Home » controspionaggio » Articoli recenti:

Berlino punta alla sicurezza: duemila cellulari anti intercettazione

luglio 31, 2014 Controspionaggio No Comments

La Germania prende iniziative concrete contro lo spionaggio americano e ordina duemila cellulari super sicuri, dotati di un sofisticato sistema anti-intercettazione per garantire la sicurezza delle conversazioni della sua classe politica. La decisione è stata presa in seguito alle molte rivelazioni sul Datagate dovute all’ex consulente della Nsa americano Edward Snowden. Pare che il tutto sia riportato in un documento riservato dell’esecutivo della cancelliera Angela Merkel. 



I duemila cellulari, dotati di un meccanismo di sicurezza, potrebbero garantire in futuro la trasmissione di dati sensibili al riparo dal pericolo di intercettazione. Così come avviene per numerosi uomini d’affari e politici che quotidianamente adottano questi sistemi di sicurezza. Mesi fa i tedeschi hanno scoperto che perfino il cellulare della Merkel era stato messo sotto controllo dagli agenti della National Security Agency. Il presidente dell’antispionaggio, Hans-Georg Maassen, ha invitato i funzionari dello Stato a una maggior disciplina nelle conversazioni telefoniche: le informazioni riservate possono compromettere un intero stato.

Nelle scorse settimane la scoperta di due agenti tedeschi corrotti dai servizi americani per ottenere informazioni sensibili ha inasprito la relazione fra Berlino e Washington sull’attività degli agenti di spionaggio in Germania, sfociato nella decisione del governo di cacciare dal Paese il capo dei servizi statunitensi.

E se la cancelliera tedesca è arrivata a tal punto, di certo ci saranno buoni motivi. Gli stessi che spingono ogni giorno all’acquisto di Stealth Phone che consentono il trasferimento di dati ed informazioni in assoluta sicurezza.

Oltre 560 scrittori ed intellettuali firmano contro le intercettazioni

In occasione della Giornata Mondiale per i Diritti Umani, 562 autori, tra cui 5 Premi Nobel, residenti in oltre 80 paesi si sono uniti per lanciare un appello in difesa delle libertà civili contro il controllo di massa e la sorveglianza delle aziende e dei governi. Gli scrittori insigniti del Nobel che hanno firmato l’appello sono: Orhan Pamuk, J.M. Coetzee, Elfriede Jelinek, Günter Grass e Tomas Tranströmer. Tra gli scrittori italiani che hanno aderito alla mobilitazione: Dacia Maraini, Umberto Eco, Erri De Luca, Paolo Giordano, Andrea de Carlo.

 Questo appello globale è stato organizzato da un gruppo indipendente di autori internazionali e, in occasione della Giornata Mondiale dei Diritti Umani, è stato pubblicato da oltre 30 quotidiani in tutto il mondo tra cui “La Repubblica”, “The Guardian”, “Le Monde”, “El Pais”, ecc.
 Una Carta Internazionale dei Diritti Digitali, è quanto chiede l’  appello che ha già raccolto oltre 100.000 firme.
  
Che gli scrittori siano preoccupati dalla sorveglianza di massa da parte delle agenzie governative, in testa la NSA americana e delle società online era già emerso in un sondaggio del Pen Center americano, associazione di scrittori per i diritti. L’indagine segnalava timori e preoccupazioni nell’85% degli scrittori e addirittura cambiamenti già in atto nei comportamenti di scrittori e giornalisti: per esempio evitare nelle conversazioni, nelle mail e anche nelle ricerche su Google certi argomenti “sensibili” come questioni militari, Medio Oriente e il Nord Africa, incarcerazione di massa, politiche della droga, pornografia, il movimento di protesta Occupy, lo studio di certe lingue, le critiche al governo Usa.  Altri avevano cominciato ad utilizzare sistemi di sicurezza come rilevatori di microspie e Stealth Phone, cioè cellulari non intercettabili.
 
Nel testo dell’appello si legge: “Negli ultimi mesi , l’estensione della sorveglianza di massa è diventata di dominio pubblico. Con pochi clic del mouse i governi possono accedere al vostro cellulare, al vostro indirizzo email, ai vostri social networking e alle ricerche che fate su Internet.
Possono seguire le vostre inclinazioni e le attività politiche e, in collaborazione con le società Internet, che raccolgono e memorizzano i dati, sono in grado di prevedere i vostri consumi e i vostri comportamenti. 
L’inviolabile integrità dell’individuo è il pilastro fondamentale della democrazia. L’integrità umana va oltre la fisicità corporea. Tutti gli esseri umani hanno il diritto di non essere osservati e disturbati nei loro pensieri, nel loro ambiente personale e nelle comunicazioni. 
Questo diritto umano fondamentale è stato annullato e svuotato dall’uso improprio che stati e grandi imprese fanno delle nuove tecnologie a fini di sorveglianza di massa”. 
La protesta è stata inviata agli Stati, alle imprese, ai cittadini, all’ONU ed ai Governi.

Datagate, intercettate oltre 70milioni di telefonate in Francia

ottobre 25, 2013 Controspionaggio No Comments

Ha scosso Parigi, la notizia che la National Security Agency (Nsa) ha registrato in segreto più di 70 milioni di telefonate in Francia. La rivelazione, diffusa dal giornale “Le Monde”, ha spinto il governo francese a convocare d’urgenza l’ambasciatore Usa, Charles Rivkin, al quale ha chiesto spiegazioni e l’assicurazione che questo tipo di spionaggio non si ripeta.


”E’ incredibile che un Paese amico, possa spiare così tante comunicazioni private”, ha protestato il premier francese, “è una cosa che non ha giustificazioni strategiche o di difesa nazionale”. Ayrault ha chiesto che si creino le condizioni “per porre fine in modo trasparente a questo tipo di spionaggio”. 

Le intercettazioni mettono a repentaglio gli attuali rapporti Usa-Francia a livello politico-militare. I governatori conoscono bene quanto possano essere importanti le informazioni contenute all’interno delle telefonate.

Le nuove rivelazioni sono state pubblicate da Le Monde sulla base di documenti ottenuti ancora una volta dall’ex consulente della stessa Nsa Edward Snowden. Pare che l’agenzia statunitense di controspionaggio Nsa abbia intercettato in modo massiccio le comunicazioni telefoniche dei cittadini francesi su un periodo di 30 giorni, dal 10 dicembre 2012 all’8 gennaio 2013, per un totale di 70,3 milioni di registrazioni di telefonate francesi.

 La Nsa, scrive Le Monde, “dispone di diversi modi di raccolta. Quando certi numeri di telefono vengono usati in Francia, questi attivano un segnale che fa scattare automaticamente la registrazione di alcune conversazioni. Questa sorveglianza recupera anche gli sms e il loro contenuto in base a parole-chiave”. I documenti forniscono sufficienti spiegazioni da far pensare che gli obiettivi della Nsa riguardano sia persone sospettate di legami con il terrorismo che individui presi di mira per la loro semplice appartenenza al mondo degli affari, della politica o dell’amministrazione francese.



Anche l’Italia teme che siano effettuate azioni di spionaggio simili. Di certo, molto spesso vengono impiegati sistemi di hacking molto simili, al fine di sottrarre informazioni rilevanti da dispositivi privati. Queste informazioni vengono poi utilizzate ai danni di persone o aziende con conseguenze anche molto gravi: sottrazione di documenti importanti, fallimenti di imprese, diffamazione, ricatti, estorsione e tanto altro. Esistono però sistemi in grado di criptare i nostri dati e salvarli su dispositivi di massima sicurezza. In questo modo possono anche essere distrutti automaticamente qualora entrino in possesso di persone sbagliate. Se non si interviene in tempo, cresce in maniera esponenziale l’entità del danno, in termini di dati accumulati, e la pericolosità di un eventuale azione di spionaggio.

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 1)

A casa, in ufficio ed in qualsiasi posto vi troviate potreste essere spiati. Chiunque voi siate, e qualsiasi cosa facciate, vi può capitare di incontrare persone che, per interesse o per avidità di potere, desiderano di venire in possesso di vostre informazioni riservate, sia per danneggiarvi che per ottenere un beneficio diretto. E per sottrarre tali informazioni, possono utilizzare diversi strumenti per lo spionaggio. Il livello di queste tecniche è direttamente proporzionale agli interessi in gioco, tanto più alti sono questi, tanto più sofisticate saranno le tecnologie utilizzate per carpire i vostri segreti.

In generale ci sono dei piccoli segnali che possono segnalarci una sorveglianza illegale:
– Qualcuno è a conoscenza di vostre informazioni riservate.

Questo è il segnale più ovvio che indica un’osservazione. Il furto di informazioni riservate è un’industria sotterranea del valore di miliardi. Quando i vostri concorrenti (o la stampa) sanno qualcosa che non dovrebbero essere in grado di sapere, è ragionevole pensare di essere spiati.
Incontri e offerte segrete non sembrano essere così segreti.

Riunioni, incontri ed offerte riservate sono oggetto dell’interesse delle spie aziendali. Vi piacerebbe che i piani di espansione della vostra azienda fossero resi pubblici o portati a conoscenza di un diretto concorrente? Di certo i vostri concorrenti avrebbero un beneficio nell’ottenere copie dei vostri progetti, o delle specifiche dei vostri prodotti o dal sapere quale sarà la vostra offerta per una determinata gara o asta.
– Il vostro telefono emette strani suoni o ha cambiamenti di volume.

Questi problemi possono essere comunemente causati da un tentativo artigianale di intercettazione, che può generare anomalie.
– Il vostro telefono è agganciato, ma emette suoni o si sente il tono di linea.

Questo e’ causato spesso da un bypass, che trasforma il vostro telefono in un microfono/altoparlante per l’intercettazione. Se così è, entro una distanza di circa 6 metri potrebbe esserci qualcuno all’ascolto o un registratore nascosto.
– La vostra radio presenta strane interferenze.

Alcune apparecchiature per intercettazione amatoriale usano frequenze all’interno o appena fuori dalla banda FM. Un apparecchio radio, in presenza di queste apparecchiature, potrebbe avere un calo di volume. 
Provate a sintonizzare la vostra radio sulle frequenze ai limiti della banda, o su frequenze mute, e se inizia ad emettere una sorta di squittio, muovetela lentamente nella stanza, finchè questo suono non diventa acuto. Questo sistema può segnalare eventuali cimici grazie all’effetto Larsen, e va utilizzato con la radio in modalità mono per aumentarne la sensibilità.
– La vostra autoradio si comporta stranamente.

Ricordatevi che l’antenna della vostra auto può essere usata, come spesso avviene, per intercettarvi, e che questo uso interferisce con il normale funzionamento della radio, quindi preoccupatevi se la radio si comporta in maniera anomala.
– La vostra televisione presenta interferenze.

A volte le frequenze televisive vengono usate per “mascherare” un segnale spia, il quale a sua volta tende ad interferire con la ricezione televisiva di tipo UHF. Gli apparecchi televisivi, inoltre,sono molto sensibili ad eventuali trasmittenti nelle vicinanze.
– La vostra casa è stata scassinata, ma non è stato portato via nulla.

Le spie professioniste spesso si introducono in casa del soggetto da spiare, senza rubare, ma installando delle piccole cimici; gli abitanti della casa possono accorgersi di qualcosa che non va, come dei mobili non più allineati o simili.
CONTINUA…

Twitter ancora nel mirino degli hacker

febbraio 5, 2013 Controspionaggio No Comments

L’hackeraggio non conosce più confini. Grandi o piccole realtà sono prese d’assalto ogni giorno al fine di ottenere guadagni economici o arrecare perdite materiali ai danni dei siti colpiti. Dopo il New York Times e il Washington Post un’altra vittima celebre sarebbe caduta sotto i colpi di hacker cinesi: Twitter. A darne notizia lo stesso social network con un post in cui si spiega come sia stato arrestato un attacco dopo aver notato attività “insolite”. “Soltanto” 250.000 gli account colpiti secondo le stime di Twitter a cui sono stati sottratti username, email e password.
A questi è giunta una mail da “@postmaster.twitter.com” con cui il microblog li avvertiva che il loro account era stato violato da criminali informatici con testo: “Twitter ha reimpostato la password del tuo account” e un numero chiave, chiaramente modificabile.

La vicenda è stata inserita tra le azioni ostili perpetrate contro i media statunitensi. Il responsabile della sicurezza, Bob Lord, ritiene che ad operare non siano stati dei principianti alle prime armi. Non è la prima volta che il social finisce nel mirino degli hacker; nel 2010 dovette acconsentire a sottoporsi per dieci anni a sistematiche revisioni dei suoi sistemi di tutela della privacy operate governo degli Stati Uniti, proprio per non aver saputo salvaguardare le informazioni personali degli iscritti.

Il social network è stato fondato nel 2006, ed ha da poco raggiunto i 400 milioni di utenti mondiali, 200 milioni dei quali attivi almeno una volta al mese. Tra gli utenti presi di mira dai pirati informatici ci sarebbero soprattutto quelli utenti statunitensi iscrittisi prima del 2007. Sempre direttore per la sicurezza di Twitter nel blog ha anche aggiunto l’invito agli utenti a disabilitare Java nei browser dei loro computer facendo eco all’appello diffuso recentemente dal Dipartimento per la Homeland Security in merito alla presenza di `bachi´ nel software, sfruttati dai criminali informatici.

Violazioni di dati sono all’ordine del giorno e nelle piccole realtà i principianti non hanno bisogno di grandi attrezzature, ma sfruttano validi sistemi in commercio. Come piccoli dispositivi che registrano i caratteri digitati sulla tastiera o ancora rubano, nel giro di qualche secondo, tutte le informazioni contenute in un pc. Per questo i titolari di aziende di ogni tipo dovrebbero guardarsi bene ed effettuare bonifiche ambientali almeno una volta al mese. Per questo in molti hanno scelto l’acquisto di strumenti che consentono di scovare in sicurezza microspie e attrezzature simili.

La strana morte di una giovane spia inglese

luglio 4, 2011 Controspionaggio No Comments

In Gran Bretagna si torna a parlare dell’efferato omicido di Gareth Williams, il giovane agente dell’MI6 il cui corpo fu rinvenuto l’anno scorso dentro un borsone che si trovava nel suo appartamento londinese. Dalla scoperta del misfatto ad oggi l’attenzione degli inquirenti e dei rapaci media del Regno Unito si è concentrata sulla vita privata dell’agente, grande esperto di tecnologie informatiche e impegnato in compiti delicati dal servizio segreto piu’ famoso al mondo.

Le abitudini del povero Williams sono state vivisezionate ed è uscita fuori una sua presunta omosessualità – con tanto di testimonianza di uno zio sulle sempre presunte abitudini trasgressive del defunto – e l’ipotesi che il tragico epilogo della sua breve esistenza fosse da attribuire a un gioco sessuale troppo azzardato. Successivamente si è parlato, forse per suffragare questa tesi atta a circoscrivere l’episodio ai vizi della spia, del rinvenimento di numerosi abiti da donna negli armadi di casa; qualche osservatore smaliziato, in quel periodo fitto di rivelazioni piccanti, arrivò ad immaginare che in fondo all’intelligence di Sua Maestà quel plot narrativo convenisse a prescindere, e da lì il fiume di gossip arrivato sui tavoli dei giornali in cerca di sensazionalismo.

Da qualche giorno la memoria di Williams rischia di uscire riabilitata dal vero e proprio braciere a cui è stata consegnata. Sta infatti prendendo forma la convinzione che la scomparsa possa essere attribuita nientemeno che alla mafia russa – da tanto tempo molto ben inserita su tutto il territorio inglese – infastidita dalle scoperte che lo 007 avrebbe operato sul fronte del riciclaggio di denaro sporco, forse attraverso uno specifico programma di monitoraggio dei flussi economici illegali tra Europa e Mosca.
I potentati legati a questi prosperi traffici potrebbero quindi essersi rivolti alla manovalanza professionale di ex agenti del KGB, altra categoria di personaggi piuttosto nutrita a Londra e dintorni, per sbarazzarsi di un “impiccione” che aveva il torto di far bene il suo lavoro.

I familiari del ragazzo sperano di arrivare presto a una versione definitiva sull’accaduto, ma si possono scommettere parecchie sterline che siamo alla consueta penultima puntata del mistero.

Fonte: L’Occidentale

Gli Usa chiedono 1 milione di dollari per l’ampliamento dell’ambasciata cinese

luglio 3, 2011 Microspie No Comments

America e Cina, due giganti politici, militari e demografici si fanno i dispetti come i bambini. Pechino presenta a Obama il conto per l’ampliamento dell’ambasciata stelle e strisce e Washington replica chiedendo la stessa identica cifra per gli stessi lavori fatti dagli asiatici. Al neo ambasciatore Usa, Gary Locke, appena nominato dal presidente Barak Obama, il compito di spiegare la decisone al governo cinese.
La vicenda che ha poco di «diplomatico» è diventata in queste ore di dominio pubblico perché il dipartimento di Stato Usa ha presentato alla Cina un conto da un milione di dollari. Motivo: aver aiutato Pechino a ottenere l’autorizzazione per rinnovare l’ambasciata a Washington. Funzionari del dipartimento fanno sapere che il conto è stato presentato dopo che la Cina per prima ha inaspettatamente fatto pagare all’ambasciata americana a Pechino la stessa somma per i permessi necessari per allargare la sede. Una mega ristrutturazione da quasi mezzo miliardo di dollari. Queste tariffe, spiegano i funzionari, di solito non vengono applicate per cortesia, ma il protocollo richiede in questi casi la reciprocità.
L’ambasciata americana a Pechino, un complesso monumentale da 46mila metri quadrati costato 434 milioni di dollari, era stata inaugurata l’8 agosto dal presidente George Bush. Appena dieci giorno dopo il taglio del nastro della sede diplomatica cinese a Washington. Per realizzarla furono necessari 15 anni di trattative e quattro anni mezzo di lavori. L’ambasciata, protetta da un muro di cinta che la rende invisibile all’esterno, è costituita da cinque edifici, quattro dei quali realizzati da tecnici e operai cinesi con materie prime locali. Il quinto, destinato agli uffici più «sensibili», è stato costruito con materiali e manodopera statunitense: un accorgimento adottato per impedire ai cinesi di infilarvi cimici e microspie. Neppure una novità. Nell’87 Ronald Reagan si accorse che l’ambasciata americana a Mosca, appena ultimata da maestranze sovietiche, si era rivelata piena di microfoni e dovette ordinarne la demolizione.
Il compito di appianare le incomprensioni tra i due governo spetterà ora a Gary Faye Locke, 61 anni, americano di discendenza cinese. Il padre James era nativo degli Stati Uniti mentre la madre Julie era originaria di Hong Kong. Una carriere politica sempre in ascesa, iniziata nel 1983 quando venne eletto deputato nel distretto di Seattle, sua città natale. Nel 1997 diventò Governatore dello stato di Washington e il 25 febbraio 2009 venne nominato Segretario al Commercio da Obama. Il presidente Usa il 9 marzo lo ha infine spedito a Pechino, alla guida della prestigiosa sede diplomatica, al posto di Jon Huntsman Jr.

Fonte: Il Giornale

Spia e lascia spiare

febbraio 27, 2011 Controspionaggio No Comments

Esistono guerre senza medaglie, esistono guerre senza onore e senza campi di battaglia. La «Guerra fredda» è stata così. Tanto più che fredda non era per niente, soprattutto per chi si trovò a combatterla. Era crudele, viscerale e disperata, bollente ma sotterranea come il magma pronto a esplodere in una devastante deflagrazione. E se non causò milioni di vittime (arrivò più volte a un passo dal farlo) fu solo perché gladiatori misteriosi, su entrambi i fronti, fecero bene le loro mosse su una scacchiera che nessuno era autorizzato a vedere. Lo scopo non era lo scacco matto, piuttosto l’equilibrio, la vittoria tattica che non avesse come risultato un’escalation strategica.
Il saggio di Phillip Deery – professore australiano e vero geniaccio della storia dei servizi segreti – e Mario Del Pero – insegna storia degli Stati uniti all’Università di Bologna – appena uscito per Feltrinelli (Spiare e tradire. Dietro le quinte della Guerra fredda, Feltrinelli, pagg. 254, euro 17) accompagna il lettore proprio a esplorare le trincee immateriali dove fu combattuta questa logorante battaglia. È un libro agile e molto meno pedante della maggior parte delle pubblicazioni in materia. Parte dalla vita delle spie che più di tutte hanno contribuito a stabilire gli equilibri d’intelligence tra le grandi potenze: James Jesus Angleton, Kim Philby, Klaus Fuchs, Igor Gouzenko, Alger Hiss, Ethel e Julius Rosenberg, Vladimir Petrov e Aldrich Ames.
Questi cammei che ricostruiscono le incredibili esistenze dei singoli, le loro peripezie e i loro doppi giochi, non sono però fini a se stessi, perché servono a ricostruire il clima di un’epoca. Prendiamo a esempio il capitolo dedicato a James Jesus Angleton che fu a lungo l’uomo più importante della Counterintelligence americana. Testardo, figlio di una messicana e di un avventuriero dell’Idaho, maniacale coltivatore di orchidee, geniale critico letterario, si lasciò sedurre dal fascino dei servizi segreti. Divenne così uno degli uomini di punta prima dell’Oss e poi della Cia occupandosi direttamente dello scacchiere europeo e italiano in particolare. Meticoloso e combattivo, avverso ai sovietici sin dalla Seconda guerra mondiale, vedeva l’attività di spionaggio come una giungla di specchi da cui non farsi ingannare. Ecco perché a capo del Counterintelligence Staff (Cis) scatenò all’interno dei servizi americani una caccia alla talpa che costò la carriera anche ad agenti non compromessi in alcun modo con l’Urss.
Bene, proprio lui concesse fiducia assoluta e assai mal motivata a Kim Philby, l’aristocratico inglese marxista sin dall’università che ebbe (dal 1949 al ’51) la funzione di collegamento tra i Servizi di Sua Maestà e quelli a stelle e strisce. Insomma cercò per tutta la vita la talpa che aveva sotto gli occhi. E dopo che nel ’63 la carriera di Philby si concluse, con la sua clamorosa fuga a Mosca, Angleton sprofondò in un inutile gorgo di paranoia retroattiva, tanto da venir descritto così da un vicedirettore della Cia: «Ascoltare Angleton era ormai come guardare un quadro degli espressionisti. La mente di Jim era subdola e allusiva, le sue conclusioni… Si trattava sempre di fumo, accenni e bizzarre accuse».

Continua a leggere su Il Giornale

Spionaggio verde

febbraio 16, 2011 Spionaggio No Comments

Regno Unito: infiltrati di colossi energetici tra gli ambientalisti.

Tempo da lupi anche per gli ambientalisti. Almeno in Gran Bretagna dove tre giganti dell’energia la E.on, la Scottish Resources Group e la Scottish Power, sono accusati da un’inchiesta giornalistica del Guardian di aver hanno fatto sistematicamente spiare i membri di organizzazioni ecologiste, ricorrendo a una società privata di investigazione. Sembra uno scenario da guerra fredda e invece è il nuovo panorama delle covert war che si combattono nel delicato settore delle risorse energetiche. Un campo vitale per i processi economici e dove l’attrito tra interessi delle grandi compagnie e campagne dei gruppi ecologisti sta assumento forme inedite.

SPIE E INFILTRATI. Secondo il giornale britannico, le tre compagnie avevano incaricato una società di investigazioni di Canterbury, Vericola, di monitorare le attività di gruppi ambientalisti. La titolare della ditta, Rebecca Todd, si è così iscritta alle mailing list di associazioni che organizzavano manifestazioni contro la centrale E.on di Kingsnorth, il G20 di Londra e l’allargamento dell’aeroporto di Heathrow. Spacciandosi lei stessa per attivista, è riuscita a raccogliere informazioni sulle prossime mosse degli ambientalisti girandole ai responsabili sicurezza delle grandi compagnie energetiche.

I precedenti: Greenpeace spiata da Usa e Francia

La Todd secondo il Guardian avrebbe partecipato costantemente agli incontri del gruppo ambientalista Rising Tide, un network con sedi in diverse città britanniche impegnato sui temi del riscaldamento globale. L’investigatrice avrebbe anche cercato di infiltrare i suoi agenti alle manifestazioni di protesta.

LOVE STORY. Un caso che segue quello di qualche settimana fa, rivelato sempre dal quotidiano britannico, di un poliziotto infiltrato in un gruppo ambientalista per sette anni che si era poi invaghito di un’attivista fino a sposarla e che avrebbe addirittura deciso di testimoniare a un processo in favore di sei attivisti verdi, accusati di aver compiuto azioni di boicottaggio a una centrale elettrica.
Dal canto suo la Todd ha replicato negando di essere un’infiltrata e spiegando: «Ho raccolto informazioni da comunicati pubblici e comunque le manifestazioni degli ambientalisti sono aperte a tutti». Mentre la E.on ha ammesso di aver incaricato Vericola di monitorare quando si sarebbero tenute le dimostrazioni e i tentativi di invadere i suoi impianti.

Continua a leggere su Lettera 43

Droni senza pilota, il Pentagono taglia i fondi

febbraio 15, 2011 Controspionaggio No Comments

I produttori di aerei spia senza pilota che riforniscono il Pentagono si aspettavano, vista la crescente domanda di mezzi di questo genere, che il bilancio della Difesa USA rispecchiasse tale tendenza, e sono rimasti di sasso nel vedere che il budget ad essi riservato e’ solo lievemente superiore all’attuale.

Ad esempio, per la classe di droni da alta quota Global Hawk, capaci di volare ad oltre 20000 metri di altezza per lunghi periodi di tempo, il Congresso ha stanziato circa 1.7 miliardi di dollari, esattamente la stessa quantità dello scorso anno.
Al contrario, si registra un significativo aumento (da 1.7 miliardi a 2.5) per i droni della classe Predator, aerei senza pilota da combattimento, capaci non solo di raccogliere immagini e video di sorveglianza aerea, ma anche e soprattutto di lanciare missili verso obiettivi di terra senza far correre rischi a piloti in carne ed ossa.

Qualsiasi mezzo più piccolo di quelli appena descritti, ad esempio i droni che volano a bassa quota e con autonomia limitata, vedrà tagli ai propri finanziamenti, da 1.2 miliardi a 600 milioni. Se il congresso approvasse i tagli alla spesa già per il 2011, tali tagli diventerebbero effettivi già dall’anno in corso.

Le richieste del Pentagono per la legge finanziaria 2012 richiedono l’acquisto di 1395 droni, un numero inferiore ai 1545 finanziati per il 2010, tale risparmio, unito ad un taglio di costi di circa 300 milioni, servirebbe a finanziare l’acquisto degli aerei spia MC-12 e per sviluppare nuovi sistemi di sorveglianza aerea non meglio specificati.

Bisdogna dire che è abbastanza sorprendente vedere che i militari non chiedono più finanziamenti per l’acquisto di droni, una tecnologia che è esplosa negli ultimi dieci anni.
Il Pentagono continua comunque la sua tendenza, dopo l’11 settembre 2001, di chiedere più soldi per i costi non direttamente collegati alle operazioni di guerra, ma rallentando il tasso di crescita, che si prevede debba raggiungere la crescita zero entro il 2015.

Fonte: Endoacustica Blog

Iran, la tecnologia bellica continua a progredire

febbraio 8, 2011 Spionaggio No Comments

Presentata oggi una nuova tecnologia missilistica

Il capo dei Guardiani della rivoluzione (corpo militare istituito in Iran dopo la rivoluzione del 1979) ha comunicato oggi la messa in produzione di missili antinave in grado di raggiungere velocità tre volte superiori a quella del suono, invisibili alle intercettazioni e dotati di sistemi di guida ad alta precisione.

Il presidente Ahmadinejad, invece, ha annunciato le messa in orbita entro il 2012 di quattro nuovi satelliti artificiali: il primo era stato lanciato nel 2009 e poi distrutto.

La preoccupazione internazionale è data periodicamente dagli annunci iraniani sui continui miglioramenti dei propri armamenti. La repubblica islamica dice di non temere aggressioni da parte degli Usa o di Israele e sostiene di essere in grado di rispondere a qualsiasi aggressione con rappresaglie devastanti.

Fonte: Peace Reporter

Pericolo al Qaeda in Europa

febbraio 8, 2011 Controspionaggio No Comments

Centinaia di europei, tra cui 14 francesi, sono stati addestrati a compiere attentati da al Qaeda nei campi al confine tra Afghanistan e Pakistan. E’ quanto riporta il sito web di ‘Le Figaro’ citando documenti del controspionaggio di Parigi, la Direction Centrale du Renseignement Interieur (Drci)

Quattordici francesi si stanno addestrando nei campi di al Qaeda “con un centinaio di altri europei” nella zona fra Pakistan e Afghanistan e potrebbero rientrare in Europa per compiere attentati: lo affermano note della direzione centrale dell’informazione interna (Dcri, controspionaggio), citate questa mattina dal quotidiano ‘Le Figaro’.

Secondo le informazioni, “la presenza di 14 francesi è stata segnalata nel 2010” in quella zona e “diversi di questi combattenti hanno acquisito un’esperienza e una legittimità che consente loro di attirare nuove reclute”.

Le note del controspionaggio francese aggiungono che molti di questi europei “nutrono spesso motivi di risentimento personale nei confronti dei loro paesi” e sono pronti “ad impegnarsi in azioni terroristiche”.

Fonte: Giornale Radio RAI

Israele: ex soldatessa confessa, consegnati documenti segreti a stampa

febbraio 7, 2011 Controspionaggio No Comments

Tel Aviv, 6 feb. – (Adnkronos) – Anat Kamm, ex soldatessa accusata di spionaggio per aver consegnato al giornale Haaretz 2mila documenti riservati militari, ha confessato oggi davanti ai giudici di aver trafugato e diffuso le carte top secret. Sulla base di un accordo con la procura, con la sua confessione la Kamm, diventata giornalista dopo aver finito il servizio militare, in questo modo ha evitato l’accusa di minaccia alla sicurezza dello stato, punibile con l’ergastolo. Ma si e’ dichiarata colpevole di aver sottratto e consegnato a terzi senza autorizzazione informazioni top secret, accuse per le quali rischia fino a 15 anni.

Fonte: ADN Kronos

Intercettazioni.eu


Un aggregatore di articoli e guide online, su argomenti legati allo spionaggio, contro spionaggio, controllo accessi, intercettazioni, Sicurezza personale, protezione dei propri beni e dei vostri affetti.

Ricerca intestatario numero di cellulare

Vuoi sapere il titolare di un numero di telefono cellulare? o viceversa vuoi conoscere il numero di telefono partendo dall'intestatario? I numeri esteri non sono un problema! Chiamaci: 0803026530

Fornitura di sim card anonime

In abbinamento con i nostri telefoni cellulari Stealth Phone, per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza alle vostre conversazioni telefoniche, da oggi possiamo offrirvi anche una serie di schede SIM anonime, per ottenere le quali non c’è bisogno di alcuna registrazione.
Chiamaci per saperne di piu' allo 0803026530!

Recupero sms cancellati

Recuperiamo sms, dati cancellati da sim card e telefoni cellulari. Devi inviarci la sim card e/o il telefono cellulare. In meno di una settimana riceverai i dati estratti per e-mail o per posta. Chiamaci per ulteriori informazioni: 0803026530

Come localizzare un cellulare

Come si fà a localizzare un cellulare?. Tutti i telefoni cellulari una volta accesi e collegati alla rete dei provider telefonici mobili sono rintracciabili geograficamente. Chiamaci per saperne di piu': 0803026530

Sblocco codici autoradio

Il codice di un autoradio è unico, per ogni radio associata ad ogni telaio, in genere si trova scritto a penna in qualche libretto di garanzia o manutenzione dalla concessionaria. Se è impossibile ritrovarlo, chiamaci: 0803026530

Recupero password perse

Hai dimenticato la tua password per Excel, word, myspace, aol, facebook, yahoo, msn, hotmail, live, gmail, libero, aim, aol....etc? Possiamo aiutarti, chiamaci: 0803026530

 MICROSPIA GSM
microspia gsm IRIncredibile microspia GSM, la piu' piccola al mondo dotata di sensore infrarossi di movimento e di vibrazione. Intercetta anche le conversazione effettuate dal telefono di casa.

NEWSLETTER

e-mail:
nome:
 Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

Calendario

luglio: 2017
L M M G V S D
« Giu    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Contattaci


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

Contattaci via Skype

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Guide alla videosorveglianza

Come arrestare il key bumbing, il furto senza traccia

La nuova frontiera dei furti, per ladri in continuo aggiornamento, è il “key bumping”. Si tratta dell’arte di aprire le porte delle abitazioni senza lasciare segni di effrazione. A Roma, i Carabinieri hanno arrestato una banda di georgiani, ben 37 persone, specializzate in furti in appartamenti nella città e in provincia. L’organizzazione criminale è risultata responsabile di decine di colpi in appartamenti, e in particolare, è specializzata nella tecnica consente …

I consigli del ladro per una difesa ottimale contro i furti in estate.

furti in appartamento

Le vacanze, per molte famiglie italiane, sono già iniziate. Le città si svuotano e le case rimangono sempre più isolate, soprattutto se i vicini decidono di partire nello stesso periodo. Quella delle vacanze estive, quindi, diventa un’occasione per ladri, professionisti e no, per entrare in azione, in quanto hanno meno possibilità di essere visti e acciuffati e possono, così, agire con più calma. Il giornale napoletano “Il Mattino” proprio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 4 – Visione filmati e integrazione

Passiamo alla quarta ed ultima parte della nostra guida, rispondendo a domande su come visualizzare i video di sorveglianza e come integrare le proprie apparecchiature di sorveglianza con altri sistemi video. 6. Visualizzare i video La maggior parte dei video di sorveglianza non viene mai vista da esseri umani, se non per indagini storiche. Alcuni sistemi a circuito chiuso consentono la visione in diretta, ad esempio come sistemi antitaccheggio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 3 – Salvataggio filmati e analisi video

Proseguiamo con le nostre 7 domande, con la parte dedicata ai supporti di salvataggio dei filmati video, e all’analisi dei filmati registrati. 4. Salvataggio I video di sorveglianza sono quasi sempre salvati per recupero e revisione. La durata media dello stoccaggio è tra i 30 e i 90 giorni, anche se in alcuni casi il periodo può essere più breve, o durare anche per qualche anno. I due elementi più …

Guida al controspionaggio

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 2)

LEGGI LA PRIMA PARTE… – La scatola di una presa elettrica sembra essere stata spostata
. Le prese elettriche sono tra i punti dove più frequentemente vengono nascosti dispositivi di intercettazione, così come lo sono i rilevatori di fumo, le lampade o gli interruttori. Se notate della sporcizia (tipo segatura o …

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 1)

A casa, in ufficio ed in qualsiasi posto vi troviate potreste essere spiati. Chiunque voi siate, e qualsiasi cosa facciate, vi può capitare di incontrare persone che, per interesse o per avidità di potere, desiderano di venire in possesso di vostre informazioni riservate, sia per danneggiarvi che per ottenere un …

Il fisco controllerà anche i telefoni

Tra le grandi manovre di controllo che si stanno operando per monitorare i contribuenti, pare che gli agenti 007 dell’Agenzia delle Entrate si stiano concentrando sulle intercettazioni del nostro cellulare. Iphone, Samsung o qualsiasi altra marca sia, il fisco non si pone limiti. Non si tratta di spiare il contenuto …

ADS

 

 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Rilevatore di giunzioni non lineari capace di scoprire dispositivi elettronici nascosti, anche se il dispositivo emette irradiazioni, abbia fili o sia acceso.
 MICROREGISTRATORI
Nuovissimi microregistratori digitali con durata di registrazione fino a 1200 ore. Utilissimi per raccogliere prove o scoprire tradimenti di ogni tipo. I modelli ad attivazione vocale VAS permettono inoltre una maggiore autonomia di consumi. Affidabilità, efficacia e prezzo conveniente.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spy phone, o cellulare spia, è un normale cellulare su cui viene installato un software spia capace di intercettare qualsiasi azione intrapresa sul cellulare stesso (chiamate, SMS, foto ecc.). Il software spia per spyphone è funzionante sulla maggior parte degli smartphone con sistema operativo Android, iOS e Blackberry.
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 MICROAURICOLARI
microauricolareI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all’auricolare celato nell’orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.

ARTICOLI IN RILIEVO

Come difendersi dalle intercettazioni telefoniche non autorizzate

28 Apr 2017

cellulare-criptato-anti-intercettazione

Mentre anche la politica d’oltreoceano, con la recente presa di posizione abolizionista del neo presidente americano Donald Trump, sembra muovere in direzione opposta a quella della tutela dei dati on line, garantirsi degli strumenti efficaci contro il furto di informazioni diventa ogni giorno più pressante. Lo stesso dicasi per le intercettazioni telefoniche abusive. Ovviamente in quest’ultimo caso ci riferiamo a tutte quelle operazioni non autorizzate da organi giudiziari competenti, ma comunque avviate in maniera indiscriminata …

Microspia GSM NANO-BUG. Per un ascolto efficace di veicoli o ambienti da qualsiasi distanza

9 Dic 2016

microspia-gsm-nano-bug_400x227

Se cercate una microspia audio dalle dimensioni realmente ridotte, facile da installare e capace di funzionare da qualsiasi distanza, allora la NANO-BUG è il dispositivo adatto a voi. Questo gioiellino di elettronica per l’intelligence funziona infatti grazie a un vettore GSM Quadriband che permette l’ascolto audio da qualsiasi postazione. Le caratteristiche più interessanti della NANO-BUG risiedono principalmente nella programmazione da remoto attraverso l’invio di SMS di comando (fino a 5 …

Come scoprire se qualcuno ti sta spiando in poche semplici mosse

21 Set 2016

spiare-bonifiche-ambientali

Temi che qualcuno abbia piazzato dei microfoni nel tuo appartamento? Hai paura che stiano spiando ogni tuo movimento? Sei convinto che nella tua auto ci sia una microspia? Vediamo insieme quali segnali prendere in considerazione per evitare qualsiasi abbaglio interpretativo e giungere invece alla verità. Prima di passare a elencare i segni tangibili e quelli meno evidenti di eventuali intercettazioni in atto, sarebbe  tuttavia opportuno chiedersi: perché dovrebbero spiare proprio …

Microregistratore digitale SAB-R1: lunga durata e dimensioni ridottissime

26 Ago 2016

microregistratore-digitale-sab-r1

Registra file audio a livello ambientale su memoria integrata da 8GB per 40 ore consecutive. Il micro registratore digitale SAB-R1, di recente ideazione, si colloca ai primi posti nel panorama dei dispositivi elettronici per la registrazione ambientale in modalità nascosta. Questo grazie soprattutto alla sua capacità di registrare e archiviare file in formato wave (ad altissima qualità audio) per una durata prossima alle 40 ore. Le sue ridotte dimensioni (4×1.7×0.8 …

Come proteggersi dal cyberbullismo. L’esempio di Facebook

26 Lug 2016

bullismo-facebook

Come difendere i nostri figli dai bulli che popolano la rete? La risposta potrebbe arrivare dalle linee guida pubblicate qualche tempo fa da Facebook su una pagina dedicata al bullismo, dal titolo: “Fermiamo il bullismo. Presentazione di strumenti, suggerimenti e programmi per aiutare le persone a difendere se stesse e gli altri“. L’obiettivo principale del noto social network è chiaramente quello di mitigare l’aumento di casi di violenza verbale, ingiurie …

Cellulare Stealth Phone non intercettabile con invio di SMS criptati

4 Lug 2016

stealt-phone-smartphone

In tempi in cui tutti si affannano a spiare tutti, la privacy delle comunicazioni sembra quasi diventata  un optional. Purtroppo, anche i casi di persone spiate al cellulare da concorrenti sleali, pirati informatici o altri individui senza scrupoli aumentano. Fermo restando le operazioni di intercettazione telefonica avviate legalmente dagli organi giudiziari, ogni altra azione di spionaggio telefonico rischia di diventare un pericolo da cui è necessario tenersi assolutamente alla larga. …

Localizzatore Quad-Track: rintraccia qualsiasi veicolo fermo o in movimento

8 Apr 2016

magnetic-gps-gprs-tracker-quadriband

Tracciamento in real time di auto, moto, camion, container ecc. A prova di intemperie! Se il vostro bersaglio vi sta mettendo a dura prova con spostamenti continui e improvvisi, il localizzatore quadribanda GPS-GPRS Quad Track è il tracker che fa per voi. In primo luogo perché è capace di captare il segnale di posizione con precisione impressionante (meno di 5m), quindi perché utilizza l’azione combinata del segnale GPS e GPRS …

ADS

 

 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta e il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.

Violazione dei diritti civili

Oltre 560 scrittori ed intellettuali firmano contro le intercettazioni

2 Gen 2014

Oltre 560 scrittori ed intellettuali firmano contro le intercettazioni

La bambina virtuale adescata da 20mila adulti

26 Nov 2013

Sweetie, una bambina virtuale, messa in rete come esca, per verificare quanto e come gli adulti si avvicinano ai piccoli via web. L’esperimento, condotto dall’associazione per i diritti umani olandese Terre des Hommes, ha purtroppo attirato, in appena due mesi e mezzo, oltre 20mila persone, 1000 delle quali identificate. Erano disposti a …

Il costo della nostra privacy

31 Lug 2013

Si è soliti sostenere che la privacy non ha prezzo, oggi però ci sono dei parametri attendibili con cui farsi un’idea: il tariffario con cui gli operatori telefonici e gli Internet service provider statunitensi vendono le conversazioni degli utenti al governo. Dopo il caso Snowden, a svelare il listino prezzi è stato il …

Spionaggio per manipolare i social network secondo il Guardian

10 Mag 2011

Lo dice il Guardian. L’esercito americano sta sviluppando un software che consente di manipolare segretamente i siti di social media utilizzando falsi personaggi online per influenzare le conversazioni su Internet e diffondere propaganda filo-americana. Una società californiana si è aggiudicata un contratto con la United States Central Command (Centcom), che …

Le vite degli altri a Pechino

7 Mag 2011

Istituiti nuovi controlli su Internet mentre la tv vieta i film di spionaggio e crimine Istituzione di un nuovo ufficio per coordinare i controlli di Internet, proibizione di teletrasmettere film che includono immaginari viaggi nel tempo, ma anche quelli di spionaggio e di crimine, e l’ex ministro della Pubblica Sicurezza, …