di giocare d’anticipo rispetto all’udienza cui deve partecipare, insieme alla rivale Google, il 10 maggio presso il sottocomitato alla Privacy del Senate Judiciary Committee americano, che ha invitato le due aziende a illustrare il proprio punto di vista nel dibatito sulla mobile privacy e la raccolta dei dati personali.

Fonte: Corriere Comunicazioni

Acquistano un pc, ma sono spiati dalla webcam

Una coppia del Wyoming, negli Stati Uniti, ha denunciato una catena specializzata nell’affitto di personal computer per violazione della privacy dopo aver scoperto che le webcam installate nei sistemi venivano utilizzate per spiare i clienti in possesso dei dispositivi.

La causa, depositata presso la Corte del Distretto di Erie, in Pennsylvania, accusa l’azienda Aaron di aver installato nei PC a noleggio un software chiamato PC Rental Agent che le permettesse di controllare quanto fatto dai clienti con i sistemi in affitto. I due coniugi hanno affermato alla stampa locale di aver scoperto il fatto quando uno dei manager della compagnia ha tentato di riavere indietro il PC dopo che la coppia aveva accumulato, secondo l’azienda, diversi ritardi nei pagamenti delle tariffe.

Brian e Crystal Byrd hanno comprato il PC nel mese di agosto al prezzo di 156 dollari mensili a testa, ed hanno poi optato per una soluzione unica di 900 dollari nel mese di ottobre. Credendo che i due non avessero effettuato il pagamento finale, il responsabile dello store Casper si è presentato presso il domicilio il 22 dicembre mostrando una fotografia di Brian mentre utilizzava il computer, immagine scattata a distanza attraverso la webcam installata nel computer.

«Ho avuto una sensazione di invadenza strana», ha dichiarato l’uomo alla stampa. «Dovetti sedermi un minuto dopo che mi venne mostrata la fotografia».

Nel dettaglio, PC Rental Agent è un agente di controllo remoto che permette alle società di noleggio di PC di tenere d’occhio i propri utenti, compresa evidentemente la possibilità di poter scattare fotografie attraverso la webcam. Le aziende possono bloccarne l’utilizzo nel caso si sfori oltre i tempi previsti, costringendo i consumatori a dover chiamare il centro di assistenza per capire come superare il blocco.

L’avvocato della coppia ha affermato che Aaron ha ammesso di aver installato il software, e si troverà adesso costretta a risarcire la coppia con una somma di 10,000 dollari più 100 per ogni giorno di violazione della privacy.

Fonte: Webnews

Apple: «Dentro ad iPhone solo le informazioni che servono a migliorare il servizio»

Apple a distanza di qualche giorno risponde ufficialmente alle accuse di “spiare” gli utenti di iPhone registrando la loro posizione attraverso il GPS. «Dentro ai nostri telefoni solo le informazioni che servono a migliorare la velocità del sistema di localizzazione. E non registriamo la posizione del telefono, ma solo quella della torri di telefonia e degli hot spot Wi-Fi». Basterà a spegnere le polemiche?

Apple non traccia la localizzazione dell’iPhone. Non l’ha mai fatto e non ha alcun piano di farlo; Apple registra la posizione degli utenti solo per fornire un migliore servizio ai suoi clienti. Quel che Jobs aveva detto in via ufficiosa con una email diventa ora un documento ufficiale, distribuito sotto forma di comunicato stampa lanciato solo alcuni minuti fa. La nota per i giornali, molto puntuale e dettagliata, è redatta sotto forma di domande e risposte che cercano di dissipare ogni dubbio e preoccupazione suscitate dalle notizia secondo cui negli iPhone sarebbe presente un file-registro che tiene nota di tutte le posizioni geografiche memorizzate dal GPS del cellulare.

Apple, dopo avere negato in maniera recisa di “tracciare” i possessori del suo telefono, fa una premessa che appare come una sorta di mea culpa: «fornire agli utenti mobili un veloce e puntuale localizzazione delle informazioni, cercando di preservare al massimo la sicurezza e la privacy è quel che stiamo facendo. Un abbinamento che suscita problematiche molto complesse e difficili da spiegare in poche parole. Se gli utenti sono confusi in parte è anche colpa nostra – dice Apple -; non abbiamo fornito abbastanza chiarimenti su questa vicenda fino ad oggi».

La ragione per cui esiste il log di registro, dice Apple è «per mantenere un database degli hot spot e delle torri di telefonia per aiutare iPhone a calcolare rapidamente e accuratamente la sua posizione quando viene richiesta e offrirla, invece che in un tempo che si calcola i minuti, in qualche secondo. Questo calcolo viene effettuato attingendo ad una database di hot spot Wi-Fi e torri di comunicazione che sono generati da decine di milioni di iPhone che mandano la loro posizione geolocalizzata in forma anonima e criptata direttamente ad Apple». Quel che Apple non fa è, appunto, tracciare gli utilizzatori del telefono. «Registriamo non la posizione dell’iPhone – dice il comunicato – ma quella degli hot spot e delle antenne di telefonia che possono essere anche a centinaia di miglia della posizione del telefono stesso e Apple non è in grado di identificare l’utente specifico il cui telefono sta mandando informazioni gelocalizzate». E la ragione per cui dentro ad iPhone ci sono grandi quantità di dati, fino ad un anno, deriva dal fatto che Apple manda al telefono una parte del suo database per aiutarlo a trovare più rapidamente la sua posizione «non si tratta di informazioni generate dal telefono – dice Apple – ma parte delle informazioni che generiamo sui nostri server».

Continua a leggere su Macity

Cellulari non intercettabili

Windows Phone 7 non spia gli spostamenti degli utenti

In questi giorni sta divampando una polemica per la scoperta di due ricercatori che riguarda il fatto che iPhone e iPad tracciano e memorizzano gli spostamenti di ogni utente e archiviano le informazioni in un file nascosto nella memoria.

La notizia è stata anche riportata dai colleghi di Hi-Tech Italy e sta facendo il giro del mondo per la possibile violazione della privacy degli utenti, visto che i dati sugli spostamenti sono gli stessi che gli operatori mobili possono fornire alle autorità di pubblica sicurezza con permesso motivato di un giudice. Dopo questa scoperta molti utenti di altri sistemi operativi come Windows Phone 7 si staranno chiedendo come si comporta il loro terminale, e se questo meccanismo è presente anche su altri dispositivi.
Microsoft ha fatto sapere al sito web statunitense Gizmodo di non usare questo tipo di tracciatura nel suo sistema operativo, aggiungendo che viene salvata solo l’ultima posizione del telefono, e solo se la funzione “Trova il Mio Telefono” è attiva.

Per quanto riguarda Android, non c’è la posizione ufficiale di Google, ma il metodo di tracciatura dovrebbe essere molto simile a quello di Windows Phone 7. Infatti nessun file è stato trovato sui terminali Android tali da comprometterne la privacy degli utenti.

Infine, la canadese RIM – Research In Motion, produttrice dei BlackBerry, non ha ancora rilasciato una risposta ufficiale sull’argomento.

Fonte: Windows Phone Italy

Facebook: si o no?

Oggi due notizie meritano una breve riflessione. La prima riguardava la presenza di un file non cifrato in iPhone ed iPad i quali storicizzano in esso, all’insaputa del proprietario, tutte le informazioni sugli spostamenti di quest’ultimo. La scoperta è di due ricercatori ed il titolo scelto -ad esempio- da ZeusNews non lascia dubbi: L’iPhone memorizza in segreto gli spostamenti dell’utente. Le parole chiave del discorso sono “memorizzare in segreto” che tradotte, significano “spiare”.

E` questa è la prima notizia; la seconda -invece- ha un tenore diverso: Obama, il presidente degli Stati Uniti, uno degli uomini più potenti al mondo incontra, amichevolmente, un imprenditore: il capo assoluto di Facebook, Mark Zuckerberg. E questo avviene dopo un meeting di qualche tempo fa dove c’erano, oltre al CEO di Facebook anche altri pezzi grossi dell’informatica mondiale, come Apple e Microsoft. Ma il presidente Obama non nasconde anche la sua ammirazione per Steve Jobs e, in generale, per gli “eroi” dell’informatica Made in USA, al pari di Edison o dei fratelli Wright.

Ma questo interesse può essere catalogato come l’interesse di una persona nei confronti della mera tecnologia? Forse si, se solo non si trattasse del presidente di una superpotenza mondiale che, recentemente, si è mostrata contraria ad una revisione della legge che permette il rastrellamento senza alcun mandato, delle informazioni che gli organi di polizia ritengono fondamentali per la sicurezza nazionale, con evidente rischio per la privacy degli utenti.

Quindi, non si tratta del semplice interesse di una persona nei confronti di rappresentanti delle maggiori aziende tecnologiche. Ma andiamo piano e vediamo, prima di tutto ed in breve cosa è Facebook.

Continua a leggere su Japigia.it

Attento, l’iPhone ti spia sempre

Da uno studio condotto da esperti di sicurezza emerge che lo smartphone della Apple tiene traccia di tutti gli spostamenti effettuati dal proprietario e li memorizza in un file nascosto. Che uso ne farà il colosso di Cupertino? L’azienda, per ora, tace

Tutti gli spostamenti fatti con l’iPhone sarebbero salvati su un file nascosto che può essere facilmente visualizzato da chiunque. E’ l’inquietante rivelazione fatta da Peter Warden e Alasdair Allan, due esperti di sicurezza che avrebbero dimostrato come i dispositivi della mela morsicata tengano traccia di tutte le coordinate spaziali e temporali del proprietario.
A rendere più preoccupante il tutto, anche la scoperta che ogni qual volta si sincronizza il proprio iPhone questi dati vengono trasferiti e memorizzati sui propri computer, rendendoli potenzialmente accessibili a qualsiasi persona che sappia come trovare il file.

Le informazioni sembrano essere registrate da circa un anno, da quando nel giugno 2010 Apple ha rilasciato il nuovo sistema operativo iOS 4.0. In quell’occasione il colosso di Cupertino non ha informato gli utenti dell’introduzione di questa raccolta dati, che, a quanto pare, violerebbe palesemente la privacy dei consumatori. Anche perché non è prevista la possibilità di cancellare in nessun modo questi dati.

“Apple ha reso possibile a chiunque abbia la possibilità di accedere al tuo telefono o computer – un partner geloso oppure un detective privato – di visualizzare informazioni dettagliate su dove sei stato”, ha dichiarato Pete Warden durante la conferenza Where a San Francisco.

Basta infatti andare in una cartella specifica del proprio computer (/Utente//Libreria/Application Support/MobileSync/Backups/) per accedere al backup con tutti gli spostamenti dell’iPhone. Al momento, va detto, non c’è nessuna evidenza che questi dati siano trasmessi anche alla Apple.
Secondo Warden, però, la casa di Steve Jobs ha inserito in maniera intenzionale questo backup nel nuovo sistema operativo. Non si tratterebbe dunque di un semplice errore: “Può darsi che Apple abbia in mente nuove funzionalità che richiedono la cronologia delle località, ma è solo una nostra supposizione. Il fatto che il file venga trasferito su un nuovo iPhone o iPad è la prova che la raccolta dei dati non è accidentale”.

Ad ogni modo, i due ricercatori hanno creato anche un’applicazione che può essere scaricata sul proprio computer (per il momento funziona solo con i Mac) e permette di generare in meno di un minuto la mappa dettagliata di tutti gli spostamenti effettuati dal possessore dell’iPhone. E’ anche possibile visualizzare i dati in ordine cronologico, attraverso un player interattivo.

Dalla prova effettuata da SKY.it è emerso che l’iPhone ha registrato ogni minimo spostamento del proprietario, da quando il dispositivo è stato attivato fino all’ultima volta che è stato sincronizzato.

Fonte: Sky TG24

Piccolo è bello, anche per i pirati del web

Non è più tempo di attacchi su larga scala, ma di piccole incursioni: carte di credito clonate, Bancomat violati

Un acquisto nel negozio sotto casa strisciando la carta di credito, poi la benzina pagata col Bancomat e un prelievo per avere un po’ di contante in tasca allo sportello più vicino, ed ecco accumulati tutti insieme i maggiori rischi di attacco informatico, o almeno, quelli prediletti dagli hacker nel 2011, secondo quanto racconta l’ultimo rapporto dell’operatore americano Verizon . Che traccia una mappa del rischio di furti di denaro e frodi informatiche aggiornato all’ultimo anno: i pirati informatici non amano più orchestrare attacchi in grande scala – frodi via mail che colpiscano indiscriminatamente, grandi operazioni all’interno di multinazionali mondiali – perché oltre a temere le sempre più frequenti denunce e il rischio-prigione, hanno capito che riescono a finalizzare meglio se il loro lavoro è svolto su piccola scala, magari fisicamente. Dove la sicurezza è spesso data per scontata, o dove, come nel caso dei singoli utenti, si dimentica sovente di usare password diverse e cambiarle spesso, o di proteggere il proprio Pc adeguatamente.

RISCHI IN CRESCITA – Sono gli attacchi fisici, a strutture di piccole o medie dimensioni (la banca della nostra via, il negozietto sotto casa, ma anche il piccolo hotel), a crescere maggiormente: duplicati già nel 2009, sono raddoppiati nuovamente nel 2010 e rappresentano il 29 per cento del totale. Ripetitivi e di sicuro successo. Ecco perché clonare Bancomat manomettendo i terminali fisici è più semplice che studiare uno scam via e-mail per far cadere nel tranello il destinatario ignaro di un messaggio di posta ammiccante seppur dubbioso. Sono stabili invece gli attacchi più comuni: hacking (l’attacco al computer, o ai server di un’azienda, o a un sito internet per rubare dati) e malware (software maligni eseguiti sui Pc da utenti ignari di quanto accade) restano il modo più comune per intrufolarsi in grandi e piccoli sistemi. Il solo malware, per esempio, è responsabile dell’80 per cento dei dati persi.

CONSIGLI – La stessa Verizon conferma che per evitare di venir defraudati di dati sensibili importanti e derubati, sia che si tratti di un singolo, sia che si parli di una grande azienda, la morale è sempre quella: non scordare mai di proteggersi. E per farlo non sempre è necessario spendere grandi cifre per l’acquisto di prodotti dedicati, anzi. Il senso comune, nel caso degli utenti privati, e alcuni buoni prodotti da scaricare online gratuitamente, evitano la maggior parte degli attacchi.

Fonte: Corriere

Chi fa il guardone sui terrazzi condominiali rischia la multa per molestie

Spiare dalla terrazza condominiale i coinquilini equivale a molestarli. Lo afferma la Cassazione (sentenza 15450/11) che impone multe nei confronti dei condomini che hanno la brutta abitudine di fare i guardoni. È quanto è accaduto ad un quarantenne condannato a 600 euro di multa per il reato di molestie perchè, posto su un terrazzo a brevissima distanza dall’appartamento abitato da una coppia di vicini, scrutando in continuazione all’interno, li costringeva a tirare i tendaggi e ad accendere la luce anche in pieno giorno per proteggersi dalla sua intrusione.

Il guardone, inoltre, irrideva gli inquilini barricati in casa facendo gesti beffardi con la bocca e con le mani. Condannato a 600 euro di multa dal Tribunale di Pordenone, ha fatto ricorso in Cassazione per dimostrare che si trattava di una terrazza privata e che non tutti i condomini avevano diritto di accedervi. Ma ha avuto la peggio.

La Suprema Corte ha deciso che «la sentenza impugnata, con motivazione incensurabile, ha specificato che la terrazza in questione si trovasse al piano ammezzato fra il primo piano, dove era ubicato l’appartamento delle odierne parti offese ed il secondo piano, dove era ubicato l’appartamento del ricorrente e che ad essa si accedeva attraverso un’apertura del comune vano scale condominiale, sicchè la terrazza in questione ben poteva qualificarsi come luogo aperto alla generalità dei condomini».

Fonte: La Stampa

Quando il quarto potere abusa del potere

aprile 12, 2011 Intercettazioni No Comments

Le intercettazioni telefoniche in Italia sono state il flagello nelle mani dei magistrati. Ancora in questi giorni Silvio Berlusconi ha attaccato furiosamente il loro uso come strumento giudiziario. Si puo’ discutere se il cosiddetto Terzo Potere può fare a meno di questo intrusivo metodo d’inchiesta. Ciò che è certo è che le intercettazioni sono un’opzione di cui la stampa o, come si dice oggi, i media, non dovrebbero disporre. Eppure è quanto è accaduto in Gran Bretagna, dove il Quarto Potere è assai più potente che in qualsiasi Paese del mondo. Per anni il tabloid News of the World, di proprietà del gruppo Murdoch, ha fatto disinvoltamente uso di questo strumento ascoltando migliaia di telefonate di centinaia di persone del mondo dello spettacolo, della politica e dello sport. Dopo l’arresto nel 2007 di un giornalista del quotidiano e del detective che lo aiutava a spiare le telefonate, il giornale ha opposto un muro di smentite ogni volta che emergeva il sospetto che il giornalista non agisse da solo. Davanti a un crescente fiume di prove, venerdì 11 il quotidiano ha dovuto ammettere che si trattava di una pratica usuale e porto le pubbliche scuse. Non solo: si è detto anche pronto a risarcire le vittime la cui vita privata veniva sbattuta in pasto al pubblico. Ma il risarcimento pecuniario non basta e molti giornalisti ora rischiano la galera.
Le offerte di risarcimento, secondo le indiscrezioni, sarebbero nell’ordine delle decine di milioni di sterline. Le vittime hanno detto che sono disposte a discutere sui soldi, ma moltissimi, tra cui illustri politici come Simon Hughes, uno dei leader liberaldemocratici, o Danny Alexander, ministro del Tesoro anh’egli d’estrazione libdem, hanno messo in chiaro che il fenomeno è gravissimo, che l’inchiesta della polizia deve proseguire e la legge fare comunque il proprio corso, fino alle estreme conseguenze. Per il potente gruppo News Corp di Murdoch la vicenda è fonte di estremo imbarazzo. A sentire però il sindaco di Londra, Boris Johnson, ex illustre giornalista, quello delle intercettazioni affidate alle abili mani di detectives compiacenti è un fenomeno diffuso da anni tra i media inglesi che dovrebbero fare un mea culpa collettivo. Richiesto se fosse al corrente se anche il proprio telefono fosse sotto controllo, Johnson, con il solito umorismo surreale che lo distingue, ha detto che < qualsiasi personaggio il cui telefono non fosse spiato farebbe meglio a licenziare il proprio press agent >. Ma, sul fondo, c’è poco da ridere. La vicenda sta montando in maniera imbarazzante e se assumesse le proporzioni che molti paventano, ci troveremmo di fronte a una brutta pagina per la democrazia britannica. I media devono infatti fare i cani da guardia della democrazia e non i guardoni dei ricchi, famosi e potenti.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Gb: Vip intercettati, News of the World pagherà risarcimenti

aprile 10, 2011 Intercettazioni No Comments

Presi illegalmente di mira politici, sportivi e stelle del cinema

L’editore del News of the World si sta preparando a pagare milioni di sterline di risarcimenti, dopo aver ammesso le proprie responsabilità per aver intercettato i messaggi telefonici dei vip.

News International – riporta la tv satellitare britannica Sky News – ha dato mandato ai suoi legali di predisporre uno schema di indennizzi per affrontare le “rivendicazioni legittime” e ha affermato che i “precedenti comportamenti” del quotidiano sono motivo di “sincero rammarico”.

Gli hacker del tabloid hanno preso di mira politici, sportivi e stelle del cinema, compresa l’attrice Sienna Miller. Mark Lewis, che tutela diversi vip che hanno denunciato di essere stati intercettati, ha dichiarato che i risarcimenti potrebbero facilmente arrivare a milioni di sterline.

L’annuncio è arrivato dopo che alcuni volti noti hanno promosso iniziative legali all’Alta Corte denunciando le intercettazioni illegittime.

A quanto si è appreso, l’editore del News of the World oltre che con la Miller si è scusato con l’ex ministro della Cultura Tessa Jowell, con il suo avvocato ed ex marito David Mills e con l’ex calciatore Andy Gray.

Fonte: Virgilio Notizie

Skype: privacy in pericolo come dimostrano intercettazioni sulle ragazze delle feste di Berlusconi

Secondo Privacy International, Skype non fornisce sufficienti garanzie per la protezione dei dati degli utenti e delle comunicazioni effettuate. Ne sanno qualcosa le ragazze ospiti ad Arcore.

Skype non fornisce sufficienti garanzie per la protezione e la tutela dei dati personali e delle comunicazioni effettuate dagli utenti del servizio. L’accusa è stata mossa dalla Privacy International.

L’attuale interfaccia di Skype, anziché basata su user name univoci, prevede l’impiego di nomi completi nelle liste dei contatti. Un sistema che rende semplice per chiunque assumere l’identità virtuale di altri utenti. A preoccupare Privacy International sono anche la mancanza del supporto per i download con protocollo HTTPS e l’impiego di un sistema di compressione audio VBR che, nonostante sia criptato, risulta piuttosto vulnerabile. Un sistema che permette di identificare le frasi con un’accuratezza del 50-90%.

Fonte: Webmaster Point

Gli USA spingono per l’uso di https

HTTPS ? E’ il risultato dell’applicazione di un protocollo di crittografia asimmetrica al protocollo HTTP. Google ha introdotto di recente l’uso della crittografia durante lo scambio dei dati tra il browser ed i server dell’azienda ma tale novità è ad “uso e consumo” degli utenti USA. L’uso di questo “stratagemma” riduce i tentativi di intromissione di terzi quando facciamo uso di reti pubbliche WIFI presso gli Internet Cafe o ad esempio biblioteche.

Charles Schumer, senatore di New York, ritorna sull’argomento HTTPS dicendo che tutti i principali siti web dovrebbero implementare l’HTTPS per garantire un Web sicuro. Elogia diversi siti web che offrono l’HTTPS “tirando le orecchie” a chi non lo fornisce oppure lo fornisce ma richiede un ulteriore intervento utente. L’intervento di Charles Schumer è diretto a Google, motore di ricerca “con mille tentacoli” che ha introdotto la navigazione HTTPS ma richiede, ai navigatori USA che vogliono far uso della novità, il login oppure l’accesso (senza login) a https://encrypted.google.com ?

Dice che la situazione attuale è preoccupante e che gli hacker possono rubare dati personali per impersonare la vittima e fare acquisti online o inviare messaggi fasulli. Definisce il protocollo http “un tappeto di benvenuto per gli aspiranti hacker” annunciando di voler mettersi in contatto con i siti web più importanti. Chi sono gli obiettivi di Charles Schumer ? Siamo a conoscenza, quasi sicuramente, di due obiettivi, sono Facebook e Google che sono i siti più visitati di Internet. Improbabile un attacco a Wikipedia ma la prudenza non è mai troppa. Wikipedia non richiede l’immissione di dati personali in fase di editing a meno che non “ci si voglia registrare a tutti i costi”.

Continua a leggere su Italia SW

Intercettazioni.eu


Un aggregatore di articoli e guide online, su argomenti legati allo spionaggio, contro spionaggio, controllo accessi, intercettazioni, Sicurezza personale, protezione dei propri beni e dei vostri affetti.

Ricerca intestatario numero di cellulare

Vuoi sapere il titolare di un numero di telefono cellulare? o viceversa vuoi conoscere il numero di telefono partendo dall'intestatario? I numeri esteri non sono un problema! Chiamaci: 0803026530

Fornitura di sim card anonime

In abbinamento con i nostri telefoni cellulari Stealth Phone, per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza alle vostre conversazioni telefoniche, da oggi possiamo offrirvi anche una serie di schede SIM anonime, per ottenere le quali non c’è bisogno di alcuna registrazione.
Chiamaci per saperne di piu' allo 0803026530!

Recupero sms cancellati

Recuperiamo sms, dati cancellati da sim card e telefoni cellulari. Devi inviarci la sim card e/o il telefono cellulare. In meno di una settimana riceverai i dati estratti per e-mail o per posta. Chiamaci per ulteriori informazioni: 0803026530

Come localizzare un cellulare

Come si fà a localizzare un cellulare?. Tutti i telefoni cellulari una volta accesi e collegati alla rete dei provider telefonici mobili sono rintracciabili geograficamente. Chiamaci per saperne di piu': 0803026530

Sblocco codici autoradio

Il codice di un autoradio è unico, per ogni radio associata ad ogni telaio, in genere si trova scritto a penna in qualche libretto di garanzia o manutenzione dalla concessionaria. Se è impossibile ritrovarlo, chiamaci: 0803026530

Recupero password perse

Hai dimenticato la tua password per Excel, word, myspace, aol, facebook, yahoo, msn, hotmail, live, gmail, libero, aim, aol....etc? Possiamo aiutarti, chiamaci: 0803026530

 MICROSPIA GSM
microspia gsm IRIncredibile microspia GSM, la piu' piccola al mondo dotata di sensore infrarossi di movimento e di vibrazione. Intercetta anche le conversazione effettuate dal telefono di casa.

NEWSLETTER

e-mail:
nome:
 Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

Calendario

luglio: 2017
L M M G V S D
« Giu    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Contattaci


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

Contattaci via Skype

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Guide alla videosorveglianza

Come arrestare il key bumbing, il furto senza traccia

La nuova frontiera dei furti, per ladri in continuo aggiornamento, è il “key bumping”. Si tratta dell’arte di aprire le porte delle abitazioni senza lasciare segni di effrazione. A Roma, i Carabinieri hanno arrestato una banda di georgiani, ben 37 persone, specializzate in furti in appartamenti nella città e in provincia. L’organizzazione criminale è risultata responsabile di decine di colpi in appartamenti, e in particolare, è specializzata nella tecnica consente …

I consigli del ladro per una difesa ottimale contro i furti in estate.

furti in appartamento

Le vacanze, per molte famiglie italiane, sono già iniziate. Le città si svuotano e le case rimangono sempre più isolate, soprattutto se i vicini decidono di partire nello stesso periodo. Quella delle vacanze estive, quindi, diventa un’occasione per ladri, professionisti e no, per entrare in azione, in quanto hanno meno possibilità di essere visti e acciuffati e possono, così, agire con più calma. Il giornale napoletano “Il Mattino” proprio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 4 – Visione filmati e integrazione

Passiamo alla quarta ed ultima parte della nostra guida, rispondendo a domande su come visualizzare i video di sorveglianza e come integrare le proprie apparecchiature di sorveglianza con altri sistemi video. 6. Visualizzare i video La maggior parte dei video di sorveglianza non viene mai vista da esseri umani, se non per indagini storiche. Alcuni sistemi a circuito chiuso consentono la visione in diretta, ad esempio come sistemi antitaccheggio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 3 – Salvataggio filmati e analisi video

Proseguiamo con le nostre 7 domande, con la parte dedicata ai supporti di salvataggio dei filmati video, e all’analisi dei filmati registrati. 4. Salvataggio I video di sorveglianza sono quasi sempre salvati per recupero e revisione. La durata media dello stoccaggio è tra i 30 e i 90 giorni, anche se in alcuni casi il periodo può essere più breve, o durare anche per qualche anno. I due elementi più …

Guida al controspionaggio

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 2)

LEGGI LA PRIMA PARTE… – La scatola di una presa elettrica sembra essere stata spostata
. Le prese elettriche sono tra i punti dove più frequentemente vengono nascosti dispositivi di intercettazione, così come lo sono i rilevatori di fumo, le lampade o gli interruttori. Se notate della sporcizia (tipo segatura o …

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 1)

A casa, in ufficio ed in qualsiasi posto vi troviate potreste essere spiati. Chiunque voi siate, e qualsiasi cosa facciate, vi può capitare di incontrare persone che, per interesse o per avidità di potere, desiderano di venire in possesso di vostre informazioni riservate, sia per danneggiarvi che per ottenere un …

Il fisco controllerà anche i telefoni

Tra le grandi manovre di controllo che si stanno operando per monitorare i contribuenti, pare che gli agenti 007 dell’Agenzia delle Entrate si stiano concentrando sulle intercettazioni del nostro cellulare. Iphone, Samsung o qualsiasi altra marca sia, il fisco non si pone limiti. Non si tratta di spiare il contenuto …

ADS

 

 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Rilevatore di giunzioni non lineari capace di scoprire dispositivi elettronici nascosti, anche se il dispositivo emette irradiazioni, abbia fili o sia acceso.
 MICROREGISTRATORI
Nuovissimi microregistratori digitali con durata di registrazione fino a 1200 ore. Utilissimi per raccogliere prove o scoprire tradimenti di ogni tipo. I modelli ad attivazione vocale VAS permettono inoltre una maggiore autonomia di consumi. Affidabilità, efficacia e prezzo conveniente.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spy phone, o cellulare spia, è un normale cellulare su cui viene installato un software spia capace di intercettare qualsiasi azione intrapresa sul cellulare stesso (chiamate, SMS, foto ecc.). Il software spia per spyphone è funzionante sulla maggior parte degli smartphone con sistema operativo Android, iOS e Blackberry.
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 MICROAURICOLARI
microauricolareI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all’auricolare celato nell’orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.

ARTICOLI IN RILIEVO

Come difendersi dalle intercettazioni telefoniche non autorizzate

28 Apr 2017

cellulare-criptato-anti-intercettazione

Mentre anche la politica d’oltreoceano, con la recente presa di posizione abolizionista del neo presidente americano Donald Trump, sembra muovere in direzione opposta a quella della tutela dei dati on line, garantirsi degli strumenti efficaci contro il furto di informazioni diventa ogni giorno più pressante. Lo stesso dicasi per le intercettazioni telefoniche abusive. Ovviamente in quest’ultimo caso ci riferiamo a tutte quelle operazioni non autorizzate da organi giudiziari competenti, ma comunque avviate in maniera indiscriminata …

Microspia GSM NANO-BUG. Per un ascolto efficace di veicoli o ambienti da qualsiasi distanza

9 Dic 2016

microspia-gsm-nano-bug_400x227

Se cercate una microspia audio dalle dimensioni realmente ridotte, facile da installare e capace di funzionare da qualsiasi distanza, allora la NANO-BUG è il dispositivo adatto a voi. Questo gioiellino di elettronica per l’intelligence funziona infatti grazie a un vettore GSM Quadriband che permette l’ascolto audio da qualsiasi postazione. Le caratteristiche più interessanti della NANO-BUG risiedono principalmente nella programmazione da remoto attraverso l’invio di SMS di comando (fino a 5 …

Come scoprire se qualcuno ti sta spiando in poche semplici mosse

21 Set 2016

spiare-bonifiche-ambientali

Temi che qualcuno abbia piazzato dei microfoni nel tuo appartamento? Hai paura che stiano spiando ogni tuo movimento? Sei convinto che nella tua auto ci sia una microspia? Vediamo insieme quali segnali prendere in considerazione per evitare qualsiasi abbaglio interpretativo e giungere invece alla verità. Prima di passare a elencare i segni tangibili e quelli meno evidenti di eventuali intercettazioni in atto, sarebbe  tuttavia opportuno chiedersi: perché dovrebbero spiare proprio …

Microregistratore digitale SAB-R1: lunga durata e dimensioni ridottissime

26 Ago 2016

microregistratore-digitale-sab-r1

Registra file audio a livello ambientale su memoria integrata da 8GB per 40 ore consecutive. Il micro registratore digitale SAB-R1, di recente ideazione, si colloca ai primi posti nel panorama dei dispositivi elettronici per la registrazione ambientale in modalità nascosta. Questo grazie soprattutto alla sua capacità di registrare e archiviare file in formato wave (ad altissima qualità audio) per una durata prossima alle 40 ore. Le sue ridotte dimensioni (4×1.7×0.8 …

Come proteggersi dal cyberbullismo. L’esempio di Facebook

26 Lug 2016

bullismo-facebook

Come difendere i nostri figli dai bulli che popolano la rete? La risposta potrebbe arrivare dalle linee guida pubblicate qualche tempo fa da Facebook su una pagina dedicata al bullismo, dal titolo: “Fermiamo il bullismo. Presentazione di strumenti, suggerimenti e programmi per aiutare le persone a difendere se stesse e gli altri“. L’obiettivo principale del noto social network è chiaramente quello di mitigare l’aumento di casi di violenza verbale, ingiurie …

Cellulare Stealth Phone non intercettabile con invio di SMS criptati

4 Lug 2016

stealt-phone-smartphone

In tempi in cui tutti si affannano a spiare tutti, la privacy delle comunicazioni sembra quasi diventata  un optional. Purtroppo, anche i casi di persone spiate al cellulare da concorrenti sleali, pirati informatici o altri individui senza scrupoli aumentano. Fermo restando le operazioni di intercettazione telefonica avviate legalmente dagli organi giudiziari, ogni altra azione di spionaggio telefonico rischia di diventare un pericolo da cui è necessario tenersi assolutamente alla larga. …

Localizzatore Quad-Track: rintraccia qualsiasi veicolo fermo o in movimento

8 Apr 2016

magnetic-gps-gprs-tracker-quadriband

Tracciamento in real time di auto, moto, camion, container ecc. A prova di intemperie! Se il vostro bersaglio vi sta mettendo a dura prova con spostamenti continui e improvvisi, il localizzatore quadribanda GPS-GPRS Quad Track è il tracker che fa per voi. In primo luogo perché è capace di captare il segnale di posizione con precisione impressionante (meno di 5m), quindi perché utilizza l’azione combinata del segnale GPS e GPRS …

ADS

 

 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta e il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.

Violazione dei diritti civili

Oltre 560 scrittori ed intellettuali firmano contro le intercettazioni

2 Gen 2014

Oltre 560 scrittori ed intellettuali firmano contro le intercettazioni

La bambina virtuale adescata da 20mila adulti

26 Nov 2013

Sweetie, una bambina virtuale, messa in rete come esca, per verificare quanto e come gli adulti si avvicinano ai piccoli via web. L’esperimento, condotto dall’associazione per i diritti umani olandese Terre des Hommes, ha purtroppo attirato, in appena due mesi e mezzo, oltre 20mila persone, 1000 delle quali identificate. Erano disposti a …

Il costo della nostra privacy

31 Lug 2013

Si è soliti sostenere che la privacy non ha prezzo, oggi però ci sono dei parametri attendibili con cui farsi un’idea: il tariffario con cui gli operatori telefonici e gli Internet service provider statunitensi vendono le conversazioni degli utenti al governo. Dopo il caso Snowden, a svelare il listino prezzi è stato il …

Spionaggio per manipolare i social network secondo il Guardian

10 Mag 2011

Lo dice il Guardian. L’esercito americano sta sviluppando un software che consente di manipolare segretamente i siti di social media utilizzando falsi personaggi online per influenzare le conversazioni su Internet e diffondere propaganda filo-americana. Una società californiana si è aggiudicata un contratto con la United States Central Command (Centcom), che …

Le vite degli altri a Pechino

7 Mag 2011

Istituiti nuovi controlli su Internet mentre la tv vieta i film di spionaggio e crimine Istituzione di un nuovo ufficio per coordinare i controlli di Internet, proibizione di teletrasmettere film che includono immaginari viaggi nel tempo, ma anche quelli di spionaggio e di crimine, e l’ex ministro della Pubblica Sicurezza, …