Il cappellano di San Vittore accusato di violenze sessuali

Sono bastate le immagini di una telecamera nascosta ad incastrare don Alberto Barin, 51 anni, cappellano del carcere di San Vittore, accusato di violenza sessuale continuata e pluriaggravata e concussione ai danni di diversi detenuti. Prestazioni sessuali in cambio di favori: shampoo, spazzolini, sigarette, sapone, assieme alla promessa di una “buona parola” a sostegno della loro scarcerazione. E se questa avveniva, il sacerdote chiedeva agli ex detenuti di passare da casa sua, dietro l’istituto per “ringraziarlo”.

La prima denuncia, da parte di un ragazzo africano, è giunta la scorsa estate, ma a quanto sembra, le violenze si protraevanogià dal 2008. Il giovane ha dichiarato di esser stato molestato dal cappellano. A questa si sono unite nel tempo altre denunce sempre da parte di cittadini extracomunitari di età compresa tra 22 e 28 anni. Se questi si rivelavano “gentili” con lui, Don Alberto gli avrebbe concesso dei favori; chi si rifiutava non riceveva più benefici da parte del prete.
Gli investigatori della squadra mobile, supportati dagli agenti della polizia penitenziaria, a seguito delle denunce, sono riusciti lo scorso giugno, a piazzare delle microcamere per registrazioni ambientali sia nell’ufficio del prete sia a casa sua con le quali sono riusciti a raccogliere le prove necessarie.

Nelle pagine dell’ordinanza di custodia cautelare è racchiuso il racconto delle vittime, tutte in carcere per episodi di micro criminalità come furti o rapine, solo uno, che tra l’altro si è rifiutato di collaborare, è accusato di omicidio. I detenuti si sentivano “costretti” a cedere alle avance del cappellano dal loro “stato di bisogno“. Avevano necessità di ricevere quei piccoli beni o anche pochi soldi per acquistare qualcosa che facilitasse la vita in carcere. Ad influire sulla scelta di assecondare le relazioni sessuali incideva anche l’“interessamento alla loro posizione carceraria”, conveniva tenerselo buono insomma. Per questo si parla anche di abuso di potere. Secondo il gip il prete avrebbe strumentalizzato “la sua posizione, le sue funzioni, i suoi pur limitati poteri e la sua quotidiana vicinanza ai detenuti per soddisfare quasi ossessivamente le sue pulsioni sessuali“.

Tra i detenuti degni delle avance del cappellano è spuntato nei giorni scorsi il nome di Fabrizio Corona che spontaneamente ha dichiarato di aver capito subito che c’era qualcosa che non andava nel prete. In un’intervista ha affermato tra l’altro:“Provò a toccarmi, promettendomi agevolazioni su questo e quell’altro”.

Ciò che resta nel mistero è come nessuno si sia accorto in 17 anni di presenza di Don Barin all’interno del carcere, (è a San Vittore dal 1997) di queste sue “devianze”. Tutti ne parlano come di una persona di massimo rispetto. La Curia, seppur sgomenta in un primo momento, si è affidata al lavoro degli investigatori dichiarandosi disposta a collaborare.

Don Alberto Barin ad oggi si trova nel carcere di Bollate in attesa dell’interrogatorio di garanzia; tutte le vittime sono state trasferite da San Vittore in altri penitenziari. Gli investigatori stanno cercando di capire se altri detenuti possano aver subito simili abusi da parte del cappellano.

L’attentato di Oslo ripreso dalle telecamere di sorveglianza

Ancora una volta i sistemi di sorveglianza hanno avuto un ruolo cruciale nelle indagini condotte dalle forze dell’ordine. Proprio in queste ore la televisione norvegese Nrk ha mandato per la prima volta in onda le immagini dell’attentato di Oslo del 22 luglio 2011, riprese dalle telecamere nascoste.
Il video è stato mostrato agli inquirenti durante il processo a Anders Behring Breivik, risultato responsabile dell’esplosione. Il terrorista norvegese è ripreso nei pressi dei palazzi del governo di Oslo. L’uomo, vestito in uniforme, parcheggia un furgone bianco e si dirige verso una Fiat grigia che lo condurrà sull’isola di Utoya dove ucciderà altre 69 persone. A causa dell’autobomba parcheggiata ai piedi della torre in cui si trovano gli uffici del premier norvegese, persero la vita otto persone. Nel video sono nitide tutte le diverse fasi dell’attacco, dall’arrivo all’esplosione vera e propria.
Come sappiamo, Breivik è stato condannato a 21 anni di detenzione, pena massima prevista in Norvegia, che potrebbe però essere prolungata a tempo indefinito.

E’ impensabile ormai per grandi e piccole aziende non essere dotate di telecamere di sicurezza meglio ancora se poco visibili e facili da occultare. Infatti è consigliabile avere dei circuiti costruiti ad hoc che integrino sistemi di sorveglia interni ed esterni alle attività, siano queste esercizi commerciali o industrie vere e proprie. E’ chiaro che con la sicurezza non si gioca ed è opportuno quindi affidarsi a degli esperti nel settore come Endoacustica, che da anni garantisce la massima sicurezza a numerose attività sparse in tutto il mondo.

I cinesi spiano i vertici europei

novembre 22, 2012 Spionaggio computer No Comments

Non succede solo all’interno delle aziende, ora si spiano i concorrenti anche ad altissimi livelli e dove la sicurezza dovrebbe essere garantita al 100%.

Bloomberg, sito di finanza ed affari, ha dichiarato che gli hacker cinesi spiano i vertici europei. Notizia a dir poco allarmante se teniamo presente l’importanza dei contenuti che trapelano durante gli incontri europei. Gli attacchi proverrebbero dunque dalla Cina e attaccano gli account di posta dei personaggi che compongono i vertici dell’UE, dal presidente del Consiglio, Herman Van Rompuy, a quelli dei principali esponenti del governo e del parlamento. La prova di queste infiltrazioni sarebbero gli elenchi dettagliati di log, le tracce dei collegamenti informatici, forniti da anonimi specialisti dell’intelligence americana.

Sarebbe opportuno l’introduzione di sistemi di bonifica ambientale, usati in numerose aziende del mondo che permettono di rilevare l’eventuale esistenza di microspie e cimici di ogni genere e quindi di neutralizzarle. Lo stesso Consiglio Europeo, che non ha commentato la notizia, ha scritto di recente un rapporto in cui si legge: “la maggior parte delle organizzazioni pubbliche e private sono oggetto di costanti attacchi hacker”.

Come è chiaro, chi ha diffuso la notizia dell’esistenza di queste intercettazioni, fa parte di organizzazioni molto simili a quelle dei cinesi, che tra l’altro ha denunciato che questi avrebbero usato “metodi sviluppati in origine dai governi”. Un attacco sferrato con le loro stesse armi insomma. Le azioni di spionaggio sarebbero cominciate l’otto luglio del 2011 e sarebbero documentate per almeno un decina di giorni, ma potrebbero anche essere continuate nel tempo.

Il Consiglio conserva le informazioni riservate in un sistema separato, non collegato alla rete e da tempo ha elevato i sistemi di sorveglianza dei suoi dati, anche se sembra avere ben presente che in questo ambito la sicurezza assoluta non è facilmente raggiungibile e soprattutto è necessario affidarsi ad aziende esperte.

Microspia all’interno dell’auto del pm Tarondo

Hanno fatto bene a sospettare, un paio di poliziotti che da anni si occupano della protezione del pm Andrea Tarondo, magistrato della Procura di Trapani che si è spesso occupato di scottanti inchieste sulle connessioni tra Stato e mafia.

L’auto del magistrato viene usualmente posteggiata nel parcheggio del super sorvegliato Palazzo di Giustizia con telecamere di sorveglianza collocate ovunque. Un finestrino dell’auto blindata leggermente aperto ha fatto scattare l’allerta degli uomini di guardia: qualcuno si è introdotto nella macchina del pm. Non un attentato, ma un’operazione per togliere una microspia, forse addirittura un localizzatore gps. Abbiamo detto bene, non mettere, ma togliere. Sotto al cruscotto, infatti, sono stati individuati un paio di fili scoperti, che un tecnico specialista in intercettazioni ambientali, ha ritenuto compatibili con quelli per l’alimentazione di microspie, rimasti dopo la rimozione della cimice. Il dispositivo può aver trasmesso dati sugli spostamenti, spesso abitudinari, di Tarondo e qualcuno, dopo aver raccolto le informazioni necessarie, ha pensato bene di chiudere il lavoro, rimuovendo l’apparecchio. Non è stata un’operazione da manovalanza criminale, ma da specialisti, esperti all’opera per scoprire il lavoro di quel magistrato “scomodo” che in questi mesi ha alzato il livello delle indagini contro le connessioni tra mafia e politica, sulle casseforti a disposizione del super boss latitante Matteo Messina Denaro. Il pm, inseguendo la criminalità si è anche imbattuto in infedeli servitori delle istituzioni, investigatori corrotti e corrompibili.

L’auto blindata, una Bmw, è stata posta sotto sequestro dalla Procura della Repubblica di Caltanissetta che si sta occupando del caso. Non è chiaro se l’intercettazione riguardi solo gli spostamenti o anche i colloqui sostenuti da Tarondo anche telefonicamente durante i viaggi in macchina.

La cimice o il gps sono segnali chiari che la mafia ha alleati e complici insospettabili che hanno curiosità di conoscere il contenuto delle carte che quel magistrato ha in mano a proposito degli intrecci tra Cosa nostra e istituzioni. Una mafia sempre più infiltrata nelle istituzioni, fin dentro quegli apparati che dovrebbero difendere lo Stato e invece colpiscono gli onesti cittadini.

Tangenti al policlinico di Modena: le conversazioni telefoniche

novembre 14, 2012 Intercettazioni No Comments

“Sono soldini, facendo una cosa e n’altra, arrivo a portà cinquemila euro a casa, capito? Senza spremermi tanto, piglio i soldi sotto banco, un bordello di soldi, li fatturo ad una onlus, perché porto avanti studi clinici e c’ho le aziende che mi propongono contratti…”. Questa è parte di una conversazione telefonica intercettata il 16 giugno 2011. A parlare è il medico Alessandro Aprile, 37 anni, che in quell’anno frequentava un master nel reparto di cardiologia del Policlinico di Modena.

Nello stesso reparto, secondo i Nas e la Procura, venivano svolti studi di natura cardiologica non autorizzati o del tutto inesistenti, venivano falsificate le cartelle cliniche e utilizzato materiale sanitario spesso difettoso. Uno scambio continuo con alcune aziende private italiane ed estere del biomedicale, che, in cambio dell’uso da parte dei medici dei dispositivi da loro prodotti, con conseguente pubblicità, hanno versato tra il 2009 e il 2011, somme di denaro pari a un milione di euro sui conti di 3 onlus create ad hoc. I pazienti con problemi cardiaci, ossigeno per l’attività a delinquere, venivano arruolati a decine, e velocemente si trasformavano in cavie da laboratorio per sperimentazioni fuori da qualsiasi controllo.

Le colonne portanti del malaffare sembrano essere il primario Maria Grazia Modena, 60 anni, prima donna in Italia a presiedere la Società italiana di cardiologia, e Giuseppe Sangiorgi, 47 anni, ex responsabile del laboratorio di emodinamica della cardiologia. Oltre a loro sono finiti in manette altri sette medici, alcuni dei quali non più in servizio nel nosocomio modenese. Altri 67 gli indagati.
Pare che la dottoressa Modena, fosse a conoscenza dei legami tra Sangiorgi e diverse aziende farmaceutiche e proprio per questo avrebbe delegato all’uomo le trattative con le imprese. Il sodalizio sarebbe nato nel 2009. La rete di imprese e di appalti truccati è andata via via formandosi. Nel marzo dello scorso anno, Sangiorgi è stato allontanato dal Policlinico sulla base dei report della commissione scientifica inviata dalla Regione Emilia-Romagna che aveva denunciato delle inadeguatezze.
Nonostante ciò, gli inquirenti hanno continuato ad ascoltare le conversazioni tra il primario e il medico attraverso dei telefoni intercettati. Nelle conversazioni la Modena rassicura il fidato collaboratore su dei possibili risvolti futuri.

I pazienti sono stati in tutto ciò solo degli strumenti per raggiungere fini economici. La pubblicazione di studi scientifici era diventata un’attività talmente remunerativa che si conduceva ormai senza scrupoli. Sempre il Sangiorgi, in altre telefonate, si lamenta con un collega sulle troppe domande che i pazienti gli rivolgevano sulla loro stessa salute. In altre conversazioni intercettate si parla di patologie ricercate per compiere determinate operazioni. “Sto aspettando di beccare un paziente che ha già il catetere”, la dichiarazione di un altro medico sotto accusa.
Ciò che ne risulta è un quadro di una società sempre più alla deriva dove i sistemi di sorveglianza utilizzati sono ancora troppo esigui. Anche in questo caso è stato l’utilizzo di sistemi di intercettazione che ha fatto luce sulla questione.

Il geometra Lanzi inchiodato dalle microspie

Continuano le indagini del Corpo Forestale per far luce sull’operazione che riguarda gli appalti truccati nel vicentino denominata “Genio e sregolatezza” e che vede coinvolti vari imprenditori, funzionari, dipendenti pubblici ed amministratori implicati in una immensa rete di appalti truccati. Nel mirino degli inquirenti, che al momento hanno sotto torchio 63 indagati, nove dei quali in carcere e tre agli arresti domiciliari, sono finite ancora una volta le intercettazioni.

Inizialmente gli uomini della forestale avevano individuato in Gabriella Annessi e Roberto Lanzi, impiegati al Genio Civile, le uniche menti di questo malaffare. Ora tra le carte sembra siano emerse anomalie nelle assegnazioni di alcuni appalti pubblici da parte della Provincia, nonché una consistente attività di finanziamento per l’apertura dei cantieri.

Quello che incuriosisce è la storia degna del film 007, sostenuta da un difensore durante un’udienza.
Pare che nel maggio dello scorso anno, Roberto Lanzi si è presentato volontariamente al Nucleo di Polizia Tributaria di Viterbo sporgendo denuncia contro ignoti a causa della presenza di numerosissime microspie nel suo ufficio.
Lanzi avrebbe raccontato agli agenti che, insospettito da alcuni fori posti nel controsoffitto dello studio a Viterbo, ha proceduto al controllo del pannello, riscontrando con sua sorpresa la presenza di apparecchiature simili a microcamere, con tanto di led luminosi e antenne di trasmissione.

In un primo momento il geometra ha pensato che fosse stata l’amministrazione dell’ufficio ad installare i dispositivi per controllare il proprio operato e, pur conoscendo l’illegalità del gesto, ha lasciato l’apparecchiatura al suo posto senza provvedere alla rimozione e senza avvertire gli amministratori. Ovviamente si trattava di sistemi che facevano capo ai militari del Corpo Forestale che, vedendo che Lanzi aveva scoperto le telecamere, le rimossero.

Sempre Lanzi avrebbe denunciato che, avendo dei problemi con la presa del computer situata alle spalle della scrivania, nell’intento di verificare il funzionamento della stessa, ha aperto la presa e trovando all’interno della stessa, un apparecchio che non aveva mai visto e che presumeva essere estraneo al funzionamento della presa e che quindi ha rimosso. Con questo dubbio ha controllato le altre prese di corrente dell’ufficio rinvenendo un altro oggetto simile al precedente. Questi due misteriosi oggetti non erano altro che due ultra tecnologiche microspie sempre usate dagli inquirenti per controllare il geometra.
Fatto sta che i potenti sistemi usati hanno prodotto registrazioni e filmati che inchiodano in maniera certa Lanzi.

Maxi-scandalo Trenitalia: le intercettazioni la chiave di volta

La maxi-inchiesta a Trenitalia, condotta dalla squadra mobile di Firenze e dalla Polizia Ferroviaria, ha portato ha portato alla luce un presunto maxi-scandalo fatto di appalti pilotati. Quarantadue gli indagati, decine e decine gli arresti e le perquisizioni. Imprenditori e funzionari di Trenitalia, ma anche titolari di aziende e persone impegnate nell’amministrazione pubblica, avrebbero secondo l’accusa, collaborato per pilotare vari appalti targati Trenitalia.

La fuga di informazioni riservate alla base dell’inchiesta. In cambio, denaro, favori personali e beni materiali. La stessa accusa ha descritto il sistema secondo il quale i vantaggi venivano suddivisi.
Sembra che venissero svolte delle “gare interne” per stabilire in anticipo chi avrebbe dovuto aggiudicarsi l’appalto. Alla fine dell’anno, grazie alle informazioni fornite dai funzionari di Trenitalia, ognuno degli imprenditori aderenti al gruppo, definito “Fratellanza”, doveva aver avuto accesso alla sua parte di appalti, in modo che tutti ne ricavassero uguale profitto.

Tra gli arrestati anche due impiegati alla direzione Audit, l’organo di Trenitalia preposto alla vigilanza interna. Circa venti gli appalti truccati che riguardano principalmente la fornitura di accessori per la manutenzione dei treni (batterie, schede elettriche per la riparazione dei convertitori, bobine per motori elettrici) . Come ha precisato il pm Giuseppe Bianco “non c’era alcun interesse per la qualità del servizio fornito”.
Al vertice del complotto tre funzionari delle Ferrovie: Tiberio Casali, Graziano Fantoni, Giovanni Mugnai. Questi svolgevano un’intensa e costante attività di informatori, facendo filtrare e pervenire agli imprenditori dati e notizie riservate sugli estremi delle gare, sulle condizioni tecniche che l’ente intendeva applicare e sulle condizioni di prezzo.

E’ stato possibile ricostruire la vicenda grazie alle microcamere e ai microregistratori utilizzati dagli investigatori nel corso delle indagini. Sono stati passati al vaglio numerosi incontri in bar e ristoranti. Tra i filmati spicca uno in cui il Mugnai chiede ad un imprenditore quale tipo di gare preferisce ed intasca una busta che, dichiarano gli inquirenti, “sicuramente conteneva denaro”. Ma ci sono anche scene di shopping dello stesso con il titolare di un’azienda per un totale di circa 800 euro tra lavatrice, fotocamera e accessori per videogiochi. Tra le spese pazze non sono mancati strumenti hi-tech, viaggi e buoni benzina.
Tra i reati contestati: associazione per delinquere, corruzione, turbata libertà degli incanti, abuso di ufficio e accesso abusivo alle banche dati riservate di Trenitalia.

Intercettazioni.eu


Un aggregatore di articoli e guide online, su argomenti legati allo spionaggio, contro spionaggio, controllo accessi, intercettazioni, Sicurezza personale, protezione dei propri beni e dei vostri affetti.

Ricerca intestatario numero di cellulare

Vuoi sapere il titolare di un numero di telefono cellulare? o viceversa vuoi conoscere il numero di telefono partendo dall'intestatario? I numeri esteri non sono un problema! Chiamaci: 0803026530

Fornitura di sim card anonime

In abbinamento con i nostri telefoni cellulari Stealth Phone, per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza alle vostre conversazioni telefoniche, da oggi possiamo offrirvi anche una serie di schede SIM anonime, per ottenere le quali non c’è bisogno di alcuna registrazione.
Chiamaci per saperne di piu' allo 0803026530!

Recupero sms cancellati

Recuperiamo sms, dati cancellati da sim card e telefoni cellulari. Devi inviarci la sim card e/o il telefono cellulare. In meno di una settimana riceverai i dati estratti per e-mail o per posta. Chiamaci per ulteriori informazioni: 0803026530

Come localizzare un cellulare

Come si fà a localizzare un cellulare?. Tutti i telefoni cellulari una volta accesi e collegati alla rete dei provider telefonici mobili sono rintracciabili geograficamente. Chiamaci per saperne di piu': 0803026530

Sblocco codici autoradio

Il codice di un autoradio è unico, per ogni radio associata ad ogni telaio, in genere si trova scritto a penna in qualche libretto di garanzia o manutenzione dalla concessionaria. Se è impossibile ritrovarlo, chiamaci: 0803026530

Recupero password perse

Hai dimenticato la tua password per Excel, word, myspace, aol, facebook, yahoo, msn, hotmail, live, gmail, libero, aim, aol....etc? Possiamo aiutarti, chiamaci: 0803026530

 MICROSPIA GSM
microspia gsm IRIncredibile microspia GSM, la piu' piccola al mondo dotata di sensore infrarossi di movimento e di vibrazione. Intercetta anche le conversazione effettuate dal telefono di casa.

NEWSLETTER

e-mail:
nome:
 Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

Calendario

novembre: 2012
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Contattaci


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

Contattaci via Skype

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Guide alla videosorveglianza

Come arrestare il key bumbing, il furto senza traccia

La nuova frontiera dei furti, per ladri in continuo aggiornamento, è il “key bumping”. Si tratta dell’arte di aprire le porte delle abitazioni senza lasciare segni di effrazione. A Roma, i Carabinieri hanno arrestato una banda di georgiani, ben 37 persone, specializzate in furti in appartamenti nella città e in provincia. L’organizzazione criminale è risultata responsabile di decine di colpi in appartamenti, e in particolare, è specializzata nella tecnica consente …

I consigli del ladro per una difesa ottimale contro i furti in estate.

furti in appartamento

Le vacanze, per molte famiglie italiane, sono già iniziate. Le città si svuotano e le case rimangono sempre più isolate, soprattutto se i vicini decidono di partire nello stesso periodo. Quella delle vacanze estive, quindi, diventa un’occasione per ladri, professionisti e no, per entrare in azione, in quanto hanno meno possibilità di essere visti e acciuffati e possono, così, agire con più calma. Il giornale napoletano “Il Mattino” proprio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 4 – Visione filmati e integrazione

Passiamo alla quarta ed ultima parte della nostra guida, rispondendo a domande su come visualizzare i video di sorveglianza e come integrare le proprie apparecchiature di sorveglianza con altri sistemi video. 6. Visualizzare i video La maggior parte dei video di sorveglianza non viene mai vista da esseri umani, se non per indagini storiche. Alcuni sistemi a circuito chiuso consentono la visione in diretta, ad esempio come sistemi antitaccheggio in …

Guida alla sorveglianza video: parte 3 – Salvataggio filmati e analisi video

Proseguiamo con le nostre 7 domande, con la parte dedicata ai supporti di salvataggio dei filmati video, e all’analisi dei filmati registrati. 4. Salvataggio I video di sorveglianza sono quasi sempre salvati per recupero e revisione. La durata media dello stoccaggio è tra i 30 e i 90 giorni, anche se in alcuni casi il periodo può essere più breve, o durare anche per qualche anno. I due elementi più …

Guida al controspionaggio

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 2)

LEGGI LA PRIMA PARTE… – La scatola di una presa elettrica sembra essere stata spostata
. Le prese elettriche sono tra i punti dove più frequentemente vengono nascosti dispositivi di intercettazione, così come lo sono i rilevatori di fumo, le lampade o gli interruttori. Se notate della sporcizia (tipo segatura o …

Come capire se qualcuno ti spia (Parte 1)

A casa, in ufficio ed in qualsiasi posto vi troviate potreste essere spiati. Chiunque voi siate, e qualsiasi cosa facciate, vi può capitare di incontrare persone che, per interesse o per avidità di potere, desiderano di venire in possesso di vostre informazioni riservate, sia per danneggiarvi che per ottenere un …

Il fisco controllerà anche i telefoni

Tra le grandi manovre di controllo che si stanno operando per monitorare i contribuenti, pare che gli agenti 007 dell’Agenzia delle Entrate si stiano concentrando sulle intercettazioni del nostro cellulare. Iphone, Samsung o qualsiasi altra marca sia, il fisco non si pone limiti. Non si tratta di spiare il contenuto …

ADS

 

 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Rilevatore di giunzioni non lineari capace di scoprire dispositivi elettronici nascosti, anche se il dispositivo emette irradiazioni, abbia fili o sia acceso.
 MICROREGISTRATORI
Nuovissimi microregistratori digitali con durata di registrazione fino a 1200 ore. Utilissimi per raccogliere prove o scoprire tradimenti di ogni tipo. I modelli ad attivazione vocale VAS permettono inoltre una maggiore autonomia di consumi. Affidabilità, efficacia e prezzo conveniente.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spy phone, o cellulare spia, è un normale cellulare su cui viene installato un software spia capace di intercettare qualsiasi azione intrapresa sul cellulare stesso (chiamate, SMS, foto ecc.). Il software spia per spyphone è funzionante sulla maggior parte degli smartphone con sistema operativo Android, iOS e Blackberry.
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 MICROAURICOLARI
microauricolareI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all’auricolare celato nell’orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.

ARTICOLI IN RILIEVO

Come difendersi dalle intercettazioni telefoniche non autorizzate

28 Apr 2017

cellulare-criptato-anti-intercettazione

Mentre anche la politica d’oltreoceano, con la recente presa di posizione abolizionista del neo presidente americano Donald Trump, sembra muovere in direzione opposta a quella della tutela dei dati on line, garantirsi degli strumenti efficaci contro il furto di informazioni diventa ogni giorno più pressante. Lo stesso dicasi per le intercettazioni telefoniche abusive. Ovviamente in quest’ultimo caso ci riferiamo a tutte quelle operazioni non autorizzate da organi giudiziari competenti, ma comunque avviate in maniera indiscriminata …

Microspia GSM NANO-BUG. Per un ascolto efficace di veicoli o ambienti da qualsiasi distanza

9 Dic 2016

microspia-gsm-nano-bug_400x227

Se cercate una microspia audio dalle dimensioni realmente ridotte, facile da installare e capace di funzionare da qualsiasi distanza, allora la NANO-BUG è il dispositivo adatto a voi. Questo gioiellino di elettronica per l’intelligence funziona infatti grazie a un vettore GSM Quadriband che permette l’ascolto audio da qualsiasi postazione. Le caratteristiche più interessanti della NANO-BUG risiedono principalmente nella programmazione da remoto attraverso l’invio di SMS di comando (fino a 5 …

Come scoprire se qualcuno ti sta spiando in poche semplici mosse

21 Set 2016

spiare-bonifiche-ambientali

Temi che qualcuno abbia piazzato dei microfoni nel tuo appartamento? Hai paura che stiano spiando ogni tuo movimento? Sei convinto che nella tua auto ci sia una microspia? Vediamo insieme quali segnali prendere in considerazione per evitare qualsiasi abbaglio interpretativo e giungere invece alla verità. Prima di passare a elencare i segni tangibili e quelli meno evidenti di eventuali intercettazioni in atto, sarebbe  tuttavia opportuno chiedersi: perché dovrebbero spiare proprio …

Microregistratore digitale SAB-R1: lunga durata e dimensioni ridottissime

26 Ago 2016

microregistratore-digitale-sab-r1

Registra file audio a livello ambientale su memoria integrata da 8GB per 40 ore consecutive. Il micro registratore digitale SAB-R1, di recente ideazione, si colloca ai primi posti nel panorama dei dispositivi elettronici per la registrazione ambientale in modalità nascosta. Questo grazie soprattutto alla sua capacità di registrare e archiviare file in formato wave (ad altissima qualità audio) per una durata prossima alle 40 ore. Le sue ridotte dimensioni (4×1.7×0.8 …

Come proteggersi dal cyberbullismo. L’esempio di Facebook

26 Lug 2016

bullismo-facebook

Come difendere i nostri figli dai bulli che popolano la rete? La risposta potrebbe arrivare dalle linee guida pubblicate qualche tempo fa da Facebook su una pagina dedicata al bullismo, dal titolo: “Fermiamo il bullismo. Presentazione di strumenti, suggerimenti e programmi per aiutare le persone a difendere se stesse e gli altri“. L’obiettivo principale del noto social network è chiaramente quello di mitigare l’aumento di casi di violenza verbale, ingiurie …

Cellulare Stealth Phone non intercettabile con invio di SMS criptati

4 Lug 2016

stealt-phone-smartphone

In tempi in cui tutti si affannano a spiare tutti, la privacy delle comunicazioni sembra quasi diventata  un optional. Purtroppo, anche i casi di persone spiate al cellulare da concorrenti sleali, pirati informatici o altri individui senza scrupoli aumentano. Fermo restando le operazioni di intercettazione telefonica avviate legalmente dagli organi giudiziari, ogni altra azione di spionaggio telefonico rischia di diventare un pericolo da cui è necessario tenersi assolutamente alla larga. …

Localizzatore Quad-Track: rintraccia qualsiasi veicolo fermo o in movimento

8 Apr 2016

magnetic-gps-gprs-tracker-quadriband

Tracciamento in real time di auto, moto, camion, container ecc. A prova di intemperie! Se il vostro bersaglio vi sta mettendo a dura prova con spostamenti continui e improvvisi, il localizzatore quadribanda GPS-GPRS Quad Track è il tracker che fa per voi. In primo luogo perché è capace di captare il segnale di posizione con precisione impressionante (meno di 5m), quindi perché utilizza l’azione combinata del segnale GPS e GPRS …

ADS

 

 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta e il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.

Violazione dei diritti civili

Oltre 560 scrittori ed intellettuali firmano contro le intercettazioni

2 Gen 2014

Oltre 560 scrittori ed intellettuali firmano contro le intercettazioni

La bambina virtuale adescata da 20mila adulti

26 Nov 2013

Sweetie, una bambina virtuale, messa in rete come esca, per verificare quanto e come gli adulti si avvicinano ai piccoli via web. L’esperimento, condotto dall’associazione per i diritti umani olandese Terre des Hommes, ha purtroppo attirato, in appena due mesi e mezzo, oltre 20mila persone, 1000 delle quali identificate. Erano disposti a …

Il costo della nostra privacy

31 Lug 2013

Si è soliti sostenere che la privacy non ha prezzo, oggi però ci sono dei parametri attendibili con cui farsi un’idea: il tariffario con cui gli operatori telefonici e gli Internet service provider statunitensi vendono le conversazioni degli utenti al governo. Dopo il caso Snowden, a svelare il listino prezzi è stato il …

Spionaggio per manipolare i social network secondo il Guardian

10 Mag 2011

Lo dice il Guardian. L’esercito americano sta sviluppando un software che consente di manipolare segretamente i siti di social media utilizzando falsi personaggi online per influenzare le conversazioni su Internet e diffondere propaganda filo-americana. Una società californiana si è aggiudicata un contratto con la United States Central Command (Centcom), che …

Le vite degli altri a Pechino

7 Mag 2011

Istituiti nuovi controlli su Internet mentre la tv vieta i film di spionaggio e crimine Istituzione di un nuovo ufficio per coordinare i controlli di Internet, proibizione di teletrasmettere film che includono immaginari viaggi nel tempo, ma anche quelli di spionaggio e di crimine, e l’ex ministro della Pubblica Sicurezza, …